Articolo

5 consigli per iniziare l'anno nuovo

Imparare una lingua nuova, rivedere abitudini sin dal risveglio, mettersi in un percorso di ricerca personale serio e utile senza perdere ironia e voglia di ridere: questi e altri consigli per un meraviglioso nuovo anno

5 consigli per iniziare l'anno nuovo

Può darsi che l'anno passato si sia concluso con qualche incertezza o pensieri depotenzianti che sono apparsi come tarli a divorare le intenzioni valide, nuove.

Il nuovo in alcuni casi irrompe con lucente forza, in altri ci mette un po' a mostrarsi, a causa delle resistenze che mettiamo inconsciamente e di cui spesso nemmeno ci rendiamo conto.

Gennaio è il mese di Giano, divinità che protegge nelle fasi di transizione, nei momenti di passaggio.

Vediamo insieme 5 modi per avviare bene questo nuovo anno.

 

5 consigli per iniziare bene l'anno nuovo 

L'inizio è importante. Gli inizi lo sono, come quello che ogni mattina ci attende appena fuori le lenzuola. Partiamo dal risveglio per iniziare bene l'anno nuovo.

 

1. La cura nel risveglio 

Una prima via per vivere bene è quella della revisione delle abitudini al risveglio. Se da tempo partite, come si dice, con il piede sbagliato, potrebbe darsi che prima della colazione abbiate bisogno di stare nel corpo, starci semplicemente.

Stare nel corpo significa poterlo abitare in tutta libertà, dando la possibilità a tutte le articolazioni di scaldarsi, esprimersi, vivere. 

Non è detto che faccia per voi l’acqua calda e limone, anche se di fatto è una panacea straordinaria; cercate di capire se il consumo di zuccheri vi fa bene: in generale sarebbe bene idratarsi comunque subito molto al risveglio. Praticate anche una buona pulizia della lingua e dei denti. Avete mai sentito parlare dell’oil pulling? Il risciacquo della bocca con olio di semi di girasole spremuto a freddo.

risveglio

 

2. Imparare una nuova lingua

Molti di noi non considerano nemmeno l’ipotesi di imparare davvero bene una lingua nuova. Questo è un peccato. Di fatto, decidere di iniziare a imparare un lingua significa rimettersi in moto e aprirsi un bel ventaglio di possibilità.

In molti casi la motivazione va con un incontro o un progetto di lavoro all’estero, ma chi l’ha detto che non potete iniziare a impararla per la melodia, il suono che vi rimanda. Anche l’estetica è utilità e se seguite il sentire non è detto che quella lingua in futuro non possa davvero tornarvi utile.  

 

nuova lingua

 

Buon anno, con lo yoga

 

3. La cura dell'acqua

Via libera alle terme per togliere di mezzo le tossine. Individuate il giorno di chiusura e di pulizia generale delle acque e cercate di evitare, se vi è possibile, giorni in cui sapete che si alza la possibilità di trovarla affollata; godetevi il caldo e giocate con la temperatura esterna e quella dell’acqua. Le vostre vene, il vostro apparato cardiovascolare vi ringrazieranno.

Se la struttura è dotata di un percorso vascolare, cercate di farne esperienza: si tratta di una piscina in due corsie di cui una calda e l'atra fredda e per passare da una vasca all'altra ci sono degli scalini.

Se ne traggono enormi benefici rispetto ai danni di una vita sedentaria, in caso di sovrappeso, fattori climatici, fattori ormonali che causano pesantezza alle gambe ed ectasie (dilatazioni) capillari.

A volte la struttura a due vasche è corredata da massaggio fisiologico plantare del camminamento con azione tonificante.

Terme

 

4. Progettare un viaggio

Buonissimo periodo per i progetti di viaggio mirati sul medio e sul lungo periodo, soli o in compagnia. C’è da tenere davvero presente anche l’ipotesi di andare in solitudine, per ricaricarsi nel silenzio e godere dei nuovi incontri.

Pianificate un iniziale piano approssimativo, stimate i costi, cercate di giocare d'anticipo per poter risparmiare al meglio. Se decidete di valicare i confini nazionali, controllate la situazione relativa ai documenti di viaggio necessari.

E non spifferate subito l'intenzione, parlatene con una o poche persone, per custodire la gioia di un progetto personale.

viaggio

 

5. Iniziare un percorso spirituale

Come iniziare un percorso spirituale? Molti si iscrivono a corsi di reiki o shiatsu, altri decidono di provare le costellazioni familiari, che sono davvero potenti. Va bene tutto, ma non buttatevi a caso. Cercate di prendere informazioni sul terapeuta o incontratelo prima di persona; anche telefonicamente fidatevi della vostra prima impressione.

In molti casi i cuori di questi esperti sono chiusi come voce e adesso non serve a nessuno imparare a essere creature umane meno pure, anzi.

Affidatevi alle coincidenze (un volantino, un opuscolo, una parola che ricorre mentre scambiate opinioni con altri), ma non buttatevi ciecamente. Ricordate sempre che l’anima assorbe tutto. Siate delicati con lei, scegliete con cura con cosa alimentarla. 

 

reiki

 

Per il nuovo anno, regalati uno stile di vita più naturale

Immagine | Flickr