Articolo

Trattamenti al cbd per la pelle, i benefici

I trattamenti al CBD per la pelle sono indicati per mantenere la pelle giovane e sana nel tempo e per ripristinare la salute della cute in caso di acne e psoriasi.
Le creme per la pelle al CBD hanno azione antiossidante, idratante, antinfiammatoria e astringente.

crema-cbd

Credit foto
©belchonock - 123RF

I trattamenti al CBD per la pelle apportano benefici per tutti i tipi di pelle, poiché, grazie all’azione antiossidante, migliorano l’aspetto della cute e contribuiscono a mantenerla giovane e in salute più a lungo.


Grazie all’azione antinfiammatoria, idratante e astringente dei cannabinoidi, i trattamenti al CBD per la pelle apportano benefici anche in caso di patologie cutanee come l’acne e la psoriasi.


Vediamo come agisce il CBD a livello cutaneo, quali benefici può dare e come scegliere i prodotti soprattutto in caso di acne e psoriasi.
 

Il ruolo dei cannabinoidi per la pelle

La pelle è l’organo più esteso del nostro organismo e svolge diverse funzioni molto importanti.

Innanzitutto, la pelle riveste il nostro corpo e lo protegge dagli agenti esterni e, grazie ai moltissimi recettori presenti a livello cellulare, riconosce e invia innumerevoli segnali al sistema nervoso centrale e a quello immunitario.

Tra i recettori presenti a livello epidermico, troviamo anche quelli che fanno parte del sistema endocannabinoide cutaneo, localizzati in varie cellule tra cui cheratinociti, fibrobalsti, melanociti, mastociti, ghiandole sudoripare e sebacee.

Nella cute, il sistema endocannabinoide concorre a regolare la crescita, lo sviluppo e il metabolismo delle cellule, oltre a partecipare alla risposta immunitaria nei processi infiammatori.

I recettori del sistema endocannabinoide sono di due tipi, CB1 e CB2, e vengono attivati sia dai cannabinoidi prodotti dal nostro organismo (gli endocannabinoidi) sia dai fitocannabinoidi che dai cannabinoidi di sintesi.

L'attivazione dei recettori dei cannabinoidi a livello della cute migliora la funzione barriera della pelle, agendo sulla sua idratazione e sulla produzione di lipidi, ed esercita un'azione antinfiammatoria.  

Il cannabidiolo è un cannabinoide noto anche come CBD estratto dalla Cannabis sativa che mima gli effetti degli endocannabinoidi. A differenza del THC, il CBD non presenta effetti psicotropi e, negli ultimi anni, l’interesse verso questo composto è molto cresciuto anche in ambito cosmetico e per il trattamento di disturbi e malattie cutanee.

L’uso topico di prodotti a base di CBD si è infatti dimostrato efficace in alcune condizioni patologiche della pelle, tra cui l’acne e la psoriasi.

L’impiego di CBD è utile anche per lenire irritazioni, infiammazioni e prurito cutanei, per combattere l’azione dei radicali liberi prevenendo così l’invecchiamento della pelle e, in generale, per mantenere la pelle in salute.
 

CBD per la pelle: i cannabinoidi per acne e psoriasi

Grazie all’azione del cannabidiolo, i trattamenti topici a base di CBD per la pelle possono offrire grandi benefici a chi presenta disturbi e patologie cutanee, tra cui l’acne e la psoriasi.

L’acne è una malattia della pelle che provoca infiammazione, arrossamento, iperproduzione di sebo, comparsa di foruncoli e brufoli nelle zone del corpo più ricche di ghiandole sebacee. Si tratta di una patologia della pelle che può manifestarsi a qualsiasi età nei soggetti predisposti e che, se non trattata adeguatamente, porta alla formazione di antiestetiche cicatrici.

I trattamenti a base di CBD per la pelle si rivelano utili in caso di acne poiché i cannabinoidi sono in grado di inibire la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee limitando, di conseguenza, la comparsa di foruncoli e cisti, oltre a lenire l’infiammazione e l’arrossamento.

L’azione antinfiammatoria del CBD può essere sfruttata anche in caso di psoriasi, una malattia della pelle di tipo autoimmune che provoca la comparsa di placche inspessite, arrossate e desquamate.
Tali placche compaiono soprattutto su mani, gomiti, ginocchia, ma possono interessare diverse aree del corpo e del viso, provocando fastidio fisico e disagio psicologico.

Le cause della psoriasi sono molteplici e al momento non esiste una cura in grado di bloccare la comparsa delle placche, ma i trattamenti topici a base di CBD hanno dimostrato di essere efficaci nel migliorare i sintomi di questa malattia.

Il CBD è infatti in grado di inibire la proliferazione dei cheratinociti responsabili dell’inspessimento della pelle a livello delle placche, idratare la pelle desquamata e lenire l’infiammazione, diminuendo l’arrossamento e l’eventuale prurito associati alla psoriasi.

Un aspetto da non sottovalutare è che i trattamenti topici a base di CBD sono altamente tollerati e non presentano effetti collaterali, dunque possono essere portati avanti anche per lunghi periodi senza alcun problema.

 

Trattamenti per la pelle con CBD, come sceglierli

Oggi in commercio esistono diversi cosmetici a base di CBD ma, in caso di malattie della pelle come acne e psoriasi, è importante scegliere il prodotto giusto, in grado di garantire efficacia contro queste patologie.

I cosmetici infatti hanno il solo scopo di mantenere lo stato di salute della pelle e dei suoi annessi e non possono avere o vantare proprietà terapeutiche.

Esistono in commercio dispositivi medici – diversi quindi dai cosmetici - studiati per prevenire e curare in modo specifico acne e psoriasi.

Il CBD è estratto da canapa biologica non OGM coltivata con pratiche sostenibili e senza l’impiego di pesticidi ed è inserito nei prodotti con l’ausilio della tecnologia liposomiale per garantire che il principio attivo venga assorbito dall’epidermide e possa agire in profondità.

Perché le sostanze riescano a penetrare lo strato corneo della pelle, è infatti necessario che vengano veicolate in modo idoneo: i liposomi sono piccole vescicole che consentono il passaggio del principio attivo.
Il cannabidiolo viene trasportato nei liposomi verso le cellule dell’epidermide dove è poi rilasciato per esplicare le sue funzioni.

Altri estratti botanici, tra cui l’olio di nocciolo di albicocca, la cera di jojoba e la farina d’avena colloidale, che migliorano l’effetto barriera della pelle, possono aumentare le difese dagli agenti esterni e l’idratazione.

Questi trattamenti non contengono THC.
 

Crema per acne al CBD

L’acne è una malattia della pelle causata da diversi fattori: nei soggetti predisposti, l’eccessiva produzione di sebo e la cheratinizzazione dello strato corneo provocano l’ostruzione dei pori della pelle con conseguente proliferazione batterica, infiammazione e formazione di foruncoli e cisti.

 

La crema al CBD per acne di Canzon è un dispositivo medico formulato in modo specifico per attenuare i sintomi dell’acne come foruncoli, eccesso di sebo, proliferazione batterica, infiammazione e arrossamento cutanei.

 

La crema al CBD per acne, applicata due volte al giorno, consente di inibire la produzione di sebo, ammorbidire e idratare la pelle, diminuire l’infiammazione provocata dall’acne e, di conseguenza, limitare la comparsa di foruncoli.

 

Oltre al CBD, nella crema per acne Canzon, concorrono al miglioramento della salute della pelle anche altri estratti naturali. La farina di avena colloidale, ad esempio, forma uno strato prottettivo sulla pelle, migliorandone la protezione dagli agenti esterni l’idratazione.  

 

La presenza di altre sostanze tra cui flavonoidi, vitamina B3, allantoina, estratto di rosmarino, cera di jojoba e olio di vinaccioli contribuiscono a migliorare l’aspetto della pelle riducendo la formazione di macchie scure causate dalle lesioni dell’acne e grazie all’azione idratante, antiossidante e antinfiammatoria.

 

Crema per psoriasi al CBD

La crema al CBD per psoriasi di Canzon è un dispositivo medico sviluppato per lenire l’irritazione, la secchezza,  l’arrossamento e l’eventuale prurito provocati dalla psoriasi.

Il prodotto è formulato con CBD naturale, estratto dalla canapa e inserito in liposomi che penetrano nella pelle e agiscono in profondità per calmare l’infiammazione causata dalla psoriasi.

La crema per psoriasi al CBD contiene inoltre farina d’avena colloidale, che protegge la pelle dagli agenti esterni e disidratazione, e oli vegetali come l’olio di albicocca e la cera di jojoba, che migliorano l’elasticità, la morbidezza e l’idratazione della pelle.

L’utilizzo costante della crema al CBD aiuta quindi a migliorare l’aspetto e a lenire il fastidio delle placche provocate dalla psoriasi, diminuendo l’arrossamento, l’ispessimento e la desquamazione superficiale delle lesioni e il prurito che spesso provoca questa malattia della pelle.