Articolo

Attacchi d’ansia, cosa fare?

L’ansia è uno stato emotivo normale. Gli attacchi d’ansia, però, possono essere destabilizzanti. Come si possono prevenire e cosa fare per superarli?

Attacchi d’ansia, cosa fare?

L’ansia è un’emozione complessa. Entro certi limiti è normale, specie quando subentra in situazioni particolari della vita: un esame, problemi di lavoro, uno stato di salute non ottimale…

Un’ansia gestibile e non paralizzante fa parte della vita. Una vera e propria crisi d’ansia, però, non è un’esperienza piacevole.

 

Attacco d’ansia o attacco di panico?

Prima di affrontare il discorso della prevenzione, facciamo un po’ di chiarezza. Che cos’è esattamente un attacco d’ansia e in cosa si distingue da un attacco di panico?

Queste due condizioni vengono spesso confuse ma, seppure abbiano caratteristiche comuni, non sono la stessa cosa.

Secondo il DSM IV, il manuale diagnostico che si occupa dei disturbi correlati agli stati mentali, si può parlare di attacco di panico quando si manifesta un periodo preciso di paura o disagio in cui si verificano uno o più di uno tra una serie di sintomi, e il picco si raggiunge in 10 minuti.

I sintomi che si riscontrano più comunemente in un attacco di panico sono tachicardia, sudorazione, tremori, senso di soffocamento, dolori addominali, nausea, sensazione di svenimento o di irrealtà, paura di impazzire o di morire, brividi, vampate di calore, formicolio o torpore a diverse parti del corpo.

Si parla, invece, di attacchi d’ansia quando si verifica una crisi con sintomatologia più lieve e di durata inferiore.

 

Leggi anche Sintomi dell'ansia, come riconoscerli e gestirli >>

 

Le cause dell’ansia

Sono state elaborate diverse teorie sulle cause dell’ansia ed esistono prevalentemente 2 scuole di pensiero:

  1. secondo la prima, la causa principale dell’ansia risiede in conflitti psichici preesistenti;
  2. la seconda scuola di pensiero pone l’accento soprattutto sulla componente biologica e cioè sulla modificazione di alcune sostanze chimiche presenti nel cervello: noradrenalina, serotonina e gaba.

 

Cosa fare per prevenire gli attacchi d’ansia?

L’ansia non va combattuta; può sembrare un’affermazione paradossale ma per imparare a gestire l’ansia bisogna prima di tutto imparare a cedere.

Spesso l’ansia è causata da conflitti interiori, dalla voglia di apparire sempre perfetti e dal desiderio di aderire il più possibile a modelli stereotipati; per prevenire le crisi d’ansia bisognerebbe in tal caso imparare ad accettare i propri limiti e le proprie imperfezioni, cercando di capire qual è la propria strada, quella che rende felici noi, non il mondo che ci circonda.

Reprimere la creatività, i desideri e le inclinazioni può essere causa di attacchi d’ansia e attacchi di panico; individuare il proprio percorso e seguirlo aiuta a vivere più serenamente. Dando il giusto peso ai bisogni interiori si può fare molto per prevenire e affrontare i disturbi d’ansia.

Certe volte, poi, può essere molto utile spostare il proprio punto di vista: può accadere, infatti, che il percorso della felicità non sia chiaro neanche a noi; bisogna andare a cercarlo, anche in posti in cui non ci si aspetterebbe di poterlo trovare.

Quando l’ansia diventa patologica e impedisce di vivere serenamente bisognerebbe rivolgersi a uno specialista, senza pretendere di affrontare il problema da soli.

 

Affrontare gli attacchi d’ansia con i rimedi naturali

Il primo rimedio naturale per prevenire l’ansia consiste, dunque, nell’accettazione e in quel percorso interiore accennato nel precedente paragrafo.

Quando, però, si tratta di percorsi emotivi, la strada può essere molto lunga e, mentre si compie quel meraviglioso viaggio che conduce alla scoperta di se stessi, può essere utile fare ricorso ad altri rimedi naturali, che possono agire sia sul piano emotivo sia su quello biologico.

  • Rimedi fitoterapici ed erboristici. Camomilla e melissa calmano l’irritabilità e la tensione nervosa; la passiflora è un ansiolitico naturale in quanto svolge un’azione sedativa sul sistema nervoso centrale; il magnesio stimola la funzione nervosa e, in particolare, la produzione di serotonina; i fiori di Bach agiscono su diversi fronti per aiutare a prevenire e a gestire diverse tipologie di crisi d'ansia.
  • Esercizio fisico. L’attività fisica, in generale, sembra essere efficace nella prevenzione degli stati d’ansia. Esistono, però, alcune discipline più utili di altre, per esempio danzamovimentoterapia e yoga integrale.
  • Controllare il respiro. Con le tecniche che aiutano a regolare il respiro si può fare molto per gestire le crisi d’ansia. Per esempio, può essere utile il training autogeno respiratorio.

 

Quelli indicati sono solo alcuni dei metodi naturali per prevenire e affrontare gli attacchi ansiosi. Puoi seguire anche i consigli ayurvedici per gestire l'ansia

 

Per approfondire:

> Ansia: sintomi, cause, cure e rimedi

> Gli integratori naturali per la cura dell'ansia

> Ansia curata con la fitoterapia

> Ansia, la cura naturale c'è

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio