Articolo

La ricetta della salsa relish ai cetrioli

Di cetrioli, di pomodoro, di cipolle rosse, di limone o altra frutta: di relish ne esistono davvero tanti, tra frutta e verdura e mix di entrambi. Scopriamo insieme l’origine di questa salsa, gli abbinamenti e una delle ricette più fresche.

La ricetta della salsa relish ai cetrioli

Origine del relish

Relish, ecco un termine dall’etimologia molto particolare e che ha fatto il giro del mondo: secondo alcuni deriverebbe dal nome inglese “sapore, condimento”, correlato al verbo che guadagna un significato correlato anche con i concetti di “piacere e gusto”; secondo altri sarebbe di importazione dal francese antico, seguendo la storia della parola “reles".

Qualsiasi sia la sua provenienza, è per estensione di significato un lemma che riporta al “godere del sapore o dell’aroma di qualcosa”, cosa che a sua volta riconduce a sensazioni di piacere e gioia. Un elemento dunque molto positivo, che troviamo in un’infinità di cucine del mondo e che di fatto ci porta in tavola una salsa che può assumere vari gusti e tonalità di sapore, dallo speziato, all’agrodolce, fino al piccante

Il relish - o la relish - viaggia dall’America all’Asia - pensiamo al chutney indiano - fino in Africa e in Medioriente passando per l’Australia, come salsa d’accompagnamento di varie pietanze, abbinandosi ad esse in modo da esaltarne il sapore e acquisendo varie denominazioni a seconda dei paesi.  

Anche le cucine europee di vasta importazione, come per esempio l’olandese, ma anche dell’Europa dell’est e inglese conoscono svariati tipi di relish, poiché di fatto il procedimento di conservazione di questa salsa permette di utilizzare e conservare la frutta e la verdura che rimane verso la fine della bella stagione, per poterla consumare durante l’inverno, soluzione perfette dove vi sono lunghi mesi di freddo.


Leggi anche Differenze tra relish, pickle, chutney >>

 

Ricetta del relish di cetrioli 

Molto consumata anche nella cucina di strada americana, la salsa relish di cetrioli che vi proponiamo arriva dalla tradizione culinaria inglese; per prepararla infatti vengono usati i lunghi e tipici “English cucumber”, che potranno essere sostituiti benissimo con dei cetrioli italiani di grandi dimensioni.

La salsa si prepara in circa un’ora, più il tempo di eventuale sterilizzazione. Si potrà inftti conservare in comodi vasetti nella dispensa per l’inverno, o regalare e portare agli amici per cene particolari. 

 

Ingredienti per 4 vasetti: 

> 7 grandi cetrioli;
> 4 grandi cipolle dorate sbucciate;
> 60 ml circa di salamoia;
> 500 g circa di zucchero;
> 65 g di farina 00;
> 1 cucchiaino di curcuma;
> 1 cucchiaino di polvere di zenzero;
> 1 cucchiaino di semi di sedano;
> 250ml di acqua;
> 750ml di aceto bianco;
> 4 vasetti da 500 ml circa.

 

Preparazione:

Grattugiare abbastanza finemente i cocomeri e le cipolle, mettendoli in una ciotola capiente. Cospargere il tutto con la salamoia e lasciare a riposo ben coperto tutta la notte a temperatura ambiente. Scolare più liquido possibile dal mix di verdure e lasciarlo da parte.

Con una frusta sbattere insieme lo zucchero, la farina, la curcuma, lo zenzero e i semi di sedano. Scaldare in una pentola l’acqua con l’aceto, quindi unirvi e mescolare il mix con lo zucchero, fino a che si amalgama il tutto.

Versarvi i cetrioli e le cipolle, portare sul fuoco in una pentola capiente e dal fondo pesante e bollire per circa 15 minuti, mescolando spesso, fino a che si addensa. Quindi spegnere e consumare così o riempire uno per uno i vasetti ben sterilizzati.

Per completare il processo di sterilizzazione, metterli in una grande pentola con tanta acqua sufficiente a coprirli abbondantemente, portare l’acqua a bollore e continuare per circa 10-15 minuti, coprendo con un coperchio. Spegnere, lasciare ben raffreddare il tutto per diverse ore o una notte intera.

 

Abbinamenti della salsa relish

La salsa relish ha come scopo quello di dare sapore ad un cibo, esaltando le pietanze, dai formaggi, ai sandwich, i panini e persino gli hamburger.

La salsa relish si accompagna bene anche a pesce, cereali, cous cous e verdure, oppure fa da contrasto dolce a curry piccanti.

Un’altra ricetta particolarmente apprezzata del relish è l'hamburger vegetariano con tomato relish, servita soprattutto in Australia, con hamburger di carne. Attenzione, il relish non è assolutamente da confondere con la nostrana mostarda!

 

Leggi anche Cucina indiana, caratteristiche e alimenti principali >>

 

 
Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio