Articolo

I colliri naturali, quali sono e come usarli

Quali colliri naturali sono efficaci per proteggere i nostri occhi? Possiamo utilizzare alcuni rimedi in infuso raffreddato per uso esterno sia singolarmente sia in sinergia: il risultato sarà uno sguardo più tonificato, una vista più limpida, l’occhio maggiormente idratato, i rossori sedati. Vediamo quali sono e come usarli

I colliri naturali, quali sono e come usarli

Con l’estate, il sole, la salsedine, la sabbia i nostri occhi sono soggetti a rischio irritazione.

E non solo: anche l’uso sempre più intensivo di computer, tablet, smartphone, magari indossiamo anche lenti a contatto per molte ore al giorno: tutte situazioni che mettono a dura prova i nostri occhi.

È importante quindi che li proteggiamo il più possibile con prodotti naturali di semplice preparazione, che non presentano effetti collaterali o sensibilizzazioni.

Vediamo quali sono i colliri naturali per proteggere i nostri occhi.

 

Eufrasia: collirio naturale ad azione antinfiammatoria

I fiori dell’Eufrasia e le foglioline apicali sono ricchi di flavonoidi e tannini che svolgono una mirata azione decongestionante delle zone oculari.

L’Eufrasia è particolarmente indicata per arrossamenti di natura allergica, congiuntivite, esposizione al sole o ad intense fonti di calore.

Calma l’infiammazione, sia della mucosa interna sia delle palpebre, è un ottimo rimedio anche in caso di orzaiolo e, grazie all’azione dei suoi tannini disinfetta e astringe i tessuti.

Possiamo trovare in commercio colliri naturali a base di Eufrasia oppure crearci da soli una lozione acquosa preparando un infuso di eufrasia, da lasciar raffreddare, filtrare e applicare sugli occhi facendo penetrare qualche goccia.

È bene usare sempre delle garze sterili da gettare di volta in volta per garantire la corretta igiene degli occhi.

 

La ginnastica al computer per gli occhi dei naviganti

colliri naturali eufrasia

Immagine | By Enrico Blasutto


Camomilla: collirio naturale ad azione decongestionante

Occhi stanchi dall’uso intenso di apparati elettronici, o da una sessione di studio molto impegnativa? C’è la camomilla che ci può aiutare.

I capolini di Camomilla Matricaria sono ricchi di flavonoidi, cumarine ed azuleni dalle proprietà lenitive e decongestionanti.

La Camomilla è indicata per occhi gonfi, stanchi, arrossati, svolge un’azione addolcente e calmante sia sulle zone perioculari e oculari sia sulle mucose dell’occhio.

Come per l’eufrasia possiamo preparare il nostro collirio naturale con un infuso di camomilla, lasciarlo raffreddare e applicarlo con delle garze sterili sugli occhi cercando di far penetrare qualche goccia nella congiuntiva. Gli occhi risulteranno sgonfiati, e disarrossati con grande beneficio anche per la stanchezza visiva.

colliri naturali camomilla

 

Fiordaliso: collirio naturale ad azione idratante

Occhi asciutti, occhiaie, pelle asfittica e stanca? L’Acqua di Fiordaliso è il giusto rimedio. I fiori di Fiordaliso sono ricchi di flavonoidi, antociani e pectine, in grado di trattenere importanti quantità d’acqua, e quindi idratare in profondità i tessuti, le mucose dell’occhio; forma un vero e proprio scudo gel per proteggere l’occhio e contrastarne la disidratazione.

L’Acqua di Fiordaliso è indicata per tutte quelle situazioni di affaticamento dell’occhio, di condizioni climatiche difficili che possono causare secchezza perioculare e delle mucose.

Possiamo trovare l’acqua di Fiordaliso come collirio naturale già pronto all’uso in erboristeria, oppure è facilmente realizzabile a casa mettendo in infusione i fiori del rimedio, da filtrare e far raffreddare; imbibiamo delle cialdine di cotone e le applichiamo sugli occhi. Otterremo così un contorno occhi schiarito, riposato, decongestionato e idratato.

colliri naturali fiordaliso

 

Altea: collirio naturale ad azione emolliente

L’Altea appartiene alla famiglia delle Malvacee, è ricca di mucillaggini, dal potente effetto emolliente; è indicata in caso di disidratazione, secchezza dell’occhio sia interna sia esterna, con arrossamenti e pruriti.

In questi casi l’applicazione del decotto di Altea consente di umettare la parte oculare esterna ed interna, grazie alla formazione di un leggero film che appiccicherà la zona trattata, ma con grande giovamento, rinfrescante, emolliente ed idratante.

È possibile poi rimuovere il collirio naturale di Altea con l’Acqua di Fiordaliso che usata in sinergia con questo rimedio conferirà agli occhi un aspetto idratato, decongestionato e ben nutrito.

 

Tisane per occhi sani

colliri naturali altea

 

Per approfondire:

> Occhi, disturbi e rimedi naturali

> Integratori per gli occhi, quali sono e quando assumerli

 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio