Articolo

L'automassaggio ai piedi, come farlo

Scopriamo quali sono modi e tecniche per fare l'automassaggio ai piedi secondo la riflessologia podalica olistica

L'automassaggio ai piedi, come farlo

La riflessologia podalica olistica ®  è un metodo efficace per metterci in comunicazione con quanto, razionalmente, non portiamo alla coscienza, rendendone invece veicolo e messaggero il corpo; permette di operare distalmente su organi e visceri sui quali, per loro specificità fisiologica e per posizione anatomica, non riusciamo ad indagare direttamente.

Affidarsi alle cure di un operatore che sappia applicare i protocolli di intervento in maniera rispettosa ed empatica costituisce più di una coccola che si concede a se stessi: è una vera e propria terapia riequilibrante che permette, tramite lo scambio e il dialogo con chi esegue il trattamento, una rieducazione alla salute e un momento di importante introspezione.

Il trattamento di RPO è quindi fonte di riequilibrio e benessere quando attuato da operatori qualificati, ma non sempre è necessario rivolgersi a personale esterno. È possibile anche l'automasaggio, o autotrattamento, soprattutto in quelle situazioni in cui non si hanno particolari esigenze, e ogniqualvolta si decida di fare un gesto di cura e amore in più per se stessi e per il proprio benessere.

 

La camminata come automassaggio

La pianta dei piedi è spesso sollecitata, a volte in maniera dannosa. Ogni volta che camminiamo in realtà stiamo sottoponendo i piedi, e le zone riflesse su di essi, ad una stimolazione.

Inutile quindi sottolineare l'importanza di calzature adatte al proprio piede. Camminare è quindi già un primo tipo di automassaggio ai piedi

Camminare a piedi scalzi migliora la percezione dei proprio piedi, delle zone dolenti e di quelle irrigidite. Il più naturale ed immediato autotrattamento riflessologico è quindi quello di camminare scalzi, meglio se su zone ghiaiose (ma non taglienti) e leggermente sconnesse.

Questo tipo di massaggio rivitalizza e migliora il tono del piede e, secondo i principi della riflessologia, anche quello degli organi interni. Inoltre, permette di scaricare a terra tensioni e di riprendere contatto con una sensibilità plantare troppo spesso dimenticata e attutita dalle scarpe.

 

Autoshiatsu, come funziona?

 

Automassaggio in riflessologia

Se camminare a piedi scalzi su ciottoli arrotondati è una pratica che non sempre si può sperimentare, l'automassaggio vero e proprio, eseguito con la pressione delle proprie mani, costituisce un approccio più immediato e praticabile.

Per eseguire un automassaggio che avvii un processo di riequilibrio graduale, e che costituisca un metodo di mantenimento del benessere, più che un intervento di trattamento specifico, è necessario tempo e amore verso se stessi, disponibilità ad ascoltarsi e a prendersi cura di sé. Non è necessario avere conoscenze approfondite: chiunque può autotrattarsi.

Per un generale automassaggio ai piedi è sufficiente adottare una postura che permetta di raggiungere la pianta de piede senza provocare irrigidimenti muscolari dovuti alla posizione. Mettersi seduti nella posizione del loto, a gambe incrociate davanti a sé, con la schiena appoggiata e sostenuta, permette di flettere la caviglia e raggiungere la pianta del piede.

Autotrattarsi può diventare, per la semplicità e l'immediatezza, un gesto quotidiano di cura nei confronti di se stessi, così come una sana alimentazione e una corretta respirazione e un adeguato esercizio fisico.

Ci si può automassaggiare mentre si guarda la tv, appena svegli o prima di andare a letto, e in ogni momento in cui si ha la possibilità di essere senza scarpe e tranquilli con se stessi.

 

Aree di automassaggio

La presa a due mani consente con una mano di sostenere il piede nella flessione e con l'altra di premere la pianta. Un automassaggio ai piedi può partire dalla parte mediale del piede, dall'alluce verso il calcagno: in questo modo si stimola la zona riflessa della colonna vertebrale.

Sulla pianta poi si possono premere le zone sotto i metatarsi e il centro: in questo modo si toccano i punti riflessi della maggior parte degli organi interni. Per avere una prima idea di ciò che si sta premendo è sufficiente avere delle basi di anatomia. Secondo il principio riflessologico dello specchio infatti, si riflettono sui piedi le varie posizioni anatomiche.

Premere con delicatezza, ascoltando con attenzione e compassione come reagisce il piede e quello che si sente sotto le dita, apre un affascinante mondo di autoesplorazione e spesso avvia ad una conoscenza più approfondita dei punti riflessi, stimolando la curiosità di conoscere cosa stiamo premendo e il motivo per cui si ha una determinata risposta dal punto premuto.

 

Scopri anche come si fa l'automassaggio ayurvedico

 

Per approfondire:
> Riflessologia plantare: tecnica, benefici e controindicazioni

> Oli essenziali per la cura dei piedi

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio