Articolo

Melone bianco e melone giallo per la tua dieta

Melone bianco e melone giallo sono frutti ricchi di qualità. Scopri in che modo possono contribuire al tuo benessere e come inserirli nella tua dieta.

Melone bianco e melone giallo per la tua dieta

Il melone appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa di zucca, anguria e cetrioli. Esistono diverse varietà di melone (Cucumis melo), alcune a polpa gialla/arancione, altre a polpa bianca/giallo tenue.

Ci sono varianti estive e varianti invernali. In realtà anche il melone invernale si raccoglie in estate, ma può essere conservato fino a dicembre, tant’è che spesso lo troviamo tra gli ingredienti della tavola di Natale.

 

Quali sono i tipi più diffusi di melone?

> Melone di Cantalupo (Cucumis melo, var. cantalupensis): melone estivo dalla polpa giallo-arancio.

> Melone retato (Cucumis melo, var. reticulatus): anche questo è un melone estivo. Esistono diverse varianti del melone retato e la polpa varia da giallo chiaro ad arancione.

> Melone invernale (Cucumis melo var. inodorus): sono i cosiddetti meloni a polpa bianca.

 

Come conservare il melone

Le modalità ideali per conservare il melone dipendono dal grado di maturazione al momento dell’acquisto:

> I meloni estivi possono essere conservati fuori dal frigorifero solo se al momento dell’acquisto non sono molto maturi, altrimenti vanno tenuti in frigo, a una temperatura massima di 5 gradi, e consumati entro pochi giorni.

> Il melone invernale, invece, si può acquistare a settembre e conservare anche fino a dicembre, l’importante è seguire alcune semplici regole: scegliere meloni tardivi che, al momento dell’acquisto, non sono ancora giunti a completa maturazione e riporli in un ambiente fresco, asciutto e ventilato.

Il melone invernale andrebbe conservato appeso, oppure adagiato in una cassetta di legno forata, su uno strato di paglia. C’è chi lo conserva anche in frigorifero; potrebbe essere un’alternativa, ma occorre riporlo nel cassetto della frutta senza, però, farlo entrare in contatto con le relative pareti, per evitare che si deteriori nel punto di appoggio.


Leggi anche I meloni antichi e dimenticati >>

 

Perché inserire il melone giallo e il melone bianco nella dieta

Vediamo i tanti motivi per cui è importante inserire nella dieta il melone bianco e giallo:

> Il melone è poco calorico; è ricchissimo d’acqua ed è dunque dissetante, idratante e diuretico.

> A fronte di un limitato apporto calorico, presenta un elevato indice di sazietà, grazie anche alla ricchezza di fibre.

> È piuttosto nutriente: è ricco di zuccheri (saccarosio, fruttosio e glucosio), sali minerali (prevalentemente potassio, fosforo, sodio e calcio) e vitamine (soprattutto vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B).

> Stimola la motilità intestinale e aiuta a protegge l’epitelio dell’intestino.

 

Idee per inserire il melone bianco e il melone giallo nella dieta

Proviamo i nostri meloni, così:

> Con il prosciutto, anche vegetale: prosciutto e melone è uno dei piatti veloci e più tipici della nostra tradizione culinaria; ottimo soprattutto d’estate, anche perché il prosciutto si sposa bene con il melone a polpa gialla.

Oltre al classico piatto di prosciutto e melone si può sfruttare questo abbinamento in maniera più originale, per esempio: spiedini composti da dadini di melone alternati a dadini di prosciutto, oppure pasta fredda con prosciutto e melone, sempre a dadini.

> Nelle macedonie di frutta mista ma anche nelle insalate. Il suo sapore, infatti, si presta bene a tanti abbinamenti salati, per esempio, insalata di melone, gamberi e sedano; insalata con melone, fichi e bresaola a dadini; melone, feta e cetrioli; melone, rucola e primosale.

Il melone bianco si abbina bene con la mortadella, quindi, per esempio, si può fare un’insalata con melone bianco, mortadella a dadini e pistacchi.

> In frullati e smoothie.

> Per preparare ghiaccioli, gelati e sorbetti naturali.

> Per creare inedite e originali ricette salate; per esempio si possono preparare involtini di pesce (carpaccio di pesce spada o polipo, o anche salmone affumicato) con all’interno il melone tagliato a strisce, oppure fare un’insalata di riso con melone, gamberetti e cetrioli; il pesce e tutti i crostacei si sposano bene con il melone. 

 

Leggi anche 5 frutti ricchi di potassio >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio