dolori post radioterapia

salve a tutti, 

a mio padre è stato diagnosticato un tumore al canale rino faringeo a dicembre del 2011 e tutt'ora si sta curando per sconfiggerlo. Nonostante il mio insistere nel scegliere la terapia naturale piuttosto che quella dei medici, ha comunque voluto farle. Lo sto aiutando con sciroppi di aloe arborescens fatti da me, curcuma e ascorbato di potassio e infatti per la chemioterapia non ha avuto alcun fastidio e non è mai stato male nei 5 cicli fin'ora affrontati. Ma da circa 3 settimane sta affrontando dei cicli di radioterapia e purtroppo non trovo rimedio ai dolori che sente alla gola che non gli permettono di mangiare altro che brodini e cose frullate. Ho provato a fargli fare gargarismi con bicarbonato, con latte d'avena, con prodotti omeopatici alla calendula ma purtroppo il beneficio è minimo. Voi potete consigliarmi qualcosa? Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte. 

Risposte di salute

Dott. Francesco Candeloro
I dolori indotti dalla radioterapia sono in realtà avvertiti come bruciori locali, almeno nella maggior parte dei casi riferiti dai pazienti sottoposti, in diversi distretti, a questo tipo di terapia. Dolori descritti come bruciori in omeopatia ve ne sono di svariati tipi, e hanno corrispondenza con differenti rimedi omeopatici; diciamo che, nel caso in questione, proverei con due diversi rimedi: il primo è capsicum e il secondo è arsenicum. Faccia utilizzare a suo padre il primo rimedio, in granuli sublinguali alla 15 o 30 ch, due ogni due ore il primo giorno, ogni quattro secondo e terzo e tre volte al dì dal quarto al settimo. Se con questo rimedio non ottenesse giovamento passi a fargli assumere l'altro, sempre nella stessa maniera del precedente.

di Dott. Francesco Candeloro