Articolo

Fiori di Bach per la disperazione e lo scoraggiamento

Alcuni fiori di Bach possono venire in aiuto nei momenti di debolezza, di immobilità, di stanchezza. Si possono usare quando non si è in grado di ricaricare le energie e di dare una nuova e fresca sferzata alla motivazione che ha dato il via a ciò che si è intrapreso, facendo subentrare lo scoraggiamento e la disperazione

Fiori di Bach per la disperazione e lo scoraggiamento

Capita a tutti di progettare qualcosa e di trovarsi poi, dopo molti sforzi, arenati e incapaci di proseguire.

Quando si è dato tutto e ci si è impegnati a fondo ma si sente di non essere approdati ad alcun risultato.

Scoraggiamento e disperazione sono un aggravarsi di situazioni come la paura e l'indecisione, così come possono esserne anche la base. Nei trattamenti prolungati con i fiori di Bach spesso si devono passare molti fiori prima di arrivare a quello centrale, quello che sta alla base e che può dare un aiuto profondo alla persona in sofferenza.

Il gruppo che racchiude i fiori di Bach utili in caso di disperazione e scoraggiamento comprende quei fiori che aiutano a riacquistare fede e speranza in ogni situazione e dopo ogni situazione.

Di tutti i gruppi è quello con più numero di fiori: questo indica quanto spesso alla base di molti disequilibri vi siano la disperazione e lo scoraggiamento dovute a una perdita della fiducia.

Si possono usare questi fiori quando il test kinesiologico li segnala come utili, in quei casi in cui si è spesso andati oltre le proprie possibilità fisiche o mentali, perché ci si è logorati internamente o esteriormente, quando “non se ne può più”.

 

I fiori di Bach per lo scoraggiamento e la disperazione

I fiori di Bach per la disperazione e lo scoraggiamento sono i seguenti:

  • Crab Apple: ciascuno di noi ha una parte oscura, un'ombra che ci segue, lati di cui ci si vergogna e che si vorrebbe eliminare e dai quali ci si vorrebbe purificare. Crab Apple è il fiore che permette di superare lo scoraggiamento che deriva dal constatare che, per quanti sforzi si possano fare, questa ombra permane, latente e pronta a fare capolino nei momenti difficili. A volte non ci si può sbarazzare della propria parte oscura, altre volte invece il bisogno di pulizia interiore o esteriore può essere coronato da successo: in entrambe i casi Crab Apple permette di integrare il senso di purificazione con l'amore verso se stessi;

  • Elm: è il fiore per chi nutre un eccessivo senso di responsabilità, per chi ha grandi intenti e sa perseguirli in maniera costante. Accade a vole però che questi individui portino all'eccesso la responsabilità nei confronti di quanti li circondano, ed essendo mossi da alti ideali il peso di questa responsabilità si fa pressante. Elm è il fiore che aiuta a dare un limite a questo senso di responsabilità che spesso può abbracciare tutta l'umanità, e ridimensiona le proprie capacità in un ambito individuale più sostenibile;

  • Larch: quando il senso di fallimento si incista sul senso di inferiorità, ecco che Larch può arrivare in aiuto. Larch è il fiore che permette una giusta valutazione di sé, senza indulgere in vittimismi o pietismo, ridimensionando il concetto di fallimento a favore del più costruttivo concetto di esperienza;

  • Oak: è il fiore per chi tenta incessantemente anche quando chiunque altro si arrende. Per questo può accadere che tanto alta la fede quando crolla scava un abisso di scoraggiamento e di disperazione. Per recuperare il giusto stato di energia e riprendere a sforzarsi e tentare, per ricaricare le pile, si può usare Oak: esso accresce la forza e la giusta amministrazione della stessa;

  • Pine: è il fiore per chi esprime troppo spesso, con gesti e pensieri, il senso di colpa, per qualsiasi cosa, anche per avvenimenti che non lo riguardano. Questo senso di colpa porta a punire se stessi. Pine aiuta a dare una giusta valutazione di se stessi, dei propri limiti ma anche delle proprie responsabilità, alleggerendo la disperazione di chi si sente responsabile di ogni cosa accade in questo mondo;

  • Star of Bethlehem: è il fiore indicato in caso di traumi improvvisi mai superati, siano essi anche di un lontano passato. Lo stato Star of Bethlehem non equilibrato è uno stato di profonda disperazione. Star of Bethlehem è uno dei fiori che compone il rimedio di emergenza Rescue Remedy, per la sua capacità di portare conforto;

  • Sweet Chestnut: è il fiore utile per quanti sentono di aver toccato il fondo su ogni livello: fisico, mentale ed emotivo; quando si pensa di aver raggiunto il limite oltre il quale non esiste capacità di sopportazione. Sweet Chestnut in questi casi permette la rinascita che spesso accompagna questi momenti di profondo cambiamento;

  • Willow: la tipologia di persona Willow proietta la propria ombra e il proprio lato oscuro all'esterno: questo lo porta ad essere completamente scoraggiato nei confronto del mondo esterno, e lo fa indulgere in vittimismo e accuse sterili. Il fiore Willow è utile quando non si riesce a integrare dentro di sé, con amorevolezza e accettazione, i propri difetti, ributtandoli addosso altri altri, proiettando fuori di sé un mondo ingiusto, privo di speranza e amaro.

 

Stanchezza da esaurimento? Prova i fiori di Bach

 

Per approfondire:

> I 39 rimedi di Bach

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio