Articolo

Tempo libero dei bambini, le attività consigliate

Quali attività dovrebbero svolgere i bambini nel tempo libero? Vediamone alcune tra le più indicate.

Tempo libero dei bambini, le attività consigliate

I bambini, nel tempo libero, dovrebbero svolgere attività utili per lo sviluppo cognitivo ed emotivo, oltre che per crescere bene e in salute.

Per esempio, è molto importante che si muovano, che stiano all’aperto, che abbiano la possibilità di socializzare e dare sfogo alla propria creatività.

 

Attività per il tempo libero dei bambini: tanto movimento

I bambini, nel tempo libero, dovrebbero essere invitati soprattutto a muoversi. Spesso, tra scuola, compiti, tv, tablet e consolle, hanno uno stile di vita eccessivamente sedentario, e non va bene.

L’Organizzazione mondiale della Sanità ha elaborato linee guida che forniscono indicazioni precise su quanta attività fisica dovrebbero praticare i bambini per stare bene e prevenire disturbi quali ipertensione, diabete, obesità e persino stati ansiosi e depressione.

Secondo le indicazioni dell’OMS, tutti gli adolescenti e i bambini, a partire dai cinque anni d’età, dovrebbero praticare minimo un’ora al giorno di attività fisica da moderata a intensa e fare attività aerobica almeno tre volte a settimana. Per attività fisica si intende non solo lo sport vero e proprio, ma anche il gioco che preveda movimento.

Ovviamente, l’attività fisica va incoraggiata anche nei più piccoli, cioè in quelli di età inferiore ai cinque anni. Inoltre, i bambini dovrebbero trascorrere parte del loro tempo libero all’aperto, quindi sì alle passeggiate in bicicletta, alle esplorazioni in campagna e nei boschi, alle gite al mare, al gioco nei parchi eccetera.

Per quanto riguarda, invece, lo sport vero e proprio, bisognerebbe scegliere in base alle preferenze e alle attitudini fisiche del bambino; è, inoltre, consigliabile evitare l’attività agonistica in tempi eccessivamente precoci.

 

Leggi anche Scopri i 10 diritti naturali dei bambini >>

 

Attività per il tempo libero dei bambini, la musica

Secondo i risultati di un recente studio, condotto negli Stati Uniti, studiare uno strumento musicale aiuta lo sviluppo del cervello dei bambini e si associa a una più rapida maturazione corticale, con risultati positivi sulla funzione motoria, sul controllo inibitorio, sull’elaborazione delle emozioni, la memoria di lavoro, la capacità di mantenere alta l’attenzione e l’abilità di fare progetti per il futuro. Anche il semplice ascolto della musica aiuta lo sviluppo del cervello.

A che età si può inserire la musica tra le attività del tempo libero del bambino? Se ci riferiamo all’ascolto e al gioco musicale (battere le mani, usare semplici strumenti come fischietti, sonaglini eccetera), si può chiaramente cominciare da subito. Intorno ai 6-7 anni è possibile, invece, passare allo studio di uno strumento musicale.

 

Attività per il tempo libero dei bambini: libri e lettura

I bambini dovrebbero leggere molto e non solo a scuola. Storie leggere, divertenti, adeguate all’età; storie che stimolino la curiosità e la fantasia; storie che insegnino a capire meglio la realtà; storie in grado di allenare le emozioni.

I nostri figli sono sempre più attratti dalle storie raccontate per immagini in film e telefilm, ma il tesoro contenuto tra le pagine di certi libri non può essere sostituito dalla tv.

Ecco perché bisognerebbe leggere ad alta voce ai bambini che ancora non sono in grado di farlo autonomamente e continuare anche con i più grandicelli, invogliandoli a leggere in autonomia, non appena saranno in grado di farlo.

 

Leggi anche Cos'è la "nintendonite" e come evitarla? >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio