Articolo

Coriandolo, un aiuto per eliminare le tossine

Il coriandolo è una spezia che è ormai entrata a far parte della nostra cucina. Il frutto del coriandolo, una piccola sfera gialla,possiede proprietà detossinanti per il nostro organismo ed è in grado di purificarci dall'inquinamento dei metalli pesanti.

Coriandolo, un aiuto per eliminare le tossine

Il coriandolo  è una pianta antichissima, forse risalente alla notte dei tempi ed è stretto parente di piante ombrellifere come il finocchio, l’aneto, il prezzemolo, il cumino.

La parte che viene studiata è il frutto, un piccolo seme sferico, che viene essiccato e poi utilizzato nel settore erboristico.

 

Le proprietà del coriandolo

Come le altre erbe ombrellifere citate, il coriandolo esercita principalmente la sua azione sulle funzioni digestive, quindi a livello di stomaco, fegato ed intestino: favorisce la digestione, l’espulsione di gas addominali, calma gli spasmi.

E’ un rimedio carminativo, antispasmodico, eccitante, diaforetico, vulnerario, antisettico. Favorisce il metabolismo dei carboidrati e contrasta la formazione di adiposità.

 

Leggi anche Spezie, elenco, proprietà e valori nutrizionali >>

 

Coriandolo e metalli pesanti

Una delle proprietà particolarmente interessanti in questi tempi moderni di inquinamento e di allergie è la sua capacità di detossinarci dai metalli pesanti che albergano nel nostro organismo.

Il coriandolo è in grado di mobilitare metalli come il piombo, il cadmio, l’alluminio e il mercurio: li intercetta nelle ossa, a livello del sistema nervoso centrale, negli spazi intracellulari, e attiva l’eliminazione attraverso la bile che veicola gli inquinanti all’intestino tenue.

In questa operazione però il coriandolo necessita di un attivatore chelante che assorba le tossine nel tratto intestinale, perché altrimenti verrebbero riassorbite dal tenue e rimesse in circolazione intossicando nuovamente l’organismo, anche in maniera preoccupante. Un attivatore chelante che funziona in maniera complementare e purifica l’organismo è la Chlorella, un’alga molto utile per detossinare sia a livello intestinale sia a livello ormonale.

 

Coriandolo e metabolismo

Le proprietà di questa spezia sono davvero molteplici e sono accumunate da un’unica funzione: depurare, pulire, eliminare!


Riduce gli eccessi di glucosio nel sangue: è utile in caso di diabete di tipo 2, diminuendo gli eccessi di zucchero nel sangue e favorendo la produzione di insulina.


Riduce il colesterolo cattivo e favorisce quello buono: possiamo quindi utilizzare il coriandolo per aromatizzare la nostra alimentazione e trasformare il rito quotidiano del pasto in una vera e propria terapia preventiva e abbassare il colesterolo.


Combatte la formazione di radicali liberi: il coriandolo agisce come antiossidante sulle cellule del fegato, le stimola alla rigenerazione, contrasta gli effetti dannosi dell’alcol ed eventuali patologie a carico di questo organo vitale.

 

Metalli pesanti e salute

Purtroppo il mondo che ci circonda ci pervade di elementi tossici, come i metalli pesanti quali cadmio, piombo, mercurio, nichel, alluminio.

A lungo andare il loro accumulo può avere effetti gravi sulla nostra salute e causare danni al sistema nervoso, malattie autoimmuni e tumori.

Attenzione parliamo di accumulo, perché, il realtà, alcuni metalli sono essenziali al nostro benessere, come il ferro, il selenio, l’argento, l’alluminio. Come scoprire se siamo in una condizione di inquinamento da metalli pesanti?

Attraverso il mineralogramma dei nostri capelli. I capelli sono come antenne che captano e assorbono i metalli che entrano in contatto con il nostro organismo e quindi possono essere un indicatore affidabile del nostro stato di salute.

 

Leggi anche

3 ricette vegan thailandesi

> Coriandolo e prezzemolo, le differenze