Articolo

Bergamotto: origini, proprietà e coltivazione

Il bergamotto è un agrume che non tutti conoscono ma che ha ottime proprietà salutari e un aroma veramente speciale. La sua massima produzione avviene proprio nelle terre del Sud Italia. Andiamo a conoscere come coltivare il bergamotto, come usarlo e come mangiarlo ...

Bergamotto: origini, proprietà e coltivazione

Il bergamotto è un agrume che cresce alto sino a 4 metri e produce frutti simili alle arance ma dal colore verde giallo e dal sapore più acidulo e amarognolo.

Il suo nome scientifico è Citrus Bergamia e appartiene alla famiglia botanica delle rutaceae. Questo agrume è originario delle terre turche ma viene comunemente coltivato con successo anche nel Sud d’Italia.

Il bergamotto è nato inoltre dal incrocio del arancio amaro e della limetta acida per questo il sapore è amaro e la sua forma è simile alle arance. La maturazione dei frutti avviene da novembre a marzo mentre i suoi profumatissimi bianchi fiori sbocciano in primavera.

 

Il bergamotto dove viene coltivato?

Nel terre che si affacciano sul mediterraneo il bergamotto nasce e cresce molto bene con buona fruttificazione. In particolare nella regione della Calabria il bergamotto ha grande successo lungo e prospera lungo tutta la fascia costiera.

Infatti qui è presente uno speciale microclima con estati calde con poca pioggia e inverni miti che non scendono sotto i 10 gradi. Questo ambiente lungo la costa della Calabria è tipico delle zone tropicali a temperatura umida e le coltivazioni di bergamotto arrivano a fruttificare il 90% della produzione mondiale del bergamotto.

 

Leggi anche Il bergamotto per il colesterolo, benefici e uso >>

 

Come piantare il bergamotto

Il bergamotto ama un'esposizione in pieno sole in modo che i raggi caldi permettano lo sviluppo dei suoi fiori e dei sui frutti. Le zone luminose e più calde come i muri esposti a Sud sono i luoghi migliori per coltivare il bergamotto.

Per il terreno il bergamotto predilige un composto fertile ricco di humus e ben drenato con un pH tra 6,5 e 7,5. I terreni calcarei o argillosi non sono consigliati perché le sue radici non crescerebbero bene e se anche la pianta riuscisse a crescere difficilmente darebbe una buona produzione.

In fatto di irrigazione il bergamotto non ha particolari esigenze, necessita di innaffiature nei primi anni quando le piantine sono ancora giovani ma una volta adulte possono richiedere acqua solo nelle estati particolarmente siccitose.

Teme invece i ristagni d’acqua che devono essere evitati con cura pena il rischio che le radici marciscano e l’apparato radicale si ammalino arrivando persino alla morte della pianta.

Inoltre in inverno se le temperature scendono sotto i 10 gradi è bene riparare il bergamotto, ad esempio spostandolo in una serra se è coltivato in vaso o coprendolo con tessutonontessuto se è coltivato in campo. 

 

Come si usa il bergamotto

Il frutto del bergamotto viene utilizzato in cucina in modo similare alle arance.

Inoltre la buccia del frutto di bergamotto è utilizzato per fare tisane o per estrarre le sue essenze di oli profumati.
Anche dai fiori del bergamotto è possibile estrarre essenze profumate che vengono utilizzate in cosmetica e nei prodotti fitoterapici per il nostro benessere.

L’olio essenziale ottenuto viene impiegato in aromaterapia per le sue proprietà rilassanti e antidepressive oltre che per il benessere della pelle e per alleviare problemi cardiovascolari.

Inoltre questo olio essenziale è un ottimo antibatterico naturale che viene utilizzato per la produzione di prodotti faidate per una ottima eco-pulizia casalinga.

 

Come si mangia il bergamotto

Il bergamotto è un agrume e come tale per essere utilizzato deve venire aperto togliendo la spessa buccia esterna e separato in spicchi.

Solitamente viene mangiato così al naturale ma il suo sapore non è sempre apprezzato da tutti che magari preferiscono associarlo ad altri frutti in macedonie o anche nelle insalate miste.

Il frutto di bergamotto viene anche spremuto e bevuto come succo o miscelandolo con la classica arancia. Il succo di bergamotto può anche essere un buon condimento per insalate e cruditè.

Il bergamotto ha un aroma particolare che esalta il sapore delle ricette quindi la sua buccia viene aggiunta per insaporire primi piatti con pesce o vegetali ma anche nei secondi e ottimanete per le ricette dolci.

Tra le ricette dolci, viene utilizzato per la preparazione di marmellate ma anche per aromatizzare creme, gelati, frullati e altri dolci di frutta.

 

Leggi anche Le piante disinfettanti e battericide >>

 

Foto: Sirichai Asawalapsakul / 123rf.com

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio