Articolo

Tutte le proprietà del cavolfiore viola

Buono e delicato, il cavolfiore viola è ricco di proprietà benefiche preziose: dal violetto di Catania, alle varietà estere, scopriamo questa magica verdura dell'inverno anche in sane e gustose ricette.

Tutte le proprietà del cavolfiore viola

Cavolfiore viola per la salute

Cavoli, cavoli cappucci, cavolo verza, cavolo nero, broccoli, broccoletti, cavolfiore bianco, grigio, verde e viola.

Quella dei cavoli è davvero una famiglia molto allargata e che ci tiene tanto alla salute di chi li consuma!

Il cavolfiore viola, forse non così conosciuto e non così facilmente reperibile tra le bancarelle il banco frutta del supermercato, è ricchissimo di proprietà benefiche.

Il cavolfiore violetto di Catania è uno dei re italiani del cavolfiore viola, anche se nel mondo ne esistono altre varietà, come il Graffiti cauliflower, il purple Cape o il Violet Queen, coltivate per esempio in Sudafrica;

raccolto a gennaio, il cavolfiore viola è di forma medio piccola, compatto e di colore rosso-vino, tranne il gambo e le parti interne che restano bianche; dal sapore delicato, è di gusto più tenue e “morbido”  rispetto al tradizionale cavolfiore bianco

 

Leggi anche Il cavolfiore nelle ricette vegan >>

 

Proprietà del cavolfiore viola

Come la frutta e la verdura di colore blu o delle varie sfumature di viola - melanzane, radicchio, fichi, mirtilli, prugne, ribes, uva nera o cavolo viola - anche il cavolfiore viola è ricco di nutrienti preziosi, tra cui le antocianine - pigmenti che colorano di rosso e blu certi alimenti di orgine vegetale e che hanno proprietà antinfiammatorie, antiaggreganti piastriniche, di protezione del microcircolo e antiossidant i-,  carotenoidi, vitamina C, potassio e magnesio.

Le antocianine svolgono anche l’importante funzione di “spazzine” dell’organismo, sia contrastando l’azione di agenti cancerogeni e dei dannosi radicali liberi, sia abbassando i livelli di colesterolo del sangue. 

 

Ricette con il cavolfiore viola

Il cavolfiore viola, ottimo in tutti i tipi di dieta, da quella onnivora, alla vegana più stretta, può essere fatto in piccoli pezzi e consumato crudo in insalata;

alternativamente è ottimo tagliato in pezzi e stufato con poco olio extravergine d’oliva, assieme a una fesa di aglio, sale, pepe e aceto balsamico per insaporire.

In forno diventa speciale se gratinato e arricchito di parmigiano grattugiato. Anche cotto semplicemente al vapore e servito accompaganto con verdure o salse di colore verde, per esempio piselli, fave, fagiolini o broccoli, è una bella idea per portate scenografiche e contorni sani e gustosi.

Altamente suggestive sono la zuppa di cavolfiore viola - semplicemente rosolandolo con una cipolla, una foglia di salvia (poi da togliere), una patata, si aggiunge il brodo, si frulla il tutto e si serve con olio, bruschette e granella di nocciola - il "risotto viola" e le pennette con cacio, pepe e cavolfiore viola.

Altra idea vincente potrebbe essere quella di sostituirlo al cavolfiore bianco per fare la pizza di cavolfiore vegan.

Libro di riferimento:I segreti della lunga vita: come mantenere corpo e mente in buona salute”. Umberto Veronesi, Mario Pappagallo.


Leggi anche Cavolfiore, il cibo da mettere in tavola almeno una volta alla settimana >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio