Articolo

Cucina libanese: caratteristiche e alimenti principali

Possiamo trovare ristoranti libanesi in tutta Europa, nelle maggiori nazioni asiatiche, in America, in Messico ed in Brasile. Il motivo è presto detto: si tratta di una cucina deliziosa e sana, che spinge chi l'assaggia a tornare spesso.

Cucina libanese: caratteristiche e alimenti principali

Libano

C’è una parte di mondo che ha dato i natali a molti elementi ancora esistenti della cultura Mediterranea. Essa a sua volta conserva elementi mediorientali, cananei, arabi, al contempo asiatici, africani e europei.

Si tratta della Mezzaluna fertile, di cui fa parte anche una piccola striscia di terra che si affaccia sul mare, chiamata Libano. Cananei, caldei, fenici, arabi, bizantini, drusi, ottomani, sono moltissime le culture che hanno attraversato la terra che circonda Beirut.

Una delle più antiche epopee conosciute, quella di Gilgamesh, aveva luogo qui, nel Paese dei cedri, albero che funge da emblema nazionale. Per via della collocazione e dell’esposizione al mare, il Libano gode di un ottimo clima mediterraneo, ma al contempo le cime spesso innevate dei suoi monti alti fino a 2800 metri, presentano foreste dal clima temperato.

In tempi meno antichi gli europei hanno invaso questa terra più volte, dalle crociate fino all’occupazione francese, e tutte queste dinamiche hanno in qualche modo dato un’identità unica alla cucina libanese nel panorama di quelle mediorientali.

 

La cucina libanese: piatti tipici

La cucina libanese appartiene senza dubbio alla grande famiglia delle cucine levantine, eppure tra queste è quella considerata la migliore sia dal pubblico che dalle riviste e dalle agenzie specializzate.

Non a caso i ristoranti di cucina libanese sono quelli con un maggior tasso di crescita al mondo negli ultimi anni. Gli elementi quindi sono quelli della cucina levantina: cereali, legumi, verdure, pollame, molto pesce e condimenti tipici dell’area: olio di oliva, limone, aglio, sesamo e prezzemolo.

Meno conosciuto dell’hummus ma altrettanto buono è il baba ganoush, si tratta di una deliziosa crema di melanzane e tahini, crema di sesamo, ricca di olio di oliva e in genere decorata con chicchi di melograno.

Uno dei piatti di pollo più comuni in Libano è lo shish taouk, speciali spiedini di pollo lasciato marinare per una notte in una pentola assieme a succo di limone, yogurt, concentrato di pomodoro, aglio e spezie varie, soprattutto paprika. E’ una tipica farcitura per i panini da mangiare in strada.

Esiste poi un’arcaica versione libanese della pizza, il manakeesh; in realtà è più una sorta di focaccia con formaggi locali, timo in abbondanza, olive, menta essiccata, pomodori, cetrioli sott’aceto e talvolta carne.

Non importa andare nei dettagli quando parliamo degli onnipresenti felafel e del tabbouleh, invece due parole si possono spendere per la fattoush, l’insalata tradizionale, agrodolce, con pezzi di pane tostato e noci tostate e macinate.


Leggi anche Falafel di lenticchie, la ricetta >>

 

Dove mangiare libanese (in strada o al ristorante)

Il cibo in strada è praticamente onnipresente (a eccezione del periodo di ramadan), come da buona tradizione mediorientale. Esistono ristoranti di vari livelli, alcuni con cibi più tradizionali e altri con cucina fusion. Venire invitati ai bachetti di qualche evento come un matrimonio è un’esperienza unica. Potrete assaggiare piatti unici, vedrete l’opulenza senza fine della generosità che si esprime in queste occasioni.

 

Cucina libanese, da non perdere

Non abbiamo avuto tempo di parlare della meravigliosa frutta libanese, fresca o essiccata, e delle noci. Lo shawarma libanese, carne marinata alla griglia, è un retaggio arabo con un tocco di mediterraneità che merita davvero di essere apprezzato. Da provare sono anche il caffè alla turca e i vari tipi di tè.

 

Cucina libanese, cosa evitare

La cucina libanese è meravigliosamente deliziosa e ci sono pochi elementi con cui riempire questa sezione. Anche il livello di igiene è molto alto. Se propio dobbiamo consigliare cosa evitare, consigliamo di non fissarsi sui piatti classici ma di esplorare le bontà meno conosciute. Inoltre, di tutta la pasticceria libanese, quella che tende ad imitare la francese è forse quella meno appetitosa.

Consigli e curiosità

Il cibo è un’occasione per conoscere persone, famiglie, luoghi, culture; e per scoprire che le persone che vivono in Medioriente sono molto diverse da quello che vediamo nei telegiornali e molto simili a quelle che ci circondano quotidianamente.

 

Leggi anche Alimentazione in viaggio, consigli utili >>

 

Foto Станислав Саблин / 123rf.com