Articolo

Superbonus 110%, come funziona

Superbonus 110%: in cosa consiste e come è possibile ottenere la maxi-detrazione prevista dal Governo per interventi di miglioramento energetico degli edifici.

Superbonus 110%

Credit foto
©Alberto Masnovo / 123rf.com

Lo chiamano Supebonus non a caso. Con un provvedimento contenuto nel Decreto Rilancio dello scorso maggio e ulteriormente specificato nel cosiddetto Decreto Agosto, il Governo ha previsto un'aliquota di detrazione senza precedenti- al 110%- per le spese sostenute su specifici interventi di miglioramento degli edifici in ottica di sicurezza e sostenibilità ambientale.

L’iniziativa è stata pensata, da un lato, per incentivare i cittadini a rendere più efficienti le loro case, dall'altro per contribuire alla ripresa economica del settore edilizio dopo la crisi dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19.

 

Superbonus 110%, che cos'è

Il Superbonus 110% è un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio dello scorso 19 maggio 2020 che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, interventi antisismici, installazione di impianti fotovoltaici o infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici

La circolare n. 24/E, emessa dall’Agenzia delle Entrate il 20 agosto 2020, ha fornito diversi chiarimenti sulla fruibilità del Superbonus: gli edifici interessati, le spese detraibili, le tempistiche d’attuazione e i periodi di imposta. 

La misura si aggiunge alle detrazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli per la riduzione del rischio sismico (Sismabonus) e di riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus). 

Tra le novità introdotte, è prevista la possibilità, al posto della fruizione diretta della detrazione, di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o servizi o per la cessione del credito (in favore dei fornitori, di istituti bancari o intermediari finanziari, di altre persone fisiche, società o enti) corrispondente alla detrazione stabilita. 
 

Quali sono gli interventi agevolabili

L'accesso all'Ecobonus è garantito a una serie di interventi “trainanti”, finalizzati all’isolamento termico, alla sostituzione di impianti di riscaldamento e al miglioramento antisismico degli edifici.

Se effettuati congiuntamente a questa tipologia di lavori, la detrazione sale al 110% anche per altri interventi aggiuntivi, mirati all’efficienza energetica.

Interventi principali o trainanti:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari indipendenti;
  • interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.


Interventi aggiuntivi:

Rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali. Nello specifico, sono compresi:

  • interventi di efficientamento energetico;
  • installazione di impianti solari fotovoltaici;
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

 

Chi sono i potenziali beneficiari

Possono accedere al Superbonus le persone fisiche che possiedono o detengono l'immobile (per esempio proprietari, nudi proprietari, usufruttuari, affittuari), i condomini, gli Istituti autonomi case popolari (IACP), le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, le Onlus, le associazioni e società sportive dilettantistiche registrate per i soli lavori dedicati agli spogliatoi.

Potenziali beneficiari della detrazione sono anche i familiari e i conviventi del proprietario o del detentore di una casa e futuri proprietari di un immobile, purché siano loro in prima persona a sostenere effettivamente la spesa.

La detrazione è concessa a condizione che la regolarità degli interventi sia avallata da professionisti abilitati, che devono inoltre attestare la congruità delle spese sostenute con gli interventi agevolati. 

Per quanto riguarda l’ammontare della spesa massima da sostenere per poter poi usufruire del bonus, la sua cifra varia a seconda del tipo di edificio sul quale vengono effettuati i lavori.
 

Come richiedere la detrazione

La detrazione può essere richiesta per le spese documentate, sostenute dal contribuente dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, ed è recuperabile al 110% in 5 anni.  

Sarà possibile farne richiesta online, utilizzando il modello approvato allegato alla circolare dell’Agenzia delle Entrate, a partire dal dal 15 ottobre 2020 ed entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui si sostiene la spesa.

Per poter optare per lo sconto in fattura e cessione del credito, sarà necessario il visto di conformità di un soggetto abilitato alla trasmissione delle dichiarazioni (commercialista, consulente del lavoro, perito, direttore di Caf) che attesti la sussistenza dei presupposti necessari, oltre all'asseverazione degli interventi rilasciata da un tecnico abilitato.

I dati relativi dovranno essere trasmessi in via telematica all’Enea, che effettuerà controlli a campione sulla regolarità delle asseverazioni e sull'effettivo soddisfacimento dei requisiti richiesti.
 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio