Articolo

Cucina indiana del Centro: consigli e come orientarsi

Sovente l’India viene grossolanamente divisa tra India del Nord e India del Sud, per comodità o per pigrizia, dimenticando che negli stati centrali troviamo culture uniche, comprese quelle culinarie, talvolta molto diverse tra loro per via delle differenze etniche o per le distanze geografiche. Scopriamo assieme come e cosa si mangia in India centrale

Cucina indiana del Centro: consigli e come orientarsi

Come tutte le aree di confine, non è semplice definire l'India centrale né identificarne una volta per tutte le frontiere. Gli stati del Maharashtra, dell'Orissa e del Telangana sono l'area nella quale la cultura del Nord, detta hindustana, e quella del sud, detta carnatica, si mescolano creando realtà interessanti.

In metropoli come Mumbai e in grandi città artistiche come Hyderabad, possiamo sentire molte influenze culinarie: pasticcerie complesse a base di frutta e pasta di mandorle, tipi differenti di sfiziosi spuntini da strada, numerosi tipi di pane, kebab, pesce, diversi gradi di piccantezza.

Sarà semplice per i vegetariani orientarsi in Inda del Centro, ma anche chi ama la carne non avrà da disperarsi.

 

La cucina indiana del Centro: piatti tipici

Il grande stato del Maharashtra, bello da visitare per chi ama la natura e per chi desidera conoscere la storia coloniale dell'India, è storicamente uno stato di contadini e gente modesta, e ciò si riflette sulla cucina, che si può definire semplice, sana, contadina e senza troppi intingoli barocchi.

Ovunque il pasto a base di riso (thali) la fa da padrone, ma nelle aree metropolitane basate sul commercio e lo scambio ecco che possiamo fare la conoscenza di piatti da tutta l'India e non solo: molto spesso noteremo la presenza di alcuni piatti cinesi nei menù indiani, come il riso fritto, noodles fritti, carni piccanti.

Troviamo qui il pane di miglio, col quale gustare i bhaajis, gustosi piatti di verdure e masala. Se amate il pesce, Goa è il posto che fa per voi.

 

Dove mangiare (in strada o al ristorante)

Le strade dell'India del Centro pullulano di banchetti e bancarelle di cibo di strada fritto.

I ristoranti sono più differenziati che nel resto dell'India: quelli di stampo islamico hanno ricette spesso più semplici ed austere, sebbene gustose; quelli hindu propongono menù locali con piatti tipici dell'India del Nord che dell'India del Sud; la cucina cinese non cantonese è spesso presente; tentativi di creare piatti moderni miscelando Oriente e Occidente in locali improbabili e molto kitsch non sono poi così rari e fanno parte di una divertente esperienza del viaggio in India.

 

Alimentazione in viaggio: ecco i consigli utili

 

Da non perdere in India del centro!

Il cibo di strada in India Centrale appare molto più variegato e intrigante che nel resto dell'India. Se siete attenti, fortunati e smaliziati potrete imbattervi nei vada, polpette fritte molto indicate per colazione, che talvolta sono fatte di patata dolce, semplicemente deliziosi.

Talvolta al posto del classico masala di patate potete trovare delle creme di ceci con aglio, cipolla e spezie varie: è lo Zunkha masala, non fatevelo scappare.

Le minestre di lenticchie qui in India del Centro sono cotte alla maniera del Sud utilizzando le spezie del Nord, creando un incrocio di sapori irripetibile.

Il pollo viene spesso speziato e marinato e risulta essere un piatto assai interessante. Persiste l'influenza araba e persiana, specie in roccaforti islamiche come Hyderabad o Bijapur, e qui noteremo più spesso l'utilizzo di carne di montone, spezie raffinate, molte erbe e verdure a foglia verde, tamarindo e sesamo; questi sono i luoghi migliori dell'India per quanto riguarda la cultura del riso con carne.

Gli snack, come i samosa o i lukhmi sono spesso pieni di dolce cipolla.

 

Cosa evitare in India del centro

Lo scarso livello di igiene delle cucine indiane, al quale si aggiunge un clima spesso più che umido e molto caldo, trasforma questi posti in una vera e propria serra dove batterei e muffe crescono alla velocità della luce; importante è quindi consumare sempre cibo appena cotto, meglio se ancora scottante se si vuol essere sicuri.

Molti dolci e bevande dolci sono eccessivamente zuccherini per il palato del viaggiatore occidentale e anche tanti piatti di strada a base di carne, come i kebab, hanno spesso un mix di spezie che può lasciare interdetti i viaggiatori meno preparati.

I peperoncini fritti possono essere una vera tortura per chi non ha l'abitudine al piccante. L'esperienza spingerà a evitare i tentativi di imitare cucine troppo esotiche: spesso i piatti cinesi o tibetani sono insoddisfacenti e richiedono lunghissime preparazioni... a nessuno piace aspettare un'ora per un piatto di cinque ravioli tibetani.

 

Consigli e curiosità della cucina indiana del centro

Siate curiosi: entrate in ogni bettola, seguite i mussulmani per vedere dove mangiano e fatevi invitare ad una festa hindu, spulciate i menù dei ristoranti alla moda, allungate le mani sulla magnifica frutta e sul cibo di strada, fatevi una cultura dei dolci locali, godetevi gli snack da passeggio... qui in India centrale potete permettervelo.

Lasciate la mancia e tornate ogni tanto in un posto dove avete mangiato: vi tratteranno da re.

 

L'India tra i 5 paesi migliori dove mangiare vegan

 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio