Articolo

Cucina dello Yemen: caratteristiche e alimenti principali

A Sana’a, una delle capitali più belle del Medio Oriente se non del mondo, scoprirete un prezioso patrimonio dell'Unesco. La cucina yemenita è semplice ma caratteristica: i sapori orientali si mescolano a usanze africane e semitiche. Benvenuti in Yemen.

holba-cucina-yemenita

Credit foto
©Alexandr Mychko / 123rf.com

Yemen

Purtroppo il bellissimo Yemen amato da tantissimi viaggiatori ed amanti dell’estetica e della cultura orientale, non è più una destinazione sicura a causa di una guerra intestina che sta assediando il Paese

 

Lo Yemen è un rocevia di culture: rappresenta la parte sudoccidentale della Penisola Araba, dove le etnie arabe si sono mescolate con quelle provenienti dal vicino corno d’Africa attraverso il Mar Rosso. 

 

Prima dell’avvento dell’Islam nello Yemen, il Paese è passato attraverso fasi cristiane, ebraiche e animiste che si sono stratificate dando vita a una cultura a sé. La città principale, Sana’a, un gioiello senza precedenti che con la sua architettura ha ispirato artisti di tutte le epoche, compreso Pasolini, ed è oggi patrimonio dell’Unesco.  

 

La cucina yemenita deriva principalmente da quella araba, con significative differenze derivanti da passato culturale sopra descritto e dalle influenze africane, soprattutto etiopiche ed eritree. Vi troviamo infine influenze indopersiane, specie per quanto riguarda l’uso di spezie miste simili ai masala indiani.
 

La cucina yemenita: piatti tipici

Abbiamo detto che l’influenza principale nella cucina yemenita è quella araba. Troviamo molti piatti simili e molte usanze simili, come quella di considerare il cibo come un modo di mostrare rispetto agli ospiti, ed una grande occasione epr socializzare. 

 

Eppure a differenza delle abitudini alimentari arabe, è il pranzo e non la cena a rappresentare il piatto principale. Lo yemen è un Paese relativamente fertile e molte varietà di frutta e verdura vi crescono senza problemi, specie pomodori, melanzane, patate, uva e legumi. 

 

Per quanto riguarda la carne, vi troviamo pollo, carne ovina, cammello. Grazie alla vicinanza della costa, possiamo trovare molto pesce. 

 

Possiamo cominciare citando la holba, un brodo al fienogreco che possiamo trovare spesso e dovunque. Uno degli orgogli nazionali è lo hanit, un vitello saporito e tenerissimo, cotto ad alte temperature in un contenitore sigillato così da permettere al grasso di sciogliersi del tutto e rendere la carne particolarmente tenera. 

 

Abbiamo poi la salath, una salsa di pomodoro ed aglio, ricca di verdure e consumata col tipico pane yemenita. La si trova praticamente in ogni casa. Passiamo al mandi, riso ripieno di carne tenera e spezie. La carne viene prima bollita e poi passata alla griglia.
 

Dove mangiare in Yemen (in strada o al ristorante)

Purtroppo lo Yemen attraversa un momento storico che non permette ai visitatori di godere delle bellezze culturali e culinarie. Ma un giorno scropriremo che ristoranti, caffè e chioschi con cibo di strada sanno offrire prodotti prelibati. 
 

Da non perdere in Yemen

Sicuramente il qahwa o caffè yemenita, fatto con chicchi di caffè locali tostati in maniera unica. 

 

Simile al caffè turco, è lievemente amarognolo per i gusti italiani ma molto energetico e con un gusto finale molto rotondo. Sarà piacevole anche sperimentare le varie forme di pane prodotte coi grani locali.
 

Cosa evitare in Yemen

Come detto, purtroppo al momento sono da evitare tutti i viaggi in Yemen a causa della guerra. Ciò detto, tutto ruota attorno a Sana’a e difficilmente nelle altre regioni potrete trovare cibo di livello, a meno che non vi affidiate a un ristorante per turisti o a meno che non cerchiate esperienze intense.
 

Consigli e curiosità

Uno degli onori riservati agli ospiti e’ l’offerta del miglior miele della casa. Gustatelo di fronte a chi ve l’ha offerto e godetelo a fondo, in modo da farlo sentire gratificato.