Articolo

3 confetture di settembre

A settembre convergono la presenza di vecchie conoscenze primaverili, di alcuni frutti tipicamente estivi, e dell’arrivo delle new entry autunnali. Vediamo allora cosa possiamo produrre con tutta questa bontà se siamo interessati alle confetture fatte in casa.

3 confetture di settembre

Per identificare le confetture da fare a settembre bisogna anzitutto conoscere la frutta di stagione di questo mese sia estivo e preautunnale.

Troviamo ancora i frutti di bosco, specie i lamponi; abbiamo ancora frutti prettamente estivi come l’anguria e il melone; possiamo acquistare alcuni frutti presenti già da vari mesi, come le albicocche, le pesche, le prugne, le mele e le pere.

Infine abbiamo protagonisti veri e propri di questo mese: l’uva da tavola, con quella da vino pronta per la vendemmia, e i fichi che in questo mese danno il meglio di loro anche se sono già maturati in agosto.

Concludiamo con un frutto esotico che cresce bene anche in Italia: la feijoa.

 

Confettura di feijoa

Cominciamo dalla feijoa, frutto di origine brasiliana dal sapore particolare ed unico anche se molti dicono ricordi un misto tra fragola ed ananas.

La pianta viene usata spesso come siepe e quando fruttifica lo fa in abbondanza, quindi perché non approfittare di questa opulenza per farne delle confetture?

Ingredienti
>  1 kg di feijoa sbucciati
>  1 limone
>  750 g di zucchero
>  ½ tazza di acqua

Procedimento
I frutti maturi, ovvero lievemente molli alla pressione, andranno sbucciati della buccia verde e tagliati almeno in quattro pezzi. Tutta la polpa bianco crema col suo interno gelatinoso verrà messa in una pentola dal fondo spesso, assieme allo zucchero, all’acqua (meglio se tiepida) e al succo e alla buccia grattugiata di limone.

Accendere la fiamma molto bassa e continuare a girare finchè tutto lo zucchero si sia disciolto. A questo punto si alza la fiamma e lasceremo bollire il tutto per circa 20-25 minuti, fintanto che la polpa non si sia disfatta e abbia raggiunto una consistenza ideale.

E’ una confettura ottima anche calda, ma generalmente viene conservata in vasetti di vetro sterilizzati e tenuti al buio.

 

Leggi anche Feijoa e amolo tra i frutti dimenticati >>

 

Confettura di uva bianca

La confettura di uva bianca è considerata il partner ideale del burro di arachidi per essere spalmata su del pane morbido e creare così una colazione coi fiocchi.

Non ha bisogno di essere particolarmente consistente, e questo vuol dire una minore di quantità di zucchero. Tutto a favore della nostra salute.

Ingredienti
>  1 kg di chicchi di uva bianca senza semi
>  1 tazza e ½ di zucchero granulato
>  1 tazza di acqua

Procedimento
Prendere i nostri chicchi d’uva bianca senza semi e mescolarli assieme allo zucchero e alla tazza di acqua fintanto che il tutto non si disciolga. Ci aiuteremo pressando il tutto con un mestolo di legno.

Non abbiamo trovato uva senza semi? Poco male, utilizzeremo lo stesso processo aggiungendo un’ulteriore tazza d’acqua e filtrando il tutto.

Dopo circa 20 minuti a fiamma lievemente più alta passeremo la nostra confettura dalla consistenza di purea nei vasetti sterilizzati o, nel caso volessimo una consistenza spalmabile, aggiungeremo della pectina e cuoceremo per altri 5 minuti.

 

Confettura di "Prunus"

Nessun errore… Prunus non è il nome di un frutto ma di un Genere di piante delle Rosaceae alle quali appartengono alcuni frutti che trovano in settembre il capolinea della loro maturazione: pesche, prunge e albicocche.

Così com’è possibile incrociarle tra loro è anche possibile preparare una confettura mista di questi frutti che, benché poco comune, è davvero squisita. Non sotto forma di frutto ma di “latte”, aggiungiamo un altro membro dei Prunus: la mandorla.

Ingredienti
>  300 g di pesche mature sbucciate;
>  300 g di prugne nere mature;
>  300 g di albicocche mature;
>  1 bicchiere di latte di mandorle;
>  800 g di zucchero.

Procedimento
Niente di più semplice: prendere la polpa di tutti e tre i differenti tipi di frutta con un bicchiere di latte di mandorle. Riporre il tutto in una pentola assieme allo zucchero e lasciare per circa 20-25 minuti a fiamma mediobassa.

Concludere mettendo il nostro prodotto nei vasetti sterilizzati o godere di questa confettura in pieno inverno.


Leggi anche La frutta dimenticata dell'autunno >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio