Articolo

Milza e Mononucleosi

La Milza viene spesso messa a dura prova dalle malattie infettive più disparate: in particolare la mononucleosi può essere una brutta esperienza per la Milza. E'importante approfondire sempre la causa e mettere in campo le giuste cure farmacologiche e naturali in sinergia.

Milza e Mononucleosi

In caso di alcune malattie infettive la milza risponde attivamente ingrossandosi.

Si parla infatti di splenomegalia: un caso particolare è dato dalla mononucleosi, ma anche da altre infezioni batteriche come la sifilide, la malaria, oppure da patologie molto gravi come neoplasie quali leucemie e linfomi.

La nostra Milza è un campanello d’allarme che risponde alle alterazioni del nostro sistema immunitario e i globuli bianchi sono i segnalatori che qualcosa non sta funzionando a dovere.

La Milza ingrossata può risultare asintomatica, oppure manifestare dolore e senso di gonfiore nella porzione sinistra dell’addome, affaticamento, e anche tendenza al sanguinamento.

Ritrovarsi con una Milza ingrossata è pericoloso anche di per sé oltre che per la causa scatenante: la splenomegalia può portare alla rottura della milza, se si contraggono malattie infettive o si subisce un trauma.

 

Leggi anche Come dare benessere alla milza >>

 

Mononucleosi

La Mononucleosi, altrimenti detta malattia del bacio, presenta un’incidenza molto comune, perché la trasmissibilità è alquanto facile. Può essere trasmessa attraverso la saliva o l’uso di oggetti contaminati, come gli asciugamani, stessi bicchieri, posate.

La mononucleosi è dovuta allo Human Herpesvirus 4 (HHV-4), un virus da tenere sotto controllo perché può essere “padre” di patologie molto serie.

Spesso la mononucleosi è asintomatica, o mostrare sintomi simili ad altri disturbi.

E’ bene porre attenzione in ogni caso a tutte le manifestazioni che il nostro corpo ci invia e rivolgersi al medico per effettuare delle semplici ma fondamentali analisi del sangue:


> Mal di gola, tonsillite, adenoidi o ghiandole linfatiche ingrossate.
> Febbre.
Stanchezza, astenia costante.
Sudorazioni notturne.
> Eruzioni cutanee, come esantema.
> Milza ingrossata.
> Valori innalzati di VES e Transaminasi.


Funzioni della Milza

Spesso sentiamo parlare di asportazione della Milza come se fosse una ghiandola senza importanza vitale, in realtà, si è vero senza milza non si muore, ma ricopre ruoli estremamente importanti soprattutto a carico del nostro sistema immunitario.


> E' la nostra centralina di controllo in caso d’infezioni, innescando la produzione di anticorpi e aumentando quella di globuli bianchi.
> E' la spazzina di globuli invecchiati e quindi inutili nel sangue sia bianchi sia rossi.
> E' il nostro magazzino di ferro, piastrine e globuli bianchi.


Rimedi per la Milza

In merito a problematiche di milza ingrossata, la cura è strettamente legata alla causa, che una volta curata e debellata, come la mononucleosi, risolverà anche l’ingrossamento della Milza.

In generale possiamo lavorare “in remoto” sulla Milza attraverso pratiche di Shiatsu e Riflessologia Plantare in dispersione.

Rivolgendosi ad un Naturopata si può integrare la cura farmacologica a pratiche naturali che velocizzano i tempi di recupero.

 

Leggi anche Cure e rimedi per la milza >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio