Articolo

Carciofi: ricette macrobiotiche semplici e salutari

Ingredienti e preparazione di ricette facili con i carciofi, dalla cucina macrobiotica

Carciofi: ricette macrobiotiche semplici e salutari

I carciofi rappresentano l'inflorescenza della pianta del carciofo.

Presenti nel bacino del mediterraneo si trovano, di stagione, da ottobre a giugno.

I carciofi contengono carboidrati e sali minerali, principalmente sodio e potassio, fosforo, calcio e ferro, e vitamine del gruppo B: B1, B3, B5, B6; vitamina C, provitamina A, e acido folico.

Hanno proprietà diuretiche e aumentano la produzione di bile: proprio per questo sono indicati per la depurazione di sangue e fegato, e per la regolazione del colesterolo.

La bile, infatti, prodotta dalla vescica biliare, aiuta il fegato nella proprio funzione di digestione dei grassi e permette l'eliminazione di quelli in eccesso, mentre la presenza di inulina abbassa la concentrazione di colesterolo nel sangue.

 

I carciofi nella cucina macrobiotica

Nella macrobiotica uno dei principi riguarda la stagionalità degli alimenti: la natura mette a disposizione ciò di cui il corpo ha bisogno in quel determinato clima in quello specifico periodo dell'anno.

Il carciofo accompagna la transizione tra l'inverno e la primavera: questo momento dell'anno si associa all'elemento terra, per il momento di cambiamento, e quindi al sistema digestivo, e all'elemento legno e agli organi associati che sono fegato e vescica biliare.

Con il passaggio da un clima yin a uno più yang, il corpo tende a riequilibrare le energie che ha introdotto per compensare: d'inverno (stagione yin) si ha desiderio di alimenti più yang, più saporiti, grassi e salati; con l'arrivo della primavera (stagione più yang rispetto all'inverno) questa energia si va assopendo per lasciar spazio al bisogno sempre maggiore di passare ad una alimentazione più yin, quindi più fresca e leggera.

Il carciofo è utile in questo momento di passaggio, perché permette al fegato di depurare il sangue e alleggerire il proprio lavoro che, durante l'inverno, lo ha occupato nella digestione di alimenti grassi e saporiti.

I carciofi si possono consumare crudi o cotti. Se però non sono perfettamente maturi e freschi, mangiarli crudi può risultare sgradevole.

Poiché la cottura prolungata riduce le proprietà nutritive dei carciofi, è consigliato sbollentarli in poca acqua o cuocerli al vapore.

 

Carciofi: sai a cosa fanno bene?


Ricetta crudista: insalata di carciofi e cavolfiore

L'inverno è anche stagione dei cavolfiori, è quindi possibile combinare l'energia dei due alimenti in una insalata crudista.

Ingredienti per 4 persone:
> 4 cuori di carciofo;
> 1 cavolfiore bianco;
> ½ spicchio di aglio;
> 2 cucchiai di olio evo;
> il succo di due limoni.

Preparzione: dopo aver pulito i carciofi dalle foglie esterne, e dal fieno e dalle spine esterne, si mettono i cuori di carciofo a bagno una bacinella contenente acqua e limone. Questo eviterò che si ossidino e diventino neri. Dopo mezzora è possibile tagliare i cuori dei carciofi a fettine.

Tagliare a fettine anche i cavolfiori bianchi. A parte si trita l'aglio, si aggiunge all'olio e al limone. Si condiscono le verdure con l'olio e il limone in cui è macerato l'aglio. Si lascia riposare l'insalata per mezz'ora, per permettere al condimento di amalgamarsi, e si serve.

carciofi in insalata

 

Ricetta dei carciofi ripieni

Ingredienti per 4 persone:
> 4 carciofi
> una cipolla grande
> uno spicchio di aglio
> olive nere
> farine integrale per amalgamare il ripieno
> olio
> sale

Preparazione: si puliscono i carciofi dalle foglie esterne. Si mettono in acqua e succo di limone per circa mezzora, dopodiché si scolano e si sistemano in una pentola con poca acqua, rivolgendo le punte in giù.

Si lascia cuocere a pentola coperta finché non diventano teneri; una volta cotti si elimina la parte centrale: le spine e il fieno.

A parte si trita la cipolla, l'aglio e le olive. Si fa soffriggere in una pentola con poco olio e succo di limone. Una volta cotto si mescola il ripieno con la farina integrale tostata a parte. Si aggiunge il sale. E si cuoce per altri 5 minuti.

Una volta spento il fuoco si riempiono i carciofi con il ripieno. Si possono poi far scaldare brevemente in pentola o al forno.

Buon appetito!

carciofi ripieni

 

Scopri i benefici della tisana al carciofo

 

Per approfondire:

> Fegato: disturbi e rimedi naturali

> Colesterolo alto, sintomi e rimedi naturali