Articolo

La dermatite dei neonati

La dermatite può manifestarsi anche nei neonati già dai primi giorni di vita. Nella maggior parte dei casi, scompare del tutto seguendo alcuni semplici accorgimenti e usando rimedi naturali come gli oli essenziali.

dermatite-neonati

Credit foto
©stylephotographs / 123rf.com

In termini generali, la dermatite è un'infiammazione della pelle. Nei primi mesi di vita è ascrivibile alla mancanza di alcune sostanze basilari che la rendono restistente e ben idratata. La dermatite dei neonati inizia sotto forma di una lieve desquamazione della pelle, che poi si può trasformare in forme più gravi oppure scomparire del tutto.

 

La prima dermatite che si manifesta sulla pelle dei neonati – detta anche dermatite seborroica o “crosta lattea” – si sviluppa in modo simile alla psoriasi, con squame giallastre che si formano tra zona capillare, fronte, viso e collo, dietro alle orecchie e in altre parti del corpo (inguine, ascelle, pieghe delle braccia e delle gambe). Pur essendo una condizione molto evidente, non è pruriginosa e non comporta particolari fastidi per il piccolo.

 

A volte, oltre alla cute secca possono manifestarsi macchie ovali chiare. In questo caso si parla di pitiriasi alba: anche in questo caso è una condizione asintomatica o quasi, non contagiosa e destinata a sparire da sola, ma può provocare un lieve prurito. In questo caso bisogna prestare un po' più di attenzione perché, se grattata, la zona rischia di infettarsi.

 

Con il passare del tempo questa prima forma di dermatite dei neonati si può anche trasformare in altri disturbi, quali ad esempio psoriasi vera e propria, dermatite atopica (definita anche eczema) fino alla rara e grave eritrodermia di Leiner. Solo in questi casi si rende necessario l'intervento medico. Nella maggior parte dei casi, per liberarsi del tutto di tale disturbo basta seguire qualche accorgimento.

 

Dermatite da stress: i sintomi e i rimedi naturali

 

Cause della dermatite dei neonati

Le cause della dermatite seborroica dei neonati sono ancora ignote. Si ipotizza che alla base ci sia una carenza di biotina o di acidi grassi essenziali. Oppure potrebbe essere dovuta al trasferimento di ormoni dalla mamma al bambino che avviene dopo la gravidanza e implica a sua volta il verificarsi di due fenomeni collegati: la produzione di sebo e la diffusione sulla pelle del piccolo di un lievito chiamato Malassezia Furfur (precedentemente noto con il nome di Pityrosporum ovale).

 

Potrebbe avere un'influenza anche l’alimentazione del piccolo nei primi mesi di vita. L’allattamento al seno infatti fornisce molte sostanze che proteggono il neonato e stimolano la formazione del suo sistema immunitario. Il latte artificiale potrebbe al contrario contribuire all’insorgenza di allergie a livello epidermico e di alterazioni al microbioma intestinale.

 

Spesso la dermatite si ripresenta durante la pubertà, dove ancora una volta l'iperproduzione di sebo è legata alla particolare situazione ormonale. Nella maggior parte dei casi, comunque, è un fenomeno ben tollerato che non necessita di trattamenti particolari.

 

Rimedi naturali per la dermatite

Le squame causate dall’eczema dei neonati possono essere lenite grazie a piccoli e semplici accorgimenti:

  • Ammorbidire le crosticine con oli vegetali come olio di riso, olio di noce, olio d’oliva, olio di borragine, olio di calendula oppure olio di mandorle. Basta lasciarli agire sul cuoio capelluto per 5 -10 minuti circa, poi lavare con uno shampoo delicato per bambini.
  • Evitare detergenti a base di sostante irritanti o dal pH inadatto alla pelle del piccolo, prediligendo sostanze oleose appositamente studiate e lavando in modo delicato e senza strofinare.
  • In caso di prurito e arrossamenti può essere utile sciogliere l’amido di riso nell’acqua del bagnetto. Svolge azione antinfiammatoria, lenisce dal prurito e asciuga l’eccesso di sebo.
  • Tamponare successivamente le parti interessate con un po' di cotone idrofilo o una garza sterile per assorbire l’eccesso di grasso prodotto dalla crosta. Assolutamente da evitate le creme a base di grassi animali.
  • Non utilizzare detersivi aggressivi per la biancheria dei bimbi: potrebbero rilasciare sostanze allergizzanti attraverso i tessuti.

 

Infine c'è il classico rimedio della nonna: un recente studio ha dimostrato che l’applicazione topica di miele diluito con acqua calda migliora notevolmente la dermatite dei neonati e i fastidi a essa correlati.

 

Scopri le zone più colpite e le cure della dermatite dei bambini

 

 

Per approfondire

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio