Articolo

Zucca: quali parti si posso usare e come

La stagione fredda è ideale per godere di un prezioso alimento come la zucca. Scopriamo tutte le possibilità che questa pianta ci offre.

Zucca: quali parti si posso usare e come

La zucca è, a conti fatti, uno di quegli alimenti di cui sappiamo meno di quel che dovremmo.

Conoscendo tutte le caratteristiche della zucca, possiamo scoprire che merita di essere apprezzata meglio, piantata nell’orto e mangiata più spesso. E il motivo è presto detto: quasi tutte le sue parti sono edibili, in modi differenti.

Nei supermercati e negli alimentari siamo abituati a comprare il frutto della zucca, in diverse forme e colori a seconda della varietà.

Più raramente consumiamo i semi come stuzzichino o come integratore, e ancora più raramente troviamo i fiori di zucca, spesso in vaschette di polistirolo per essere conservati più a lungo. Tutto qui? Diamo un’occhiata assieme.

 

Il frutto della zucca

Il frutto della zucca, chiamato semplicemente zucca come l’intera la pianta, è a parte più consumata e c’è poco da dire: tutti sanno che va aperto, sbucciato, ripulito dai semi e cotto.

Bollito, stufato, fritto, alla brace, al vapore, nei dolci, con la pasta, col riso, in puré, nelle zuppele possibilità sono davvero innumerevoli.

Il frutto della zucca è ricco in betacarotene, specie nelle sue varietà arancioni (ce ne sono anche bianche e gialle), e di zeaxantina.

Ha pochissime calorie, e contiene polifenoli interessanti tra i quali vale la pena citare la luteina, la criptoxantina, tutti antiossidanti naturali in grado di proteggere le cellule dalle radiazioni solari.

 

Leggi anche Zucca: salute e bontà in cucina >>

 

La buccia della zucca

Cosa fare della buccia della zucca? Semplicemente gettarla? Usarla per il compost? Perché invece non mangiarla?

Alcune varietà di zucca hanno una buccia fine, facilmente mangiabile, altre sono estremamente lignificate, ma anche quelle che sembrano troppo dure, possono essere bollite insieme alla polpa e frullate con un blender.

In questo modo si conservano moltissimi minerali, specie il rame e il calcio, in quantità considerevoli, che altrimenti verrebbero dispersi.

La buccia è allora talvolta usata in alcune zuppe, nelle puree, nelle salse di zucca e talvolta ne vengono fatte delle chips fritte. Gustose!

 

I semi di zucca

Come detto nell’introduzione, i semi di zucca non sono solo uno stuzzichino per grandi e piccini, sono un vero e proprio integratore naturale, speciale nelle insalate, nei dolci, nelle colazioni con yogurt e cereali, nel pane e nelle focacce.

I semi di zucca andrebbero promossi come alimento meritevole di essere consumato regolarmente e non solo uno snack occasionale.

I motivi sono presto detti: alti livello di magnesio, fondamentale per il cuore, le ossa ed i denti; ottime quantità di zinco, indispensabile per il sistema immunitario, per un sonno regolare, per la salute della prostata e per il benessere della pelle; sono un’eccellente fonte di omega-3.

Hanno degli effetti antidiabetici regolando l’insulina e contenendo gli stress ossidativi; sono ricchi di fitoestrogeni naturali, ottimi per trattare i disagi postmestruali e la menopausa.

I loro antiossidanti sono ideali per promuovere la salute di cuore e fegato; gli alti livelli di triptofano aiutano ad avere un buon sonno e facilitano gli stati meditative; hanno effetti antinfiammatori e lenitivi dei disagi connessi all’artrite.

 

Leggi anche Semi di zucca: un aiuto contro la caduta dei capelli? >>

 

I fiori della zucca

I fiori di zucca sono ottimi fritti, in pastella, ripassati in padella, ottimi nel riso e, più raramente, in insalata, i fiori di zucca sono ben noti anche se vengono mangiati solo raramente, specie dove ancora sopravvive la cultura contadina.

Si mangiano i fiori maschi, quelli che non andranno a frutto e il motivo non è solo dovuto al fatto che sono deliziosi: sono anche un’ottima fonte di vitamine e minerali: vitamina C, vitamina B9 (importante per trattare la sterilita’ maschile), vitamina A, ferro facilmente assimilabile in ottime quantità, fosforo per le ossa.


I giovani butti rampicanti della zucca

Pochissimi sono a conoscenza del fatto che i giovani butti della zucca, ovvero i rami ascellari rampicanti, sono edibili, specialmente a crudo, in insalata, e sono preziosi alimenti.

I rami ascellari sono veri e propri germogli e come tutti i germogli contengono in versione concentrata una vasta gamma di oligoelementi, vitamine, enzimi, acidi grassi e tutto il fitocomplesso olistico di cui il corpo abbisogna per rifocillare le proprie riserve.

 

Le foglie della zucca

Moltissimi paesi di Africa, Asia e America Latina consumano regolarmente le foglie di zucca come fossero una verdure a foglia verde, un comune spinacio.

Ma in certe ricette tradizionali italiane possiamo ritrovare questa abitudine: pasta con foglie di zucca… queste rimpiazzano benissimo le verdure a foglia verde senza apportare nessun sapore amaro, infatti sono dolcissime.

 

Leggi anche Pane alla zucca: proprietà e valori nutrizionali >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio