Articolo

Dolore alla milza: possibili cause e principali rimedi

Il dolore alla milza, se subentra dopo uno sforzo improvviso è ritenuto normale e passa dop qualche minuto a riposo. Se al contrario insorge senza sforzi è importante approfondire perché potrebbe essere un campanello d'allarme.

Dolore alla milza: possibili cause e principali rimedi

Dolore alla milza, quante volte da bambini dopo una corsa impegnativa, giocando, ci fermavamo ansimando con un dolore a sinistra, sopra il fianco.

A quell’età era praticamente normale e dopo un po’, a riposo, riprendendo fiato, il dolore se ne andava da sé.

Ci ricordiamo anche da adulti di avere una milza quando ci improvvisiamo a praticare sport senza allenamento, oppure quando affrontiamo un grande sforzo. 

In generale il dolore alla milza in queste condizioni passa in poco tempo, una volta sospesa l’attività.

La condizione è purtroppo molto diversa qualora il dolore alla milza si manifesti senza sforzi, a riposo.

La splenalgia, così è definito tecnicamente il dolore alla milza, è un campanello d’allarme che deve indurci ad approfondire le cause, che possono essere molte e diverse tra loro, ma non di poco conto.

 

Cause del dolore alla milza

> Anemia: in condizioni anemiche la vita dei globuli rossi è molto breve e la milza è sottoposta a un surmenage metabolico. Infatti è preposta al metabolismo del ferro, ed è l’organo deputato alla formazione, all’immagazzinamento e allo smaltimento delle cellule del sangue. Può quindi risultare dolente, perché ingrossata e infiammata.

> Mononucleosi: un’infezione dovuta al virus EBV, comunemente detta "malattia del bacio", che si trasmette con la saliva. Generalmente è un’infezione asintomatica, ma in soggetti deboli, con un sistema immunitario poco reattivo, si riscontra ingrossamento delle ghiandole linfatiche del collo, ingrossamento della milza, febbre, faringite, stanchezza.

> Malattie epatiche: cirrosi, epatite di natura virale, tumore, sono patologie che influenzano la milza e le sue funzionalità, con infiammazione, dolore, gonfiore.

Il dolore alla milza non è da sottovalutare, poiché è un organo molto delicato che a causa di traumi o sforzi può addirittura rompersi, caso in cui è necessario l’intervento chirurgico.

 

Leggi anche Giada per rafforzare la milza >>

 

Rimedi per il dolore alla Milza

In caso di patologie così importanti è necessario ricorrere a cure specialistiche, perché la milza dolente è solo il sintomo.

Nel caso in cui il dolore è dovuto solo ad infiammazione della milza, senza patologie recondite possiamo attivare alcuni strumenti alternativi:

> Alimentazione: possiamo però contribuire ad attenuare il dolore in caso di semplice infiammazione della parte attraverso un’alimentazione corretta priva di cibi fritti, grassi e di alcol;

> Shiatsu: alcune sedute di shiatsu possono contribuire a defaticare la milza, disinfiammandola. Si lavora sul meridiano di milza in sedazione e sul meridiano di piccolo intestino in attivazione;

> Riflessologia plantare: attraverso il piede possiamo trattare la milza, per alleviare il dolore e ridurne il gonfiore. La milza si trova solo sotto il piede sinistro e deve essere trattata in dispersione.


Leggi anche

Come dare benessere alla milza
> Milza e mononucleosi

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio