Articolo

Giugno, mese delle intolleranze al glutine

Giugno è il mese scelto per parlare di intolleranze al glutine. Sono previste 300 giornate informative nelle farmacie di tutto il territorio nazionale e 4 giorni di consulenze telefoniche gratuite. Ecco i dettagli dell’iniziativa

Giugno, mese delle intolleranze al glutine

100 specialisti tra gastroenterologi e dietisti sono stati chiamati in campo per rispondere alle più comuni domande sui disturbi glutine-correlati, in particolare celiachiasensibilità al glutine e intestino irritabile.

Il mese delle intolleranze al glutine è un’iniziativa promossa da Schär, con il patrocinio dell’Associazione Italiana di Dietetica e di Nutrizione Clinica (ADI) e dell’Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti Ospedalieri (AIGO).

Questa campagna, giunta ormai alla quarta edizione, rinnova l’obiettivo di informare l’opinione pubblica, cercando anche di chiarire le differenze tra celiachia e sensibilità al glutine non celiaca, e invita a evitare l’autodiagnosi e a rivolgersi sempre al medico, in caso di sintomatologia ripetuta a carico dell’apparato gastrointestinale. 

Promuovere un'informazione corretta e fornire consigli utili a pazienti affetti da patologie riconducibili all’alimentazione senza glutine sono punti saldi su cui ADI e i suoi specialisti lavorano da anni”, afferma il Professor Antonio Caretto, presidente dell’associazione.

 

Le attività previste a giugno 2015

L’edizione del 2015, dato il successo riscontrato dall’iniziativa negli anni precedenti, si arricchisce e prevede due tipologie di attività per il pubblico:

  • Dal 29 maggio al 29 giugno sono previste 300 giornate informative nelle farmacie dell’intero territorio nazionale, in collaborazione con le dietiste dell’ADI. Presso le strutture che aderiscono all’iniziativa sarà possibile ottenere informazioni sui disordini legati all’ingestione del glutine e su come seguire una corretta dieta priva di glutine.
  • Dal 9 al 12 giugno, dalle 9.00 alle 18.00, sono previste quattro giornate dedicate ai consulti telefonici gratuiti, in collaborazione con AIGO e ADI. 100 esperti, tra gastroenterologi e dietisti, offriranno una consulenza telefonica con lo scopo di fornire informazioni sulle patologie glutine-correlate.

Informazioni sulle farmacie che aderiscono all’iniziativa e su come prenotare una consulenza telefonica sono disponibili sul sito.

 

Glutine, quando introdurlo nella dieta del bambino

 

Celiachia e sensibilità al glutine non celiaca

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, una proteina contenuta in molti cereali, tra cui frumento, orzo e segale, mentre in altri cereali non è presente. Si tratta di una patologia in continua espansione: attualmente ne soffre l’1% della popolazione mondiale.

I dati epidemiologici attualmente disponibili, però, tengono conto dei soli casi diagnosticati. È stato stimato che il rapporto tra casi diagnosticati e non diagnosticati è ancora di 1 a 3, 1 a 5. La celiachia è, dunque, una malattia sottodiagnosticata, condizione che rende ancora più importante la diffusione di informazioni corrette che possano portare alla luce anche i casi non ancora noti.

La sensibilità al glutine non celiaca è un’entità clinica recentemente inquadrata, su cui si concentrano attualmente diversi studi. Si parla di sensibilità al glutine quando il soggetto presenta sintomi simili rispetto a quelli di chi soffre di celiachia o di allergia al grano, senza, però, essere affetto da nessuna di queste due condizioni.

Contrariamente alla celiachia, la sensibilità al glutine sembra essere transitoria e risolvibile con un periodo di dieta gluten free

 

Prova le ricette di insalate con cereali e semi senza glutine

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio