Articolo

“Io resto a casa”, le buone abitudini da consolidare

Sappiamo gestire il tempo che questa pandemia ha improvvisamente messo a nostra disposizione? E' una grande opportunità che ci viene offerta e che dobbiamo sfruttare al meglio

buone-abitudini

Credit foto
©Alena Ozerova -123Rf

Questo è un momento storico che ricorderemo per sempre e che ci vede  in una condizione di stallo, chiusi nelle nostre case per proteggerci da questa incredibile pandemia.

Abbiamo quindi molto tempo a disposizione per dedicarci alla cura di noi stessi, dei nostri cari e della nostra casa.

Dobbiamo fare attenzione a non disperderlo: la gestione del tempo, promuovendo e consolidando buone abitudini, è un’occasione più unica che rara per la crescita personale.


Circa 16 ore tutte per noi, come possiamo impiegarle? Creiamoci dei programmi quotidiani, che possano rappresentare delle linee guida che nel tempo si integreranno nella nostra nuova vita e promuoveranno il nostro benessere. Internet ci è di grande aiuto con moltissimi tutorial che ci illustrano come procedere.

 

qi-gong

Credit foto
©microgen -123RF

Ginnastiche energizzanti

Dobbiamo prediligere attività fisiche praticabili indoor, anche in spazi limitati, e allora sfruttiamo pratiche apparentemente semplici, che in realtà non lo sono, dalla valenza potentemente energizzante, come lo Yoga, il Tai-Chi o il Qi Gong.

Se non siamo esperti, scegliamo alcune sequenze di facile approccio e consolidiamole con costanza, perché ne vedremo i risultati nel breve tempo.

  • Una sequenza interessante che mobilizza tutte le parti del corpo e stira i Meridiani energetici ci viene fornita dal Qi Gong:

Otto pezzi di Broccato: Ba Duan Jin è la denominazione originale di questa sequenza di 8 esercizi preziosi del QiGong.

Serve a tonificare il Qi, a stirare i Meridiani per favorire il libro fluire del Qi e dello Shen, a beneficio degli organi interni e del sistema nervoso centrale.

La caratteristica di questa sequenza è la morbidezza dei movimenti e la flessibilità del corpo.

Su youtube possiamo trovare la dimostrazione del kata. Ogni movimento può essere ripetuto 6 volte per tonificare lo Yin e lo Shen, oppure 9 volte per tonificare lo Yang e il Qi.

  1. Toccare il cielo con le mani: il movimento porta a sollevare il palmo delle mani verso l’alto e a condurre l’energia lungo il Triplice Riscaldatore. Tonifica il tronco, allevia la pesantezza delle gambe dovute a ritenzione idrica, drena i gonfiori addominali. Favorisce l’espansione polmonare, scioglie le articolazioni degli arti superiori, polsi, gomiti e spalle. Migliora la postura.
  2. Tendere l’arco a sinistra e a destra: il movimento porta a visualizzare un bersaglio e di tirare il dardo con l’arco, con un’estensione e decontrazione delle braccia sia a destra sia a sinistra. Questa pratica migliora deficit respiratori, come asma, bronchite. Favorisce la mobilizzazione della 7a vertebra cervicale e le prime dorsali, stimola il meridiano di Polmone ed Intestino Crasso.
  3. Una Mano spinge il Cielo e l’altra tocca la Terra: questo movimento tonifica la milza, lo stomaco e stimola il flusso di energia lungo entrambi i lati del corpo, con benefici al fegato e alla vescicola biliare.
  4. Guardare la Luna alle proprie spalle: il movimento chiede di immaginare di essere una cicogna e di girare la testa da entrambi i lati cercando di guardare dietro di sé. Pratica indicata in caso di cervicalgia, rinforza la vista, regola la pressione sanguigna ed elasticizza le arterie.
  5. Dondolare e Muovere la Vita e la Coda: visualizzare il movimento di un pesce nell’acqua. E’ utile per la colonna vertebrale e per scaricare le tensioni. Rafforza il sistema cardiorespiratorio, attenua ansia e stress.
  6. Chinarsi per Rinforzare la Schiena e i Lombi: il movimento prevede di flettersi indietro concentrandosi sui lombi e poi flettersi in avanti fino ai piedi. Serve a tonificare il Rene e le ghiandole surrenali, stira i meridiani di reni e vescica.
  7. Colpire a destra e sinistra con lo sguardo attento: il movimento parte dalla posizione del fantino, le mani chiuse a pugno all’altezza dei fianchi. Espirando si porta il pugno in avanti ruotando il polso come per colpire e lo sguardo mirato. Questa pratica sollecita il flusso del Qi che dai piedi arriva alle mani, tonifica la muscolatura, calma fegato e Shen, scioglie i blocchi emotivi.
  8. Muoversi facendo sobbalzare il Dorso: il movimento tende verso l’alto oscillando sugli avampiedi, questa pratica rilassa il corpo, utile per la colonna vertebrale, rafforza l’equilibrio.
  • Altre sequenze da poter attivare se si è un po’ più esperti sono i 5 tibetani, considerati elisir di lunga vita, che vanno a stimolare le ghiandole endocrine e i relativi chakra.
  • Oppure il Saluto al Sole, con 12 asana dello yoga dove viene richiesta una certa elasticità e consapevolezza del proprio corpo.


Possiamo alternare nell’arco dei sei giorni della settimana queste sequenze, il nostro corpo e la nostra mente ne trarranno un gran riequilibrio.

 

lota-lavaggi-nasali

Credit foto
©Stefano Carniccio -123RF

Pratiche di igiene detossinanti

Abbiamo il tempo per conoscere e adottare nuove pratiche igieniche che servono a depurare il nostro organismo, per mantenerci in una condizione di benessere, eliminando l’accumulo di tossine in alcuni distretti corporei.

  • Lavaggi nasali: si tratta di una pratica appartenente all’Hatha Yoga, si chiama Jala Neti, e viene eseguita con un piccolo recipiente dalla forma simil teiera dal nome Neti Lota.

    L’utilizzo è molto semplice, con acqua tiepida arricchita di sale si va ad irrorare una narice, con l’accortezza di tenere la testa inclinata da un lato: l’acqua defluisce dall'altra narice e viceversa.

    Questa pratica aiuta ad eliminare le secrezioni, a pulire in profondità il naso, favorendo una respirazione più fluida e a prevenire infiammazioni e raffreddori.
     
  • Pediluvi: con acqua calda e fredda per riattivare la circolazione periferica. Possiamo arricchire il pediluvio caldo con oli essenziali dalle proprietà circolatorie, rubefacenti per richiamare ossigeno, sbloccare le stasi linfatiche, promuovere la vasodilatazione per rilassare la muscolatura.

    Il passaggio al pediluvio in acqua fredda tonifica la circolazione venosa, la muscolatura, promuove il defaticamento di piede e caviglia.

    Gli oli essenziali più indicati possono essere: olio essenziale di rosmarino, dalle proprietà antinfiammatorie, drenante del sistema linfatico, contrasta l’accumulo di acido urico e riduce gli edemi; olio essenziale di ginepro, dalle proprietà decontratturanti, antibatteriche, drenanti e antinfiammatorie.

 

meditazione-tutorial

Credit foto
©Michael Simons -123RF

Meditazione

Abbiamo il tempo per curare la nostra anima!


Abbiamo bisogno di mantenerci centrati, in equilibrio, di liberare la mente, allungare il respiro, espandere i nostri orizzonti mentali.

La meditazione guidata può essere una giusta alternativa per rilassarci ed “evadere”, pulire la testa, purificare i pensieri.


I benefici della meditazione sono molteplici: consente di trovare la pace interiore, aiuta ad entrare in contatto con se stessi, favorisce la concentrazione, diminuisce lo stress, incrementa l’energia fisica, favorisce il sonno ristoratore.

Anche in questo caso i tutorial online sono uno strumento utile per avvicinarsi a questa pratica con percorsi guidati.
 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio