Articolo

Olive da tavola: come sceglierle

Attenzione alle etichette: gran parte delle olive da tavola in commercio contiene troppo sale. Ecco come orientarci a una scelta consapevole nell'acquisto di un alimento che è un vero sfizio per il palato.

olive-da-tavola

Credit foto
©Vitalina Rybakova / 123rf.com

Troppo sale nelle olive da tavola

"Troppo sale nelle olive da tavola" è quanto affermato dagli esperti dell’associazione Action on Salt, presso la Queen Mary University di Londra. L'organizzazione ha analizzato 555 snack e stuzzichini tra i più diffusi sul mercato scoprendo un pericoloso contenuto di sale che nel caso di alcune olive è addirittura il doppio del contenuto di sale nell’acqua marina. 

 

"Questa ricerca evidenzia la facilità con cui i consumatori assumono grosse quantità di sale senza neppure saperlo"  ha dichiarato Mhairi Brown, nutrizionista di Action on Salt.  

 

Il sale in eccesso è un vero e proprio killer per la nostra salute: trattiene i liquidi nel nostro organismo, aumentando il carico di lavoro per cuore e reni. Secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, adulti e bambini dopo i 7 anni dovrebbero consumare quotidianamente non più di 5 grammi di sale, solo un cucchiaino. 

 

Per evitare di consumare troppo sale e grassi saturi, gli esperti di Action on Salt incoraggiano tutti i consumatori a controllare le etichette dei prodotti prima di acquistarli, e in particolare il contenuto di sale di olive, salsicce, acciughe, pomodori secchi e formaggio feta, e considerare anche le porzioni. 

 

Capire le differenze e fare la scelta giusta

Un primo passo per farsi un'idea su cosa scegliere è capire da dove parte la storia del singolo prodotto e quale strada ha percorso per giungere fin nella nostra borsa della spesa. 

 

Esistono delle differenze sostanziali tra le olive da olio e da tavola: la composizione chimica, il calibro e il contenuto di olio sono solo alcune delle caratteristiche. 

 

Nel nostro Paese si contano circa 60 cultivar e vengono prodotte intorno alle 80.000 tonnellate all'anno di olive da tavola di cui un 10% è destinato all'esportazione. 

 

Ma gli italiani ne consumano più di 120.000 tonnellate all'anno. Ecco che, allora, si ricorre all'importazione da Grecia, Spagna e Nord Africa, soprattutto Marocco. 

 

Il problema dell’importazione è che molte volte questa informazione non viene citata in etichetta, il che rende difficile fare un “identikit” completo dell’alimento. Considerato che l'oliva è uno sfizio, meglio allora orientarsi verso produzioni nostrane o estere di sicura qualità, scegliendo prodotti tipici, certificati, anche biologici e di cui si conosca l'origine.  

 

Verdi o nere?

Dal punto di vista nutrizionale, le olive verdi e nere sono abbastanza simili, con una differenza principale nella quantità di grassi e proteine. Nello specifico, le olive nere sono più ricche di proteine (con un valore di 1,6 gr/100 gr) e contengono un quantitativo maggiore di acido oleico (17,27 gr/100 gr) e acido linoleico (2,65 gr/100gr). 

 

Infine, ricordo che le olive nere contengono meno fibre rispetto alle olive verdi (2,4 gr contro i 4,4 gr delle olive verdi). Per cui, entrambe possono essere inserite nella vostra alimentazione. Come tutti gli alimenti, la cosa importante è la quantità. 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio