Articolo

Pane proteico, proprietà e benefici

In apparenza è un controsenso: il pane che conosciamo noi è fatto di farina, spesso bianca, quindi quasi tutto di carboidrati. Invece no. I mastri fornai hanno recuperato antiche ricette e ora abbiamo a disposizione un pane ad alto contenuto di proteine.

Pane proteico, proprietà e benefici

Potrebbe sembrare un controsenso nutrizionale: il pane è da sempre considerato fonte di carboidrati, con tutte le implicazioni che ciò comporta nel corretto bilancio di un pasto o di uno spuntino.

Ma, si sa, la ricerca e la creatività culinaria non hanno limiti e ora abbiamo a disposizione sia nella grande distribuzione sia dal panettiere sotto casa (quasi tutti) un tipo di pane speciale, adatto a determinati regimi alimentari… o ai golosi curiosi. Si tratta del pane proteico: vediamone insieme in breve proprietà e benefici.

 

Pane proteico: le proprietà nutrizionali

Il pane proteico è prodotto con una miscela di farine di semi e di legumi, come per esempio di semi di sesamo, lino, zucca, soia, con l’aggiunta di pochissima farina di cereali quali l’avena, oltre a olio di semi di girasole, in alcuni casi latte di soia e lievito.

Dal punto di vista nutrizionale, queste sono le proprietà del pane proteico, considerando una media dei prodotti attualmente in commercio; in 100 grammi di pane proteico sono contenuti pertanto:

> 253 calorie cca;
>16 g di grassi;
>7,5 g di carboidrati;
>20 g di proteine.

 

Per meglio apprezzare le differenze con il pane comune, ricordiamo che in 100 grammi sono contenuti:

> dai 3 ai 10 g di proteine;
> tra i 50 e i 90 g di carboidrati;
> un apporto calorico tra le 300 e le 400 calorie, a seconda del tipo di farina utilizzata.

 

Leggi anche Pane di quinoa, la ricetta >>

 

Pane proteico: i benefici

I “puristi del pane”, incluso il mio babbo fornaio (signor Farina…nomen omen), si staranno chiedendo perché fare un pane che abbia le stesse proteine di una bistecca.

Sento le loro obiezioni: “Perché non ti mangi direttamente delle uova, o dei legumi?”.  Verissime e legittime.

Ci sono però situazioni di salute differenti, nelle quali il consumo di carboidrati va drasticamente diminuito, e un pane proteico potrebbe soddisfare il palato senza danneggiare il regime alimentare prescritto dal medico. Ecco alcuni esempi:

> Alcune patologie neurologiche;
> il diabete di tipo 2;
> malattie a carico del metabolismo dei carboidrati, es la sindrome di deficienza da GLUT1;
> alcuni percorsi alimentari speciali (per esempio la dieta chetogenica);

Anche per chi non fosse “a dieta”, in molti possono trarre notevoli benefici dall’utilizzo del pane proteico, ecco alcune categorie di persone:

> Gli sportivi che vogliono aumentare la quota proteica per recupero dell’attività e la massa muscolare;
> chi è attento al consumo di fibre, poiché il pane proteico ne è particolarmente ricco;
> chi ha bisogno di mantenere un corretto peso corporeo, in quanto le proteine - contenute nel pane proteico in gran quantità - promuovono la sazietà;

Vi sono poche avvertenze e possibili controindicazioni, ma consigliamo sempre il parere del medico in particolari situazioni:

> il pane proteico potrebbe non essere adatto all'alimentazione di chi soffre di celiachia perché contiene frumento e glutine;
> attenzione alle allergie: il pane proteico potrebbe contenere soia e tracce di frutta secca o sesamo;
> in alcune situazioni un eccesso di proteine non correttamente bilanciato in un piano alimentare potrebbe avere riscontri negativi per la salute, per esempio in casi di problemi renali gravi o altre malattie metaboliche quali le fenilchetonuria, casi in cui il pane proteico è assolutamente sconsigliato.

 

Leggi anche Pane al carbone vegetale >>

 

Foto: fermate / 123RF Archivio Fotografico

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio