Articolo

La dieta in caso di diarrea

Qual è la dieta più indicata in caso di diarrea? Vediamo cosa mangiare e cosa, invece, evitare quando l’intestino è iperattivo

La dieta in caso di diarrea

Si parla di diarrea quando si verificano:

> aumento del peso delle feci emesse nelle 24 ore,
> feci liquide,
> frequenza delle evacuazioni superiore a 3 volte al giorno.

Se il disturbo dura meno di due settimane si parla di diarrea acuta, oltre tale durata si parla di diarrea cronica.

Spesso la diarrea è di natura infettiva, ma le cause possono essere molteplici.

Una diarrea importante non va sottovalutata e occorre chiedere la consulenza di un medico che fornirà anche informazioni precise sulla dieta più indicata.

In generale, comunque, esistono alcune regole alimentari valide che possono aiutare a ridurre il sintomo e a favorirne la scomparsa.

 

Dieta in caso di diarrea, cosa mangiare

In caso di diarrea la dieta dovrà essere ricca di liquidi, per reintrodurre quelli persi con le feci. È, inoltre, indicato prediligere il consumo di alimenti con qualità astringenti e/o in grado di aumentare la consistenza e il volume fecale, per esempio mele e carote crude, patate lesse, riso condito in maniera semplice.

Per aiutare l’organismo a migliorare le difese immunitarie e a potenziare la flora batterica dell’intestino è in genere indicato inserire nella dieta alimenti ricchi di probiotici, quali yogurt e kefir.

 

Tisane ed erbe naturali contro la diarrea: quali sono e le ricette

 

Dieta in caso di diarrea, cosa evitare

Qualche volta, nella diarrea cronica, il disturbo può essere dovuto a un’intolleranza alimentare; il tal caso i primi alimenti da escludere sono ovviamente quelli scarsamente tollerati dal proprio organismo.

Esistono, però, prodotti che possono favorire il sintomo della diarrea indipendentemente dalla causa sottostante e che andrebbero dunque evitati o quantomeno ridotti nei periodi in cui il disturbo è presente: latte, caffè, alcolici e succhi di frutta sono in cima alla lista.

Alcuni dolcificanti, quali mannitolo e sorbitolo, producono un effetto lassativo e possono dunque aumentare il sintomo della diarrea.

Andrebbero, infine, consumati in maniera moderata gli alimenti che favoriscono la produzione di gas intestinale, per esempio tutti i legumi.

 

Dieta contro la diarrea, consigli pratici

Di seguito, alcuni consigli pratici che possono aiutare a seguire una dieta giusta in caso di diarrea:

  • Consumare il riso con la propria acqua di cottura.
  • Tostare il pane.
  • Evitare latte, cappuccino e caffè; meglio cominciare la giornata con un tè al limone. Il tè al limone è un’ottima bevanda da consumare anche come spezzafame a metà mattino e a metà pomeriggio. Un tè e una fetta di pane tostato sono un ottimo spuntino e/o una perfetta colazione quando è presente il sintomo della diarrea.
  • Assumere molti liquidi, ma non tutti insieme; meglio piccole quantità, più spesso.
  • Evitare i dolci, specie quelli molto elaborati e arricchiti con creme. Anche i gelati possono aumentare il sintomo della diarrea. Attenzione alle caramelle, specie a quelle ricche di sorbitolo.

 

Quali fermenti lattici usare per la diarrea?

 

Per approfondire:

> La diarrea curata con la fitoterapia

 

Foto: 5second / 123RF Archivio Fotografico

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio