Articolo

Le posizioni per favorire l'allattamento

Se il bambino non si attacca bene al seno la poppata non è efficace. Quali sono le posizioni corrette? Come agevolare una suzione efficace? Cerchiamo di spiegarlo in modo molto pratico

Le posizioni per favorire l'allattamento

Per poppare in maniera efficace, il bambino deve tenere in bocca tutta l’areola e la lingua deve stare al di sotto di essa.

Per essere certe che sia così, bisogna fare in modo che la bocca del piccolo contenga non solo l’areola ma anche altra parte del seno, perché il rischio, altrimenti, è che cercando di inserire la parte superiore dell’areola resti fuori quella inferiore, che la mamma, che guarda dall’alto, non può vedere; se, invece, la porzione di seno che entra nella bocca del bambino è più abbondante, si ha la certezza che tutta l’areola sia al suo interno.

Tutto questo è fondamentale perché, per una corretta suzione, il capezzolo deve trovarsi nella parte superiore della bocca e tra capezzolo e labbro inferiore deve esserci spazio sufficiente per la lingua.

Inoltre, quando avviciniamo il bambino al seno, è consigliabile che il capezzolo sia all’altezza del suo naso e non della bocca; in questo modo quando il piccolo apre la bocca non si corre il rischio che il capezzolo ne resti al centro o nella parte bassa e che quindi il bambino non riesca a inserire la lingua.

Dunque, la cosa fondamentale è la posizione della bocca. Anche il modo in cui si mette il resto del corpo è importante, ma questo vale soprattutto quando si allatta un neonato. Una volta avviato bene l’allattamento, infatti, i bambini acquisiscono una grande abilità nell’attaccarsi correttamente e riescono a poppare praticamente in ogni posizione.

È fondamentale che il piccolo si attacchi correttamente per favorire una suzione efficace ma anche per evitare spiacevoli inconvenienti alla mamma quali, ad esempio, le ragadi.

Quali sono le posizioni del corpo che favoriscono l’allattamento? Ne esistono molte, ma quelle elencate di seguito sono le più utilizzate perché più comode.


Le posizioni dell’allattamento

Per poter poppare adeguatamente, tutto il corpo del bambino deve stare a contatto con la mamma, pancia contro pancia.

Questa, per esempio, è una posizione corretta, in cui la mamma sorregge la testolina del bambino con un braccio e gli tiene l’altra mano sul culetto. Il piccolo, poi, è comodamente adagiato su un cuscino per allattamento:

posizione allattamento cuscino

 

Un’altra posizione molto confortevole è stare distesi a letto: una soluzione perfetta per la notte e molto comoda anche di giorno, come nell'immagine che compare all'inizio dell'articolo.

Un’altra posizione, che prevede un contatto diverso da quello "pancia a pancia", ma è comunque efficace, è quella a palla da rugby, cioè con i piedi rivolti verso dietro, come in questa foto.

Questa posizione è utile soprattutto subito dopo il parto cesareo, quando i piedi del bambino possono dare fastidio urtando contro la cicatrice della mamma, oppure quando si vogliono allattare in tandem due gemelli.

posizione allattamento a palla da rugby

 

Altri consigli per una corretta posizione di allattamento

  • Il collo del bambino dovrebbe risultare dritto o lievemente piegato all’indietro.
  • Se si vuole sostenere il seno durante la poppata è preferibile farlo con il palmo della mano anziché tenendo le dita a forbice. Se proprio si preferisce quest’ultima soluzione, per evitare di coprire l’areola bisognerebbe posizionare le dita in maniera che una sia molto distante dall’altra.
  • Quando si allatta sdraiate, il bambino deve stare completamente rivolto verso la mamma e non girare solo la testa.
  • Se il seno è molto voluminoso può essere utile comprimerlo un po' con le dita, sempre facendo attenzione a non coprire l'areola, per far sì che il neonato possa prenderlo più facilmente, soprattutto le prime settimane, quando la bocca è molto minuta.
  • Per favorire una corretta posizione può essere d’aiuto un cuscino da allattamento.

 

Allattamento, 3 semplici consigli per superare le prime difficoltà

 

Per approfondire:

> Allattamento, tutti i rimedi per favorirlo

> Allattamento naturale: come favorirlo e i benefici per mamme e bambini

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio