Articolo

3 ricette per usare i semi di lino

Ingredienti e preparazione di 3 ricette facili per usare i semi di lino integrandoli nella dieta

3 ricette per usare i semi di lino

I semi di lino si trovano facilmente in ogni supermercato. Integrare l'alimentazione con i semi di lino è quindi molto facile e molto salutare.

In commercio si trova anche l'olio di semi di lino, ma per mantenere intatte le proprietà deve essere stato spremuto a freddo dai semi e deve essere conservato in frigorifero. Diversamente non si avrà che un comune olio.

La buccia dei semi di lino è particolarmente coriacea, e spesso transita nell'apparato digerente senza essere digerita. Pertanto non si sono potuti assimilare i suoi costituenti principali.

Per essere digerito e metabolizzato il seme di lino deve essere frantumato, per questo è necessario, in ogni preparazione, pestare i semi di lino con un pestello a mano o usare un semplice macina caffè.

Poiché i semi sono molto sensibili alla temperatura si consiglia di frullare i semi nel macina caffè per pochi secondi, per evitare che si alterino.

Anche la cottura altera gli omega 3 e i lignani, quindi si consiglia di aggiungerli a cottura ultimata o di consumarli crudi.


Semi di lino: ecco 3 ricette facili

Olio di semi di lino

Il modo più semplice per trarre il meglio dai semi di lino è quello di acquistare l'olio ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di lino biologici, conservati in frigorifero.

Ci si può assicurare della freschezza dell'olio guardando il tipo di conservazione e la data di scadenza dalla spremitura: non deve superare gli 8-12 mesi.

L'olio di semi di lino si può assumere al posto di quello che una volta era l'olio di fegato di merluzzo, e per le stesse motivazioni. Se ne assumono due cucchiaini alla mattina a stomaco vuoto, prima della colazione, oppure si può usare come olio per condire insalate, o pietanze, ma sempre a freddo.

Si può anche miscelare l'olio extra vergine di oliva con dei semi di lino macinati o triturati nel macina caffè, e dare un sapore un più al condimento.

Visto però il veloce irrancidimento dei semi di lino macinati a contatto con l'aria, si consiglia di prepararne piccole quantità da consumare in tempi brevi.

olio lino

 

Mix per insalate

Un altro modo per usare i semi di lino, sempre macinati, è mescolandoli ad altri semi oleosi per creare un mix da cospargere su insalata, carpacci di verdura, e sughi crudisti.

Ingredienti:
> un cucchiaio di semi di lino,
> un cucchiaio di semi di sesamo,
> un cucchiaio di semi di girasole.

Il mix è di facile preparazione: in un macina caffè elettrico o in un pestello si versa un cucchiaio di semi di lino, un cucchiaio di semi di sesamo, e un cucchiaio di semi di girasole.

Si macina il tutto e si aggiunge, poi, del sale integrale. I semi di girasole e i semi di sesamo possono essere tostati prima di essere macinati, ma è necessario farli raffreddare prima di aggiungerli ai semi di lino per macinarli. Questo mix si può preparare anche in più quantità: basterò consumarlo entro due o tre giorni, conservandolo in luogo buio e fresco, se in frigorifero è meglio.

ricette semi lino insalata

 

Crema Budwig

La crema Budwig è la colazione della dieta Kousmine; costituisce una colazione sostanziosa e ricca di micronutrienti utilissimi per il benessere dell'organismo.

Ingredienti:
> 1 cucchiaio e mezzo di semi di lino pestati o macinati con un macina caffè;
> 1 cucchiaio di cereale integrale crudo (riso, orzo, avena...);
> mezzo limone con la buccia;
> 1 banana;
> 1 frutto di stagione a scelta;
> 1 cucchiaio di semi oleosi (girasole, mandorle, noci...) macinati con il macina caffè;
> 1 yogurt (125 gr), di latte di mucca o di soia, oppure 100 grammi di ricotta oppure 75 gr di tofu.

Preparazione: si macinano a parte i semi di lino e i semi oleosi, si unisce poi tutto in un frullatore e si frulla. La frutta è necessario che sia biologica, poiché va frullata con tutta la buccia.

La crema Budwig è una colazione molto calorica, ma con il giusto apporto di proteine e con basso indice glicemico tale da evitare i “cali di zucchero” durante la mattinata e la conseguente ricerca di spuntini poco salutari.

ricette semi lino crema budwig

 

Semi di lino: cosa sono

La pianta del lino è una pianta erbacea annuale di media altezza, dagli steli lungi e sottili e dai fiori azzurri. Dal lino si ottiene il tessuto, il materiale per realizzare corde, e i semi.

I semi di lino hanno l'aspetto simile ai semi dell'anguria, ma sono più piccoli e più coriacei. L'olio di semi di lino è stato da sempre usato come integratore alimentare, come componente per la pittura ad olio, per prodotti per la lucidatura del legno e come ingrediente principale per il linoleum, materiale edile usato per piastrelle e rivestimenti.

La pianta del lino è quindi una pianta tanto semplice quanto versatile nel suo utilizzo. Così i suoi semi.

Nel campo alimentare e dalla salute naturale i semi di lino sono usati sia come integratore alimentare che come rimedio naturale esterno (impacchi, cataplasmi) e interno (acqua sopranatante, olio di semi di lino, farina di semi di lino).

I semi di lino sono particolarmente ricchi di:

  • lignani: fitoestrogeni in grado di aumentare le difese immunitarie e di concorrere all'abbassamento del rischio di cancro alla mammella e della prostata e del colon;

  • acido alfa-linoleico, più comunemente conosciuto come acido grasso omega 3: acidi grassi essenziali dalla funzione antinfiammatoria e di contenimento della produzione di trigliceridi, e quindi in grado di proteggere gli apparati circolatori dalla formazione di trombi e coaguli di grassi.

I semi di lino, come l'olio di lino spremuto a freddo e adeguatamente protetto dall'irrancidimento, sono una delle fonti vegetali più ricche di omega 3.

Tramite l'assunzione alimentare di semi di lino è possibile mantenere un adeguato equilibrio tra l'introduzione di omega 3 e omega 6: equilibrio particolarmente importante per chi soffre di colesterolo alto, stati infiammatori e problemi circolatori.

 

Gli usi dell'olio e dei semi di lino nell'ayurveda