Articolo

Lime e limone, due agrumi a confronto

Lime e limone a prima vista sembrano molto simili ma il loro sapore è molto diverso: lime e limone sono agrumi molto simili per certi versi e differenti per altri.

Lime e limone, due agrumi a confronto

Lime e limone rischiano di sembrare l’uno la versione acerba dell’altro, invece non è così.

Si tratta di due tipi differenti di agrumi, con caratteristiche, utilizzi e proprietà leggermente diverse. Facciamo insieme un confronto tra lime e limone.

 

Lime e limone, due agrumi a confronto

Lime e limone appartengono alla medesima famiglia botanica, ovvero quella delle Rutacee.

Limone (Citrus limon) indica sia il frutto che la pianta, mentre l’albero che ha i lime come frutti si chiama limetta (Citrus aurantifolia), l’unico agrume che cresce in clima tropicale (e in Egitto). Quanto al periodo di raccolta, i limoni vengono raccolti a maturazione completata mentre i lime quando sono ancora verdi, poiché sono molto più succosi.

Confronto tra lime e limone:

> Frutto: entrambi hanno forma ovaleggiante ma il limone mediamente ha dimensioni maggiori. Quanto al colore, il limone è giallo mentre il lime – così come lo conosciamo – ha la buccia verde (in realtà se lasciato maturare sull’albero diventa giallo-arancio)

> Acido citrico: la polpa del lime ne contiene in quantità maggiore (fino al 6%), risultando molto più aspra e profumata di quella del limone

> Vitamina C: è maggiore nel limone, che ne contiene circa 53 milligrammi su 100 grammi rispetto al lime, che ne contiene circa 29 milligrammi su 100 grammi

> Vitamina A: il lime ne contiene più del doppio di quella presente nel limone (50 Unità Internazionali contro 22).

> Valori nutrizionali: sono molto simili, tra limone e lime, a parte le differenze significative in Vitamina C, A e Acido citrico, entrambi apportano circa 30 calorie e circa 3 grammi di fibre per 100 grammi.

> Utilizzo in cucina: limone e lime raramente vengono consumati come frutto fresco, ma sono entrambi molto usati in cucina per aromatizzare secondi piatti a base di pesce, macedonie di frutta fresca, marmellate e confetture, succhi di frutta. Il succo del lime viene anche utilizzato per preparare famosi cocktail, come il Daiquiri, mentre con la scorza del limone si fa il liquore Limoncello tipico della Campania.

> Altri utilizzi: Il succo di limone e quello di lime possono essere usati per l’igiene e la cura della pelle. Lime e limone agevolano la digestione aumentando la secrezione di succhi gastrici, grazie alla presenza dell’acido citrico.

 

Leggi anche Succo di limone, benefici e controindicazioni >>

 

Lime e limone, due agrumi a confronto: il lime in breve

Il Lime (Citrus aurantifolia) è una specie originaria dell'Asia. E' un alberello di forma irregolare (alto fino a 3-5 metri) con rametti spinosi, foglie ovali, arrotondate alla base e appuntite all'apice, verde chiaro. Le infiorescenze hanno da due a sette piccoli fiori bianchi e profumati, che vengono prodotti in diversi periodi dell'anno.

I frutti sono leggermente ovali, verdi o verdi-giallastri, anche se alcune varietà hanno frutti gialli a maturazione; la polpa è acida e la buccia sottile e ricca di olii essenziali.

 

Lime e limone, due legumi a confronto: il limone in breve

Il Limone (Citrus limon) è originario dell'India e dell'Indocina. La pianta di limone secondo alcuni studi sarebbe nata da un antichissimo ibrido tra il cedro e il pomelo, anche se da secoli il limone è una specie autonoma. Secondo altri studiosi invece sarebbe un ibrido naturale tra il cedro (Citrus medica) e il lime (Citrus aurantifolia).

L'albero del limone è alto fino a 6 metri, foglie verde scuro sopra e più chiare sotto. I fiori, molto profumati, sono solitari o in coppie e in condizioni climatiche favorevoli sono prodotti quasi tutto l'anno. I frutti sono ovali oppure oblunghi, con apici appuntiti: normalmente la buccia è gialla e spessa, ma ci sono varietà variegate di verde o di bianco.

Il limone è una specie ch efiorisce più volte in un anno: i flussi principali di fioritura sono in primavera, con la produzione dei limoni invernali, e in settembre, da cui derivano i cosiddetti verdelli (limoni che maturano nell'estate seguente). A differenza di altri agrumi, i limoni possono maturare anche una volta staccati dalla pianta

 

Leggi anche I limoni e la loro coltivazione >>