Articolo

Tallonite: sintomi, cause e rimedi naturali

Come riconoscere la tallonite dai sintomi, scoprirne le cause e curarla con i rimedi naturali

Tallonite: sintomi, cause e rimedi naturali

Il tallone è quella parte del piede su cui grava la maggior parte del peso del corpo.

La struttura del piede permette poi di distribuire il carico su ogni metatarso e sulle dita, ma il calcagno comprende l'insieme di ossa che più ne risente.

La tallonite è una manifestazione infiammatoria a carico di questa zona, con dolore e problematiche che vanno a coinvolgere tutta la struttura posturale: schiena, gambe e bacino, sia dal punto di vista osseo che dal punto di vista muscolare.

 

Tallonite: le cause

Le cause della tallonite possono essere molte, e partono da problematiche legate a malattie metaboliche, fino alle più comuni cause attribuibili alle sollecitazioni meccaniche a carico del piede e degli arti inferiori:

  • sovrappeso;

  • alterazioni posturali;

  • calzature e plantari non ergonomici o inadatti;

  • traumi;

  • sollecitazioni meccaniche a carico del piede (come in alcuni sport quali la corsa, o sport in cui sono frequenti i salti ripetuti);

  • gotta;

  • reumatismi.

Esistono anche cause in cui la tallonite è una conseguenza di patologie a carico di altre strutture facente parte del piede:

  • borsite: infiammazione delle borse sierose del piede che permettono un agevole scorrimento dei tendini;

  • tendinite alla caviglia e al piede;

  • fascite: infiammazione della fascia muscolare della pianta del piede.

Arnica in crema, come e quando usarla anche in caso di tallonite

Tallonite: i rimedi

A prescindere dalla cause, il principale rimedio contro la tallonite è il riposo: l'infiammazione si può infatti risolvere con successo solo se non si reiterano i comportamenti che ne hanno portato all'insorgenza.

Il segnale che il corpo invia è già eloquente: spesso la tallonite arriva non annunciata e improvvisamente e comunica chiaramente la necessità di fermarsi.

Per la fase acuta è possibile eseguire

A seconda delle cause è poi necessario intervenire diversamente, una volta rientrata la fase acuta.

In caso di gotta e malattie metaboliche è necessario un completo miglioramento dello stile di vita e delle abitudini alimentari; quando invece è dovuta a posture errate e calzature non idonee è invece necessario indagare come il peso grava sul piede osservando lo stato di usura delle scarpe e acquistandone di più adatte, escludendo il più possibile tacchi o scarpe eccessivamente piatte. Questo è utile anche nei casi dovuti a stress derivanti da sport quali pallacanestro, pallavolo, corsa, tennis e calcio: la scarpa può fare molto per evitare l'insorgenza di fascite, borsite e tendinite.

Per chi invece ha nel piede il proprio punto particolarmente delicato, senza che siano intervenuti traumi o particolari condizioni proinfiammatorie, può aiutarlo nella sua importante funzione di sostegno migliorando la muscolatura di tronco e schiena, nonché quella delle gambe, permettendo così una adeguata distribuzione del peso e un equilibrio posturale consono.

 

Scarpe e postura: quanto tacco portare?

 

Per approfondire:

> Piedi: disturbi e rimedi naturali

> Rimedi naturali per la tallonite