Articolo

Capillari rotti, strategie naturali

Rimedi naturali e strategie per prevenire la dilatazione e la rottura dei capillari.

Capillari rotti, strategie naturali

I capillari rotti o dilatati sono una conseguenza alla fragilità capillare: vediamo le migliori strategie naturali per prevenire la comparsa dei capillari su viso e corpo.

 

Fragilità capillare: da cosa dipendono i capillari rotti

La fragilità capillare si manifesta con un’evidente dilatazione del reticolo vascolare capillare soprattutto a livello del viso (couperose) e degli arti inferiori.

I capillari rotti sono chiamati teleangectasie e risultano particolarmente evidenti nella zona intorno al naso, sul mento, sulle guance su polpacci, caviglie e cosce; a volte i capillari rotti si notano anche nella zona del busto.

I capillari rotti non possono essere eliminati se non con trattamenti specifici effettuati dal medico dermatologo; il modo migliore per evitarne la comparsa è quindi la prevenzione.

Generalmente la fragilità capillare è accompagnata da altre problematiche del sistema circolatorio e per prevenire la comparsa di capillari rotti è necessario modificare il proprio stile di vita.

Esistono poi rimedi naturali che possono aiutare a prevenire la rottura dei capillari.

 

Leggi anche Capillari fragili, trattarli con i rimedi naturali >>

 

Strategie contro i capillari rotti

Chi soffre di disturbi circolatori può prevenire la dilatazione dei capillari adottando semplici strategie quotidiane.

Innanzitutto occorre eseguire un’attività fisica regolare e praticare attività sportive: passeggiare, andare in bicicletta, nuotare, sono alcuni esempi di attività da svolgere per facilitare la circolazione sanguigna.

Un’adeguata attività fisica aiuterà anche a ridurre un eventuale sovrappeso, condizione che influisce negativamente sulla circolazione sanguigna.

Una vera e propria ginnastica dei vasi sanguigni si ottiene invece attraverso frizioni, getti di acqua fredda e passeggiate in riva al mare immersi fino alle ginocchia; vanno invece evitati bagni e docce con acqua molto calda, saune, esposizione prolungata al sole e ad altre forme di calore poiché il calore causa dilatazione dei vasi sanguigni.

Occorre poi evitare di rimanere per troppo tempo in piedi o seduti: è opportuno alternare la posizione eretta e quella seduta nel corso della giornata.

Inoltre, meglio scegliere calzature e indumenti comodi, che non costringano gambe, piedi, caviglie.

Infine occorre riposare con i piedi leggermente sollevati rialzando la base del letto di 5-10 cm.

 

Rimedi naturali contro i capillari rotti

Oltre a modificare lo stile di vita, esistono rimedi naturali che possono aiutare a prevenzione la rottura dei capillari.

Tra le strategie naturali più efficaci per prevenire i capillari rotti troviamo i rimedi a base di flavonoidi, composti chimici presenti in moltissime piante tra cui la betulla: queste sostanze agiscono aumentando la resistenza dei capillari e prevenendone così la rottura.

Alcune delle piante utilizzate per la prevenzione dei capillari rotti e dilatati sono la vite rossa (Vitis vinifera rubra), la centella (Centella asiatica) e l’ippocastano (Aesculus hippocastanum), il mirtillo (Vacciunium myrtillus) e il ginkgo (Ginko biloba): tali piante possono essere assunte da sole o in sinergia tra loro sotto forma di tisane o tinture madri.

 

Leggi anche Miscela di oli essenziali per la pelle con capillari rotti >>

 

Foto: noeemi / 123RF Archivio Fotografico

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio