Articolo

Gli integratori Omega 3 in gravidanza

Omega 3 in gravidanza: sono necessari più studi in materia, anche se certo è che non hanno controindicazioni per le mamme, e anzi sono sicuramente di grande aiuto al loro metabolismo. Vediamo le proprietà degli omega 3 in gravidanza

Gli integratori Omega 3 in gravidanza

Gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi derivanti dall’acido alfa-linolenico (ALA). Nello specifico i principali metaboliti sono l’acido ecosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

In natura possiamo approvvigionarci di questi grassi buoni attraverso l’uso dell’olio e dei semi di lino e di pesce dei mari del nord.

 

Funzioni degli Omega 3

Gli Omega 3 svolgono un’azione “scavenger”, abbassano cioè il livello di trigliceridi nel sangue, agendo sulla loro sintesi epatica.

Questo è un importante controllo e riequilibrio atto a prevenire patologie cardiovascolari, come la formazione di trombi o la riduzione del lume venoso.

 

Leggi anche Le principali fonti di Omega 3 >>

 

Gli Omega 3 in gravidanza

Considerate le funzioni base degli Omega 3 va da sé che questi acidi grassi buoni rappresentano un ottimo integratore per tutti, e per le gestanti in particolare, che spesso subiscono sbalzi ormonali con conseguenti alterazioni della pressione del sangue e del microcircolo, sono un rimedio preventivo efficace senza controindicazioni.

Inoltre alcune correnti di pensiero, non ancora suffragate da studi clinici a riguardo, hanno attribuito all’integrazione degli Omega 3 da parte delle madri un corretto sviluppo cerebrale del feto, misurato da una maggiore attività motoria e neurologica nel bambino sin dai primi mesi.

A tal proposito in ogni caso sono necessari studi più approfonditi e campionature standardizzate di test specifici sulle gestanti.

Quello che è certo è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato l’integrazione degli Omega 3 durante la gravidanza e questo è un dato che rassicura tutti. Quindi via libera all’assunzione di salmone, di sgombri, di pesci dei mari freddi e di altri cibi ricchi di omega 3.

 

Assumere integratori di Omega 3

In caso di nausee e insopportazione del pesce, ci sono dei validi integratori che possiamo reperire in erboristeria di natura vegetale, estratti da olio di lino apportatore di acidi ALA e da microalghe, come le Schizochytrium sp. apportatrici di grasso omega-3 DHA.

> Olio vegetale Omega 3: 5ml al giorno al pasto principale.

 

Leggi anche L'olio di pesce, integratore di omega 3 >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio