Articolo

Arrossamento e prurito all'inguine, rimedi naturali

Arrossamento e prurito all'inguine sono disturbi "imbarazzanti" e delicati da trattare. Vediamo quali rimedi naturali utilizzare, nel rispetto della particolare "delicatezza" delle zone.

Arrossamento e prurito all'inguine, rimedi naturali

Arrossamento e prurito all'inguine: cause

L'inguine è una zona del corpo costretta, per la quasi totalità del tempo, in indumenti.

L'uso di biancheria in fibre sintetiche, così come l'uso di indumenti aderenti che non lasciano respirare la pelle, l'uso di saponi troppo aggressivi, creme, depilazione poco curata o eseguita troppo spesso, fino all'uso di detersivi e ammorbidenti per gli abiti, possono irritare la pelle già delicata dell'inguine.

A questo si aggiunge che l'inguine è una zona del corpo particolarmente calda e umida, soggetta a sudare durante l'attività fisica o in caso di tensione emotiva.

Questo elenco non esaustivo può portare all'arrossamento e al prurito all'inguine.

In alcuni casi si possono anche sviluppare batteri o micosi che peggiorano la situazione, provocando desquamazioni ed eruzioni cutanee.

 

Leggi anche Prurito intimo, i rimedi naturali per constrastarlo >>

 

Arrossamento e prurito all'inguine: rimedi naturali

L'arrossamento della pelle della zona inguinale è il primo sintomo di un problema che potrebbe peggiorare: per questo motivo non va mai sottovalutato e si deve agire subito. Non è normale che la pelle sia reattiva, arrossata.

Peggio ancora se si presentano vesciche, desquamazioni, macchie. Quando, dopo l'arrossamento, insorge il prurito si è già in una situazione di irritazione avanzata, ed è necessario usare rimedi naturali.

L'inguine, per la prossimità con i genitali e con la parte finale dell'intestino, deve essere trattato con cautela, per evitare che i rimedi utilizzati vadano a compromettere le mucose delicate di queste sezioni del corpo.

La prima cosa da fare in caso di arrossamento e prurito all'inguine è disinfiammare la zona e ripristinare il film idrolipidico della pelle, detergendo il più rispettosamente e naturalmente possibile la zona.

A questo scopo i lavaggi con acqua tiepida e argilla verde ventilata consentono anche di espletare una azione rinfrescante e antibatterica.

Dopo aver sciolto un cucchiaio di argilla verde ventilata nel bidet, o tre cucchiai nella vasca da bagno, si lava la zona, con delicatezza. Si sciacqua poi accuratamente e si asciuga bene.

Se l'arrossamento e l'irritazione sono causati e peggiorati da una produzione eccessiva di sudore si può usare, in quantità minime, come borotalco, del caolino o della farina di riso.

Un altro modo efficace e naturale per evitare la proliferazione batterica e lo sviluppo di micosi, è quello di sfruttare gli olii essenziali: dieci gocce di olio essenziale di tea tree, forte antimicotico, sciolte nell'acqua del semicupio, o del bagno, permettono di risolvere il problema dell'arrossamento e del prurito inguinale causato da batteri e fungi.

Anche il gel di aloe, con la sue proprietà emollienti, idratanti e antibatteriche, permette di risolvere il problema cutaneo derivante dall'arrossamento: se ne usa una piccola quantità sulla parte lavata, si massaggia e si sciacqua.

 

Leggi anche Orticaria da stress, i rimedi naturali >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio