Articolo

Latte e acqua di cocco: quali differenze

Il latte e l'acqua di cocco derivano entrambe dalla noce di cocco, ma presentano alcune importanti differenze dal punto di vista nutrizionale.

Latte e acqua di cocco: quali differenze

Acqua di cocco: cos'è

L'acqua di cocco e il liquido che naturalmente si forma all'interno della noce di cocco. L'acqua di cocco si differenzia dal latte di cocco prima di tutto per la mancanza di fibre della polpa della noce di cocco: l'acqua è solo acqua, un succo completamente liquido.

L'acqua di cocco si ricava praticando un foro nella noce di cocco ancora verde e lasciando colare e uscire il liquido all'interno, senza aggiungere altro.

L'acqua di cocco è utilizzata come integratore grazie al contenuto di minerali e vitamine:

> Contiene potassio e sodio in rapporto ottimale: questo fa dell'acqua di cocco un valido aiuto per gli sportivi e per chi, d'estate, tende a soffrire di pressione bassa, o a disperdere con il sudore importanti minerali. Il potassio, abbinato con il sodio, inoltre, è utile per la salute dei muscoli e del cuore e per mantenere regolari i livelli di colesterolo nel sangue;

> E' fonte di magnesio: come il potassio anche il magnesio è utile per sportivi e per reintegrare i sali dispersi dopo attività fisiche anche moderate. Il magnesio, inoltre, ha capacità di regolare l'umore;

> Contiene fosforo: indispensabile per la salute delle fibre nervose, quando abbinato al magnesio, e in generale è utile nella trasformazione delle energie;

> Ha proprietà antibatteriche grazie alla presenza di acido laurico: questo la rende una alleata del sistema immunitario, aiutando il corpo a difendersi da virus e batteri.

 

Leggi anche Cocco, proprietà e benefici >>

 

Latte di cocco e acqua di cocco: differenze

Il latte di cocco è la bevanda che si ottiene mescolando all'acqua di cocco, o ad acqua normale di fonte, la fibre della noce di cocco, opportunamente lavorata e ridotta in polvere.

Il latte di cocco è una valida alternativa vegetale al comune latte di origine animale.

Come l'acqua di cocco anche il latte di cocco contiene potassio, sodio, magnesio e potassio: questo permette di utilizzare il latte di cocco al pari dell'acqua come integratore e per contrastare la formazione e la presenza di colesterolo LDL. Più dell'acqua di cocco, però, il latte di cocco apporta anche grassi utili all'organismo, e fibre in grado di stimolare la peristalsi intestinali.

Infine il latte di cocco ha una maggior presenza di carboidrati rispetto l'acqua di cocco, circa il doppio e nella misura dei 5 gr per 100 ml di latte, rispetto all'acqua.

La principale differenza sta quindi nel fatto che l'acqua di cocco è una bevanda ricca di minerali, mentre il latte di cocco è un alimento più complesso e ricco dal punto di vista nutrizionale.

Anche le calorie sono differenti: l'acqua di cocco ne ha molto poche, intorno alle 20 Kcal per 100 ml, mentre il latte di cocco ne contiene una quantitativo tale da escluderlo nelle diete ipocaloriche, circa 190 Kcal: il latte di cocco, infatti, è particolarmente “grasso” poiché insieme alla fibra si inserisce, nella bevanda, anche la parte lipidica della polpa della noce di cocco.

Se da una parte ciò lo rende sconsigliabile per chi desidera dimagrire, è invece una bevanda indispensabile a chi, come gli sportivi o a chi esegue lavori fisicamente logoranti, necessita di energia facilmente accessibile.

 

Leggi anche Usi cosmetici del latte di cocco >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio