Strani attacchi di ansia e cibo, cosa fare?

Salve sono una mamma di 41 anni, mi rivolgo a voi per avere un aiuto in un problema che per me sta diventando alquanto annoso. Da un po' di tempo mi capita di provare improvvisi attacchi di ansia legati al cibo. Mi esprimo meglio, quando penso a cosa cucinare a pranzo e a cena vado nel panico, mi sembra di soffocare finché non riesco a trovare ciò che andrò a cucinare. È un disturbo che mi fa star male, anche perché questo si riflette sulla mia vita privata. Sono sempre nervosa, tratto male i miei figli e mio marito, ma soprattutto sto male io. Riesco a calmarmi solo assumendo delle gocce rilassanti e quando riesco ad individuare cosa preparare da mangiare. All'inizio non me ne rendevo conto, ma ora sta diventando un vero e proprio problema che mi sta rovinando la vita. Vi prego datemi un consiglio. Grazie

Risposte di salute

Rosa flocco
Buongiorno cara mamma, in punta di piedi mi permetto di indicarle dei trucchetti che potrebbero venirle in aiuto: insieme alla sua famiglia si crei un diario alimentare in cui deciderete insieme cosa mangiare nei 4 pasti principali ( colazione, pranzo, cena e almeno uno spuntino). Sarà utile un piano settimanale o bisettimanale e un altro con la lista completa degli alimenti da acquistare al supermercato. Potreste decidere insieme una volta a settimana o più di una, di dedicare qualche minuto alla programmazione di questa sorta di agenda, in modo che lei possa essere già organizzata e affrontare la giornata con queste certezze. Spero di averla aiutata. Dr.ssa Rosa Flocco, Biologa Nutrizionista e Neurobiologa.

di Rosa flocco

Cinzia zedda - equilibra studio
Buana sera cara, quello che mi sento di consigliarle è di indagare circa il corretto funzionamento dell'attività tiroidea e del quadro ormonale in genere. Nel contempo mi chiederei anche con l'aiuto di un professionista se necessario, se vi è un disagio interiore che la spinge verso questo comportamento non equilibrato e non da sottovalutare. cordiali saluti Cinzia Zedda naturopata-riflessologia, iridologia-meditazione -mindfulness

di Cinzia zedda - equilibra studio

Simona Rosati
Salve, visto che l'ansia è relata al momento della preparazione dei pasti e lei stessa si presenta in primo luogo come 'mamma', colei che spesso nella nostra cultura si occupa dei pasti della famiglia , mi chiederei in primo luogo cosa è successo in passato: qualcuno s'è lamentato di ciò che ha preparato? un figlio inappetente?; e in un secondo luogo cosa ha rappresentato quel fatto per lei. Nel caso volesse approfondire il discorso, io sono disponibile a farlo, anche in altri contesti. buona giornata Simona Rosati

di Simona Rosati