Articolo

Mal di stomaco nei cambi di stagione

Ci sono dei malesseri stagionali riconosciuti, come le malattie da raffreddamento invernali o le allergie ai pollini, e altri meno noti. Ci sono patologie che col cambio di stagione si riacutizzano, e non è un'impressione.

Mal di stomaco nei cambi di stagione

Capita, eccome: arriva la primavera e tutti sono felici tranne te. Tu che sei allergico alle graminacee, oppure tu che soffri spesso di mal di stomaco. Sì, perché i cambi di stagione vedono frequentemente un aggravarsi anche dei dolori di stomaco. Non è una tua impressione, ci sono delle basi concrete, c’è un nesso tra mal di stomaco e cambio di stagione.

 

Mal di stomaco nei cambi di stagione: cos’è?

Le cause principali del mal di stomaco sono l’eccesso di cibo e quindi la cattiva digestione, la gastrite e il reflusso gastroesofageo, che derivano principalmente da abitudini alimentari scorrette, fumo, stress, concomitanza di malattie e assunzione di farmaci.

Spesso, però anche i cambi di stagione possono accentuare, se non addirittura causare il mal di stomaco. Cerchiamo di capirne prima di tutto il perché: il cambio di stagione, soprattutto il passaggio dall’inverno alla primavera, stimola nel nostro organismo la secrezione dell’ormone cortisolo e l’attività del sistema nervoso ortosimpatico; di conseguenza si verifica un aumento della produzione di acido cloridrico nello stomaco.

Per chi è già predisposto, queste sono le premesse per un aumento dell’acidità, della gastrite e del reflusso gastroesofageo; quali sono le tipologie di persone più predisposte a un aumento del mal di stomaco nei cambi di stagione? eccone una brave lista:

> Chi soffre di alterata motilità gastrica a causa di malattie neuromuscolari, diabete o ernia iatale: per loro infatti la rimozione dell’acido gastrico dallo stomaco avviene con maggiore difficoltà ed espone la mucosa dello stomaco a prolungati e irritanti contatti con l’acido;

> Chi assume costantemente farmaci, quali per esempio cortisonici e gli antinfiammatori come l’aspirina, o integratori di ferro;

> Chi beve troppi alcolici poiché l’alcool è fortemente irritante per la mucosa gastrica;

>Chi è sotto stress: la produzione degli “ormoni dello stress” infatti modifica la motilità e le secrezioni gastrointestinali, altera la flora batterica e diminuisce la resistenza delle mucose;

>Chi ha problemi alla colecisti, o ha subito l’asportazione della colecisti, poiché hanno un minore funzionamento del sistema biliare, che invece ha effetti positivi sul controllo dell’acidità dello stomaco.

 

Leggi anche Mal di primavera, rimedi per la sindrome da letargo >>

 

Mal di stomaco nei cambi di stagione: cure naturali

Il mal di stomaco, si sa, è principalmente legato allo stile alimentare, oltre a una serie di cause “organiche” o malattie correlate.

Per evitare l’aggravarsi dei sintomi proprio nel periodo dei cambi di stagione vi sono una serie di rimedi naturali che valle la pena conoscere e sperimentare. Ecco i principali:

> modificare le proprie abitudini alimentari: evitare i cibi che stimolano la produzione di acido, per esempio i pomodori, gli agrumi, il cioccolato, il caffè, la menta e i cibi piccanti e grassi, l’eccesso di condimenti, ma anche il fumo di sigaretta. Non eccedere nel pasto serale ma distribuire correttamente il cibo nei tre pasti principali con due eventuali spuntini;

> fare piccole passeggiate dopo i pasti, o comunque non sedersi o sdraiarsi appena finito di mangiare, poiché il movimento facilita la digestione;

tisane dopo-pasto a base di camomilla, liquirizia, malva, valeriana o melissa;

> in presenza di reflusso gastroesofageo, evitare i pasti abbondanti e la cinture strette, non sdraiarsi dopo i pasti.

 

Leggi anche Sbalzi di pressione, cause, prevenzione, rischi >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio