Articolo

Prurito intimo e perdite, i rimedi naturali

Il prurito intimo può dipendere da diversi fattori e quando è accompagnato da perdite può essere dovuto a infezioni batteriche o fungine da trattare con i rimedi naturali più indicati.

prurito intimo

Credit foto
©Roman Samborskyi -123RF

Prurito intimo e perdite: le cause più comuni

Il prurito intimo è un sintomo frequente in numerose patologie che riguardano l’apparato riproduttivo femminile.

Le cause del prurito intimo possono anche dipendere da irritazioni momentanee e passeggere che si risolvono spontaneamente nell’arco di uno o due giorni.

Il prurito intimo può essere accompagnato da perdite e, in questo caso, la causa di tali sintomi può essere dovuta a un’infezione batterica o fungina. Generalmente le infezioni batteriche causano perdite maleodoranti e il cui colore può essere bianco oppure giallo, verdastro o marrone.

Le infezioni da funghi come la Candida albicans provocano invece perdite dense e bianche inodori.
Le infezioni vaginali possono dipendere da cambiamenti della flora batterica vaginale o possono essere trasmesse sessualmente dal partner. Spesso le infezioni sono curabili facilmente attraverso l’uso di ovuli vaginali, lavande o creme e non è necessario allarmarsi quando si avvertono prurito e perdite.

Quando il prurito intimo persiste per più tempo e si hanno anche perdite o bruciore, è comunque sempre consigliabile consultare il medico per una diagnosi e per una terapia appropriate.
 

Come alleviare il prurito intimo

Se il prurito intimo non è accompagnato da perdite, la causa può essere un’irritazione dovuta all’uso di detergenti, slip o assorbenti: in questo caso il prurito tende a scomparire nell’arco di poche ore o giorni.

Per alleviare il prurito intimo, è possibile ricorrere a lavande esterne con principi emollienti e lenitivi, come ad esempio quelli contenuti nella malva, nella camomilla e nella calendula.

Tali rimedi possono essere utilizzati anche per alleviare il prurito intimo causato da infezioni batteriche o fungine, ma non vanno intesi come rimedi alternativi alla terapia prescritta dal medico o dal ginecologo. In caso di infezioni da microorganismi, i rimedi naturali per alleviare il prurito possono essere impiegati come coadiuvanti.

Per alleviare il prurito intimo si consiglia inoltre di evitare l’uso di deodoranti e salviettine detergenti nelle zone intime e di utilizzare biancheria intima in cotone non colorato.

In caso di prurito intimo è bene evitare anche l’utilizzo di salvaslip e, durante le mestruazioni, optare per assorbenti in cotone ecologico o lavabili, oppure ricorrere all’uso della coppetta mestruale.

Il prurito intimo in gravidanza può spesso essere causato da infezioni da Candida albicans, un fungo che provoca perdite bianche e dense prive di odore e un forte prurito e bruciore.