Articolo

Gli olii essenziali per l'orzaiolo

L'orzaiolo è un'infiammazione degli occhi che porta dolore e gonfiore alle palpebre. Usare gli olii essenziali può aiutare in modo naturale il superamento dei sintomi.

Gli olii essenziali per l'orzaiolo

Orzaiolo: sintomi e cause

L'orzaiolo è una infiammazione delle palpebre. I sintomi sono gonfiore, dolore, arrossamento delle palpebre e dell'occhio. Si può presentare un foruncolo sul bordo palpebrale, in questo caso si tratta di orzaiolo esterno, o all'interno della palpebra stessa, detto orzaiolo interno. A volte si accompagna a prurito e lacrimazione.

Le cause sono varie. Possono derivare da un agente estraneo introdotto nell'occhio in vari modi, quali il vento, o l'uso di prodotti per il viso o per i capelli, oppure ancora a causa del contatto con mani poco pulite.

Quando questo accade all'infiammazione dovuta allo sfregamento si aggiunge la proliferazione batterica che porta allo sviluppo dell'orzaiolo.

Può anche accadere che il sistema immunitario sia particolarmente debilitato e, in conseguenza di questo, i batteri che naturalmente si posano sulle ciglia, trovino un terreno fertile per il proprio proliferare.

L'orzaiolo si risolve di solito normalmente e senza intervento dopo circa una settimana. Ci sono però casi un cui ricorre spesso e situazioni in cui da un orzaiolo può svilupparsi una congiuntivite: è allora importante seguire una scrupolosa igiene e pulizia dell'occhio, per evitare che si creino le condizioni adatte per lo sviluppo del gonfiore e dell'arrossamento agli occhi.


Leggi anche Quali cosmetici evitare in caso di orzaiolo >>

 

Oli essenziali per l'orzaiolo

Gli olii essenziali sono un valido alleato della salute degli occhi, in caso di orzaiolo usare gli olii essenziale permette di superare più velocemente l'arrossamento e il gonfiore, nonché eliminare le cause batteriche che hanno portato allo sviluppo dell'infiammazione.

Si possono usare compresse tiepide da applicare sulla parte esterna della palpebra. Preparare l'occorrente per una compressa calda da posizionare sull'occhio è molto semplice.

Si fa bollire dell'acqua naturale con aggiunta dell'acqua di rose pura, senza additivi e senza alcool, in parti uguali. Una volta spento il fuoco si aggiunge una goccia di olio essenziale di camomilla e si lascia intiepidire, si filtra con un panno di cotone pulito.

Si immerge un batuffolo di cotone o un fazzoletto, e si applica la compressa sull'occhio per almeno 20 minuti, due volte al giorno fino alla scomparsa del gonfiore e del dolore.

L'olio essenziale di camomilla ha proprietà lenitive, permette quindi di blandire il dolore e calmare lo stato di gonfiore.

Per curare l'orzaiolo può usare anche l'olio essenziale di tea tree in aggiunta a dell'olio di base: la proporzione è di una goccia di olio essenziale per una tazzina di olio di base.

Solitamente è sconsigliato l'uso diretto degli olii essenziali negli occhi: anche in questo caso è necessario prestare attenzione a che l'olio sia adeguatamente diluito e che non entri direttamente negli occhi. Si usa localmente sulle palpebre e intorno all'occhio (mai dentro) in caso di orzaiolo sia interno che esterno.

Il tea tree è un antinfiammatorio, antibatterico e antibiotico naturale molto forte.

 

Leggi anche Curare l'orzaiolo, i 10 rimedi più efficaci >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio