Articolo

Melograno: come usarlo in cucina

Come pulire e usare in cucina il melograno, frutto autunnale dalle proprietà antiossidanti.

Melograno: come usarlo in cucina

Il melograno è un arbusto che produce frutti ricchi di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti. Vediamo cosa contiene, come si pulisce e come si usa in cucina il melograno.

 

Cos’è e cosa contiene il melograno

Il melograno (Punica granatum) è un arbusto della famiglia delle Punicaceae originario dell’Asia e diffuso in tutta l’area mediterranea. In Italia sono presenti diversi cultivar di melograno.

Il melograno produce bellissimi fiori rossi da cui si sviluppano bacche particolari chiamate balausti, comunemente conosciute come melagrane, frutti tipicamente autunnali che possono essere acquistati in ogni negozio di ortofrutta.

Vediamo il frutto del melograno cosa contiene. La melagrana è ricca di polifenoli, in particolare tannini idrolizzabili. Il tannino più rappresentato nella melagrana è la punicalagina, responsabile del 50% circa dell’attività antiossidante del succo di melagrana.

La melagrana contiene inoltre vitamina A, C, B9 (acido folico) ed E e minerali, in particolare potassio e ferro. Il succo della melagrana è ricco di glucosio, acidi organici, antociani e catechine.

La melagrana e il succo da essa ricavato hanno azione antinfiammatoria e antiossidante, mentre la corteccia della radice è utilizzata tradizionalmente come antielmintico.

 

Leggi anche Melograno, proprietà del frutto esotico >>

 

Uso del melograno in cucina

La melagrana si consuma come frutto a colazione, come spuntino o a fine pasto ma può essere anche usata per la preparazione di piatti dolci e salati.

I chicchi della melagrana possono ad esempio essere adoperati per guarnire insalate, secondi piatti, dolci e liquori ma anche per preparare insoliti e gustosi risotti e piatti di pasta, aggiunti a fine cottura.

Il sapore della melagrana si sposa bene con quello dello zenzero, del pesce e delle carni bianche, ma il gusto agrodolce di questo frutto si abbina facilmente anche con la zucca, i cachi e i broccoli.

Il succo della melagrana può essere invece utilizzato per preparare salse dolci per guarnire e insaporire sorbetti, yogurt, dessert al cucchiaio e cocktail. Il succo di melagrana si usa in cucina anche per realizzare gelatine e salse per accompagnare formaggi, condire insalate o guarnire primi e secondi piatti.

 

Melograno, come pulirlo

Per ottenere con facilità i chicchi di melagrana da usare in cucina si rimuove con un coltello la parte superiore del frutto, dopodiché si incide la scorza a spicchi.

In questo modo la melagrana si aprirà a spicchi e sarà possibile ricavare i chicchi del frutto. In alternativa, dopo aver rimosso la parte superiore della melagrana, la si fa roteare su un piano usando il palmo della mano, per far sì che i chicchi si stacchino dalla buccia e dal pericarpo interno. La melagrana andrà poi percossa con un cucchiaio per far cadere i chicchi, da raccogliere in una ciotola.

Se invece volete ottenere il succo di melagrana, è sufficiente tagliare a metà il frutto e spremerlo con uno spremiagrumi, esattamente come si fa per le arance.

 

Leggi anche Le proprietà e gli usi cosmetici del melograno >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio