Articolo

Le tisane depurative per il fegato

Le tisane depurative per il fegato sono a base di carciofo, tarassaco, cardo mariano, liquirizia e altre erbe coadiuvanti: scopriamole insieme!

Le tisane depurative per il fegato

Affidiamoci alle erbe amiche e all'erborista di fiducia per depurare il fegato e prepararci al meglio per la nuova stagione.

Un paio di tazze al giorno, mattina e sera, di tisane a base di carciofo o tarassaco sono l’ideale per dargli una mano, ma sono ottime anche liquirizia e menta e cardo mariano.

Ecco a seguire qualche semplice ricetta per iniziare a depurare il fegato.

 

Tisana alla liquirizia pura

Menzionata nel primo erbario della medicina tradizionale cinese, la liquirizia è annoverata tra i rimedi naturali in Asia da circa 5.000 anni per curare tosse, intossicazioni alimentari e disturbi al fegato, mentre in Europa è stata introdotta nel XV secolo dai frati domenicani.

Digestiva, depurativa, diuretica, antinfiammatoria, espettorante e protettiva della mucosa gastrica, la liquirizia è una pianta indicata per la pressione bassa, contro tosse, mal di gola, catarro, cervicale e acidità gastrica esercita anche una blanda funzione lassativa.

Ingredienti e preparazione: mettere 60 grammi di radice di liquirizia in un pentolino d’acqua bollente e lasciatela in infusione in un litro d’acqua per un’ora circa, bere calda. Se amate il gusto forte di questo infuso alla liquirizia, consumatelo così com’è, altrimenti aggiungete miele a piacere.

Uso: consumare una tazza calda la sera, prima di coricarsi.

Proprietà: depurative, rinfrescanti, espettoranti, diuretiche.

 

Scopri di più sulla tisana depurativa alla liquirizia

 

Formule composite di tisane per il fegato

Il carciofo, il tarassaco e il cardo mariano, che stanno alla base delle tisane che seguono, sono per antonomasia le piante del fegato.

L'infuso preparato con le foglie di carciofo, cui possono essere associate altre erbe, è davvero miracoloso dal punto di vista di stimolazione della diuresi ed eliminazione delle tossine: il sapore è molto amaro, ma il beneficio è assicurato.

Il cardo mariano è noto per avere una valida azione protettiva sul fegato, legata alla silimarina. La sua assunzione è indicata per la disintossicazione dovuta a epatite, cirrosi, alcolismo, droghe, e tossine ambientali, che entrano nel corpo tramite il cibo, l'acqua, l'aria e la pelle.

Con le sue proprietà depurative e antinfiammatorie, il tarassaco è un ottimo alleato nella cura delle malattie legate al fegato: stimola la funzionalità biliare, epatica e renale, cioè attiva gli organi emuntori (fegato reni pelle) adibiti alla trasformazione delle tossine, nella forma più adatta alla loro eliminazione (feci, urina, sudore).

Ecco 4 idee per le vostre tisane depurative composite:

  1. Foglie di carciofo, pari quantità di finocchio, in minore quantità radice di tarassaco e qualche foglia di menta piperita, malva e melissa;
  2. Tarassaco radice di base, poi, in minore quantità, genziana, rabarbaro, scorza d’arancia, corteccia di frangula, melissa, menta, liquirizia, anice stellato;
  3. Carciofo e cardo mariano in pari quantità, bardana, fumaria, rosmarino;
  4. Cardo mariano di base, menta e cumino in minore quantità.

Preparazione: si lasciano in infusione le erbe dai 10 ai 15 minuti in acqua bollente, per poi essere consumate dolcificate, se necessario, con del miele.

Consiglio: la costanza. Ottima la loro funzione di tisane disintossicanti se bevute regolarmente, mattina e sera, per almeno un paio di settimane, accompagnate da una dieta leggera e del sano movimento.

 

Dieta disintossicante, come funziona?

 

Per approfondire:

> Fegato, disturbi e cure naturali

> Curare il fegato con la fitoterapia

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio