News

In spiaggia con il cane: guida pratica

Diritti, doveri e divieti: l'Associazione italiana difesa animali ed ambiente stila una guida pratica con le norme di comportamento da seguire quando si frequentano spiagge e litorali in compagnia del proprio cane.

Decalogo Aidaa per portare il cane nelle spiagge libere

Credit foto
©Brian Lasenby / 123rf.com

L'estate è ufficialmente iniziata e, con essa, la stagione balneare in Italia. Come occorre comportarsi se in spiaggia si vuole portare anche Fido, garantendogli le giuste tutele senza essere fonte di disturbo per gli altri bagnanti e frequentatori del litorale? 

L'Associazione italiana difesa animali ed ambiente (AIDAA) giunge in soccorso, stilando un decalogo delle norme comportamentali, dei diritti e dei doveri per i bagnanti che si recano sulle spiagge libere con il proprio cane. 
 

La spiaggia ai tempi del Covid

La guida pratica redatta dall'associazione animalista non può esimersi dal tenere in considerazione le limitazioni anti-covid in spiaggia, contenute nel decreto legge che ne determina le linee guida, nella seconda estate in tempi di pandemia. 

Come nelle strutture e negli ambienti chiusi pet-friendly in genere, anche nei luoghi aperti servono, infatti, alcuni accorgimenti aggiuntivi che - fra distanza interpersonale e accortezza negli spostamenti - assicurino a tutti tranquillità e sicurezza.
 

Cani in spiaggia, regole generali

E' bene sapere che non esiste in Italia una legge che vieti in maniera assoluta di portare i cani al mare nelle spiagge libere. In assenza di specifici divieti, i padroni possono pertanto condurre con sé i cani e fare il bagno nelle acque demaniali senza rischiare alcuna sanzione.

Tuttavia, è consigliabile controllare sul sito del Comune di riferimento l’esistenza di ordinanze che limitano o vietano l’accesso ai cani in tutto o alcune porzioni di spiaggia libera. I divieti, ove presenti, devono essere motivati, proporzionati e circostanziati.

Per quanto riguarda i lidi privati, trovare una spiaggia che ammetta i cani - a dispetto degli oltre 12.000 stabilimenti balneari presenti sui 4.000 km di costa balneabile - può non essere semplice. I gestori possono, infatti, decidere autonomamente e su base arbitraria se aprire le porte agli amici a quattro zampe, senza che i molti dog-lovers italiani o stranieri possano fare altro che adeguarsi.
 

Il decalogo AIDAA per chi pota il cane in una spiaggia libera

Ecco dunque il decalogo per chi porta il proprio cane in una spiggia libera che comprende, da un lato, i comportamenti da seguire in spiaggia con il proprio cane, dall'altro le norme per offrire servizi e indicazioni adeguate ai bagnanti con il proprio fedele amico al seguito. 

 

  1. Accesso alla spiaggia libera: per raggiungere la spiaggia libera con il cane è consentito il passaggio sia sulla battigia che attraverso gli stabilimenti balneari. Il cane deve comunque sempre essere al guinzaglio corto (1,5 metri), con museruola al seguito.
  2. Segnaletica per spiagge dedicate: ogni Comune deve indicare con appositi cartelli la presenza di spazi di spiaggia libera destinati ai bagnanti accompagnati dai cani. In questo caso, è proibito portare il cane in spiagge non autorizzate, mentre si può portare il cane ovunque se non vi sono spiagge libere a loro dedicate. 
  3. Cartellonistica con riferimento di legge: i divieti e i relativi cartelli devono essere sempre segnalati con riferimento al decreto, alla legge regionale o alla ordinanza comunale o della guardia costiera. Qualora non sia presente tale indicazione, i cartelli sono da considerarsi illegali.
  4. Tutele per la salute e il benessere dei cani: in spiaggia deve essere tenuto al guinzaglio corto, con museruola al seguito e comunque si deve garantire sempre l’acqua e l’ombra. E' assolutamente vietato tenerli al sole, specialmente nelle ore di maggior calore.
  5. Obbligo di raccolta di deiezioni e rifiuti: portare sempre paletta e sacchettino per la raccolta delle deiezioni dei cani. E', inoltre, obbligatorio rimuovere questi rifiuti portandoli con sé se non vi sono appositi cestini di raccolta.
  6. Bagno in mare: i cani possono entrare in mare sempre, tranne nei casi di esplicito divieto.
  7. Rispetto per i bagnanti: è fondamentale avere sempre e comunque rispetto per il prossimo, compresi coloro che non amano i cani. Se si è in spiaggia mista occorre tenere sempre il proprio cane con sé.
  8. Attenzione ai dispositivi anti-Covid:  è assolutamente vietato abbandonare i dispositivi anti-covid e in particolare le mascherine, che rappresentano un serio pericolo per i cani. 
     
Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio