Articolo

Crema con l'echinacea: la ricetta e gli usi

La ricetta per preparare la crema con l'echinacea e le sue proprietà e i suoi usi in cosmesi

Crema con l'echinacea: la ricetta e gli usi

L'echinacea è una pianta conosciuta soprattutto per la prevenzione dei malanni di stagione, ma l'estratto di echinacea ha proprietà utili anche per la pelle, in particolare in caso di irritazioni e infiammazioni.

Vediamo come utilizzare l'estratto di echinacea in una crema fai da te molto semplice da preparare.

 

Crema lenitiva dell'echinacea: ricetta e usi

Per sfruttare i benefici dell'echinacea possiamo preparare una crema in emulsione semplice, aggiungendo un estratto glicolico di echinacea alla preparazione.

Con questa ricetta preparerete una crema utile in caso di scottature dovute al sole o piccole ustioni causate dal forno o dal ferro da stiro. L'azione rigenerativa dell'echinacea è inoltre utile a prevenire e contrastare le smagliature e grazie alla presenza dell'olio di rosa mosqueta e dell'olio essenziale di mandarino questa crema aiuta a migliorare il tono e l'elasticità della pelle se utilizzata con costanza, almeno una volta al giorno.

Grazie alle proprietà lenitive dell'echinacea, questa crema può essere applicata anche in caso di arrossamenti, irritazioni e prurito dovuti da psoriasi, couperose, orticaria, dermatiti e irritazioni della pelle: in tutti questi casi, sostituite l'olio essenziale di mandarino con quello di lavanda, dalle spiccate proprietà lenitive e utilizzate la crema al bisogno, applicandola localmente sulle zone da trattare.

Ingredienti
> 30 g di infuso di echinacea
> 7 g di olio di rosa mosqueta
> 3 g di emulsionante
> 2,5 g di estratto glicolico di echinacea
> 5 gocce di olio essenziale di mandarino o di lavanda
> conservante secondo scheda tecnica

Procedimento e uso: preparate l'infuso di echinacea ponendo in infusione per cinque minuti un grammo di echinacea in acqua distillata. Al termine dell'infusione filtrate. Scaldate a bagnomaria l'olio di mandorle dolci, l'olio di rosa mosqueta e l'emulsionante; quando il composto apparirà liquido, togliete dal bagnomaria e versate il tutto nell'infuso agitando con una piccola frusta elettrica fino a emulsione avvenuta.

Quando la crema apparirà bianca e densa, unite il resto degli ingredienti. Misurate il pH e, se necessario, portatelo a 5,5/6 aggiungetelo unendo qualche goccia di soluzione di soda caustica per basificare o qualche goccia di acido lattico per abbassare il pH, misurando dopo ogni aggiunta.

Travasate in un contenitore pulito e asciutto, munito di coperchio. Conservate lontano da fonti di calore per un periodo non superiore ai tre mesi.

 

Come usare la tintura madre di echinacea

 

Proprietà e usi dell'echinacea in cosmesi

In cosmesi si può utilizzare l'estratto glicolico di echinacea per realizzare prodotti lenitivi e cicatrizzanti. I cosmetici che contengono echinacea sono adatti per velocizzare la guarigione della pelle in caso di scottature causate dal sole, piccole ustioni della pelle, smagliature e cicatrici in generale.

Data l'azione lenitiva, le creme a base di echinacea sono adatte anche per calmare l'irritazione e l'arrossamento della pelle dovuto da cause diverse: depilazione, infiammazioni della pelle, dermatiti.

L'estratto di echinacea è anche un ottimo antirughe e rassodante e i cosmetici che lo contengono possono quindi migliorare l'elasticità, il tono e l'aspetto della pelle.

Sembra infine che l'echinacea sia adatta alle pelli impure e con tendenza all'acne, quindi non è raro trovare l'estratto di questa pianta in prodotti specifici per la cura di pelli grasse o acneiche.

 

Scopri le mille risorse dell'echinacea

Per approfondire:

> Pelle, disturbi e rimedi naturali