Articolo

Tracheite, cause e rimedi

La Tracheite è un'infiammazione molto seria che può coinvolgere tutto il tratto delle prime vie aeree. E'importante capire se di natura batterica, virale o allergica per individuare la corretta profilassi.

Tracheite, cause e rimedi

La tracheite purtroppo è un disturbo che conosciamo un po’ tutti e sicuramente abbiamo ben chiara la sua sintomatologia.

Si tratta di un’infiammazione della trachea, quel distretto della gola che unisce la laringe ai primi bronchi e si accompagna a tosse, febbre, raffreddore, dolore allo sterno, difficoltà a respirare con emissione di rantoli, dovuti ad un restringimento della trachea che in casi di infiammazione grave può anche occludersi completamente.

Esiste una forma di tracheite primaria, infezione a carico direttamente della trachea, e una tracheite secondaria, che coinvolge inizialmente le prime vie aereee e poi si approfondisce e concentra sulla porzione tracheale.

Questo ci fa capire che non è da prendere con superficialità ed è sempre bene consultare un medico per una corretta diagnosi.

 

Leggi anche Mal di gola e faringite >>

 

Le cause della tracheite

La tracheite può essere di origine batterica o di origine virale.


Batterica: lo Staphylococcus aureus e lo Streptococcus pneumoniae sono gli agenti più comuni che possono provocare un’infiammazione della trachea e portare con sé i sintomi più tipici come la febbre, il mal di gola, la tosse e la difficoltà a far passare aria da e per i bronchi. Lo Staffilococco aureo colonizza le prime vie aeree quindi la tracheite provocata da questo agente può essere sia di natura primaria sia secondaria e in quest ultimo caso provenire da infezioni quali rinite, faringite laringite. Lo Streptococco è l’agente causa della polmonite e di forme d’infezione gravi come la meningite, ma nel nostro caso può dare origine anche a forme di bronchite, otite, sinusite e tracheite.

> Virale: virus influenzali, del raffreddore come il rhinovirus possono colpire tutto il tratto della laringe o successivamente solo la porzione di trachea con arrossamenti, bruciore, difficoltà di deglutizione e di respirazione.

La tracheite può originare anche da agenti irritativi quali fumi tossici, sostanze nocive, inquinamento di varia natura, sostanze allergeniche come pollini, peli di animali, polveri, tutti elementi che contribuiscono ad irritare la mucosa ed infiammare le vie aeree.

E’ importante consultare il medico alle prime avvisaglie perché la tracheite non curata correttamente può presentare complicazioni serie, fino all’arresto respiratorio e conseguentemente alla morte.


Rimedi per la cura della tracheite

Il medico provvederà ad eseguire il cosiddetto “tampone”, ossia il prelievo di un campione dalle mucose per gli esami colturali e stabilire se l’infiammazione è di origine batterica e identificare il battere da contrastare. In questo caso si deve ricorrere all’antibiotico il più specifico possibile.

Nel caso in cui l’infezione sia invece di natura virale, non servono gli antibiotici, ma possiamo ricorrere a rimedi lenitivi anche naturali, riposo e un’accurata idratazione.

Qualora invece la tracheite fosse provocata da agenti allergenici è probabile la somministrazione di farmaci  in base alla gravità dei sintomi.

 

Rimedi naturali coadiuvanti.

La Natura ci viene in aiuto a supporto delle cure farmacologiche con rimedi lenitivi, disinfiammanti utili per le nostre vie aeree.


> Malva: una tisana di Malva apporta grazie alla presenza di flavonoidi e mucillaggini un effetto antinfiammatorio di tutto il tratto iniziale, con un’azione lenitiva, emolliente ed espettorante.

> Timo: un infuso di timo sia da utilizzare per suffumigi sia da bere è un antibatterico naturale che contrasta infezioni di varia natura e coadiuva le cure farmacologiche, è balsamico e favorisce la respirazione

> Cajeput in olio essenziale: gargarismi con il cajeput consentono di contrastare infezioni a carico delle prime vie aeree e di tutto il cavo orofaringeo. Due o tre gocce in acqua tiepida da risciacquare. E’ possibile assumere il Cajeput, se di estrazione purissima, attraverso un cucchiaino di miele nel quale sciogliere una goccia di questo prezioso olio essenziale.

> Propoli: una soluzione di Propoli analcolica è un ottimo rimedio per contrastare l’infezione di natura batterica. Disinfetta e lenisce bocca e gola.


Leggi anche Rimedi naturali per proteggersi da mal di gola e tosse >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio