Articolo

Consigli pratici per una casa hygge

Colpo di fulmine per le atmosfere "hygge e cosy"? Allora rimboccatevi le maniche e leggete queste poche righe se desiderate ricreare una casa a misura di abbraccio!

Consigli pratici per una casa hygge

Sentirsi hygge per creare una casa hygge

Per creare una casa hygge anzitutto è indispensabile un "hygge mood". E' importante sentirsi "accoglienti": la semplicità, la spontaneità, la voglia di condivisione senza fronzoli, del parlare ed ascoltarsi, di rilassarsi e godere dei pochi attimi di pace che la vita a volte concede.

Ecco cosa può voler dire davvero sentirsi in un mood hygge, la maniera danese per sentirsi ogni giorno felici. Del resto, come lo stesso designer danese Morten Georgsen insegna "Hygge non è una cosa o qualcosa che compri ... Hygge è uno stato mentale".

In secondo luogo gli ambienti domestici si ricreeranno da sè, ne saranno una diretta conseguenza: essenzialità e pulizia ma al tempo stesso comfort e comodità; oggetti che rilassano o che richiamano in vita ricordi piacevoli; tinte tenui e accoglienti; tante tazze, tisane, té, cioccolate e latte caldo e calzettoni morbidi e colorati, ma non solo. Pensate che esiste persino un tipico "hygge outfit" nella scelta di abiti e accessori!

 

Leggi anche Hygge, il metodo danese per vivere felici >>

 

Consigli per realizzare una casa hygge

Ecco a seguire qualche pratico consiglio per incominciare a vedere la vostra casa sotto una luce diversa, quella dello stile di vita nordico tanto decantanto in questo periodo, lo stile che ci riporta con piacere a godere del nostro tempo e a farne attimi preziosi tra le quattro pareti domestiche: 

> Scegliere una stanza da dove cominciare la trasformazione hygge. Potrebbe essere la cucina, un punto che per molti è il cuore, l'hub stesso della casa. Iniziare, qualsiasi sia la stanza prescelta, dal fare decluttering, ovvero pulizia, eliminando, vendendo o barattando tutto (ma proprio tutto!) quanto c'è di superfuo, avendo bene in chiaro ll'obiettivo finale: creare spazi vuoti e sospesi per liberare il pensiero, le idee, per portare una morbida luce e serenità.

> A proposito di luce: la casa hygge è sempre piena di candele. Create quindi degli angoli, supporti o mensole, o rifornitevi di portacandele efficienti da utilizzare quando più lo desiderate: mentre leggete un libro, lavorate al computer, parlate sorseggiando un tè, un caffè, una cioccolata calda con gli amici. Questo vale soprattutto per chi non ha la fortuna di poter godere del tepore di un bel caminetto acceso. Eliminate tutte quelle luci forti e artificiali, che danno fastidio agli occhi e appiattiscono i colori, prediligendo giochi di luce naturali o che lo siano il più possibile.  

> A proposito di colore, le case hygge amano le tinte tenui della terra, il legno grezzo (noce, ciliegio, pioppo, pino) o il bianco latte o crema, accompagnate spesso da contrasti metallici, nero o macchie di colori pastello che tirano sui toni del rosa antico, azzurro e blu o verde.

> Il verde si lega alle piante, non deve mancare la viva natura in casa: come fanno al nord, giocate con piante sui davanzali, ficus, potus nell'acqua facili da coltivare o ancora succulente e piante grasse. Dalla cucina, alla sala al bagno, le piante verdi sono uno spettacolo per gli occhi, per l'umore e un buon modo per avere un po' di aria pulita, almeno in casa.

> La pulizia è fondamentale: ogni angolo della casa deve essere non solo accogliente, ma privo di polvere, così da poter dare l'opportunità agli ospiti di sedersi sui tappeti, abbracciare coperte o giocare con i cuscini. Sarebbe doveroso lasciare le scarpe fuori o in un angolo apposito e fornire a chiunque varchi la soglia delle comode pantofole. 

> Semaforo rosso e no assoluto alla plastica, all'acrilico, al silicone: tolgono subito qualsiasi sentore "hygge" alla casa. No anche ai colori forti e ai netti contrasti. Meglio optare per la "chanson grise", per le delicate nuances e le sfumature.

> Il luogo speciale per leggere corredatelo di una lampada esteticamente bella ma anche funzionale, cuscini, tanti libri - anche impilati uno sull'altro! - coperte morbide e calde sempre a portata di mano!

 

Non forzate la mano: lo stile hygge non è qualcosa di artificioso, univoco e copiato, ma è uno stile assolutamente individuale, personale, originale; non significa nemmeno ammassare candele, oggetti di design, luci soffuse, cornici grezze o cuscini acquistati a caso; si tratta di uno stile che viene e si crea con la vita, è come voler dire, sempre parafrasando Georgsen, "Io amo vivere qui e ho una storia, degli amici e una famiglia; mi sento a casa qui: prego, vieni e sentiti a casa insieme a me!"

 

Leggi anche Come rendere l'ufficio più allegro >>


Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio