Articolo

Airo, l'associazione italiana ristoranti dell'olio

Come riconoscere che l'olio servito e utilizzato nelle cucine dei ristoranti sia di prima qualità? Il network italiano dei ristoranti in cui è servito l'extravergine di massima qualità è uno strumento per valorizzare e diffondere una cultura culinaria nel rispetto della tradizione e della qualità tutta italiana.

airo-olio-oliva

Credit foto
©subbotina / 123rf.com

Olio come elemento della cultura italiana

L’indiscussa importanza dell’olio di oliva nella cucina italiana, che potremmo definire senza timore di esagerare capitale, è oggi al centro di cure e attenzioni anche da parte di associazioni e istituzioni.  

 

L’olio di oliva è parte della nostra identità da millenni, prima ancora dell’Impero Romano, quando la produzione di uno degli oli più apprezzati al mondo, quello di oliva, trovava in Italia la sua massima espressione, migliore ancora di quello greco, ispanico, anatolico, cretese, egizio e cartaginese. 

 

Nei millenni è rimasto uno dei pilastri della cucina italiana fino a quella moderna, considerata tra le migliori al mondo. Ma come garantire che la qualità dell’olio che a sua volta garantisce la qualità della cucina più amata al mondo. Vediamo il lavoro dell’Airo, associazione italiana ristoranti dell’olio.
 

Un network di maestri dell'olio di oliva

In mezzo a vari oli di oliva provenienti ormai da tutto il mondo, come si fa a garantire la qualità di quello italiano? 

 

Anzitutto con informazione, educazione, conoscenza e corsi professionalizzanti. Non a caso recentemente è in aumento il numero di sommelier dell’olio, così come da sempre ce ne sono per il vino. Per imparare a conoscerne e distinguerne le qualità organolettiche e quelle nutritive, così importanti per la nostra salute, l’Airo mette a disposizione l’esperienza delle massime autorità nel settore, creando network di ristoranti che conoscono, e quindi usano, oli di oliva di grande qualità, nei quali il personale è in grado di riconoscere il buon olio, si mantiene aggiornato, e sa come utilizzarlo al meglio nelle loro cucine.  
 

Ristoranti e aziende produttrici

L’Airo propone anche corsi di formazione di assaggiatore e connoisseur dell’olio di oliva, oltre che a noti concorsi in cui si celebrano tutti gli aspetti dell’olio e a cui partecipano anche chef provenienti dall’estero. 

 

I ristoranti che fanno parte di questa associazione sono al momento circa una cinquantina, tutti maestri dell’olio di oliva italiano, garanzia di ottima cucina. 

 

I corsi per assaggiatori, strutturati in vari livelli ed estremamente professionalizzanti, sono organizzati da Airo in varie città d'Italia durante tutto l’anno. 

 

Insieme a questo lavoro di consapevolezza, esiste un'attività a monte che intende coinvolgere anche le aziende produttrici, circa 200 tra le migliori d’Italia che sono parte di questo network, in modo da garantire la qualità dell’olio di oliva fin dal primo anello della catena, l’oliveto. 
 

Olio di oliva italiano

L’olio di oliva è uno dei pochi elementi della nostra cucina assolutamente inimitabile, invidiato in ogni Paese, così connaturato al nostro territorio che nessun altro olio di oliva è mai riuscito a raggiungere i livelli qualitativi italiani.  

 

Ma questa qualità deve essere supportata da un lavoro di studio, di mantenimento, di ottimizzazione delle risorse cercando di mantenere alta la bandiera del Made in Italy, nonostante tutti gli atti di pirateria alimentare dove si spaccia per prodotto italiano un'imitaizone a basso costo e di scarsa qualità.  

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio