Articolo

Le proprietà antinfiammatorie della betulla

La betulla non solo come diuretico ipotensivo, ma anche come antinfiammatorio. Grazie ai suoi principi attivi è un utile rimedio in caso di reumatismi, dolori articolari, ma anche infiammazioni della pelle.

Le proprietà antinfiammatorie della betulla

La betulla è un rimedio considerato nel suo fitocomplesso dato da foglie, gemme, corteccia e anche linfa. E’ ricca in tannini, olio essenziale, flavonoidi, saponine, vitamina C.

In fitoterapia è nota per le sue proprietà diuretiche, in caso sia necessaria una profonda azione drenante per edemi, insufficienza linfatica e venosa, ipertensione, calcolosi renale.

Questa sua particolare efficacia è dovuta alla presenza di flavonoidi come la quercetina e sali di potassio che velocizzano i tempi di formazione dell’urina coinvolgendo gli eccessi di liquidi accumulati e prevenendone il ristagno.

A queste proprietà si associano virtù antibatteriche a beneficio delle vie urinarie. Tali caratteristiche sono dovute alla componente di salicilato di metile contenuto nell’essenza che svolge azione antisettica, contrasta la formazione di batteri.

La betulla può essere utile in caso di infiammazioni a carico dell’apparato urogenitale, come cistite, uretrite. Nella corteccia in particolar modo si riscontra un’alta presenza di acido betulinico dalle proprietà antinfiammatorie, ma anche le foglie e le gemme sono fonti di principi attivi antireumatici per contrastare dolori articolari e gotta.

Svolge un’azione antinfiammatoria anche a livello topico: l’olio di betulla è infatti utile da applicare sulla pelle in caso eczema, dermatite, psoriasi. Placa il rossore, il prurito, la desquamazione e la secchezza, idrata e lenisce.

La betulla possiede anche proprietà analgesiche ed è un utile rimedio per i dolori mestruali.

 

Leggi anche La forza drenante del gemmoderivato di betulla >>

 

Come assumere la betulla

In commercio possiamo reperire la betulla sotto forma di estratto idroalcolico ottenuto dalla corteccia oppure dalla linfa e in gemmoderivato.  Per un’azione antinfiammatoria è consigliata la betula verrucosa da corteccia.


Controindicazioni

E’ sconsigliato l’utilizzo di rimedi a base di betulla a coloro che hanno manifestato allergie all’aspirina o più in generale a componenti a base di salicilati.

Anche chi è allergico ai pollini potrebbe non tollerare alcuni componenti della betulla. A chi soffre di ipotensione è sconsigliato l’uso di rimedi erboristici contenenti betulla, proprio per la sua efficacia sui valori pressorei.

 

Leggi anche 3 integratori antinfiammatori contro i mali di stagione >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio