Articolo

Pitture naturali: caratteristiche e vantaggi

Utilizzare pitture naturali per le nostre case invece di quelle sintetiche è garanzia di maggiore benessere e di rispetto per l'ambiente.

pitture-naturali

Credit foto
©Jozef Polc-123RF

Tutti noi abitiamo case i cui muri sono, molto probabilmente, dipinti con pitture sintetiche che generalmente si rinnovano dopo una decina d'anni.

Ma abbiamo mai sospettato che questi materiali possano essere tossici per la nostra salute?

Anche le cosiddette pitture ad acqua non sono pitture naturali: sono semplicemente tinteggiature con resine chimiche che utilizzano l’acqua come solvente, ma sono ben lontane da miscele di prodotti naturali.

 

Le Pitture Sintetiche

Le pitture chimiche sono costituite da resine sintetiche dalla funzione coprente e aggrappante: possono essere resine viniliche, acriliche, epossiche, poliuretaniche, fenoliche e rilasciano composti organici volatili (VOC).

Nello specifico le pitture con solventi non sono adatte per la tinteggiatura di muri interni, poiché altamente tossiche per l’uomo e inquinanti dell’ambiente.

Le pitture ad acqua rilasciano una quantità inferiore di VOC e tra le due tipologie queste sono quelle generalmente suggerite per la realizzazione di tinteggiature interne.
 

Le Pitture Naturali

Esistono però anche pitture naturali. Costano sicuramente di più e chi desidera realizzarle da sé deve armarsi di pazienza e porre attenzione a seguire le indicazioni sia di miscelazione, sia di stesura e rispettare i tempi di asciugatura.

Le pitture naturali utilizzano aggrappanti naturali come la calce, l’uovo, resine vegetali, la cera d’api, l’olio di lino cotto, l’olio di girasole.

In ogni caso chi non è molto pratico con il fai da te, può trovare in commercio basi di pittura a calce a cui aggiungere i pigmenti per ottenere i colori desiderati.

 

Caratteristiche delle pitture naturali

Le pitture naturali resistono anche all'esterno, soprattutto quelle a calce, le cui caratteristiche sono facilmente enumerabili:
 

> Resistenti all'umidità, alle intemperie;
> con proprietà battericida e fungicida;
> traspiranti.
 

Le pitture a calce necessitano di più passate per dare un bel effetto coprente e compatto e deve essere rispettato il tempo minimo di asciugatura che è di almeno un giorno.

La preparazione di una pittura naturale a calce prevede la miscelazione di calce in polvere con pigmenti naturali precedentemente stemperati in acqua e yogurt fino ad ottenere un bel impasto fluido.

Calce e pigmenti vanno poi diluiti in acqua e latte con un aggrappante naturale come l’albume d’uovo o la colla di riso. Il composto deve essere preparato con molto anticipo rispetto alla stesura sul muro, per consentire alla miscela di amalgamarsi al meglio e ammorbidirsi.

 

Vantaggi delle pitture naturali

Le pitture naturali come già anticipato non sono tossiche, quindi a tutto beneficio per l’ambiente e per la salute.

Le pitture naturali penetrano nel muro e si fondono in un unicum: questo significa che a differenza di quelle sintetiche non formano una pellicola che col tempo si stacca, ma invecchiano col muro stesso.

La manutenzione quindi è molto più semplice e la durata superiore, ammortizzando così eventuali costi dovuti ad un utilizzo di quantitativi di prodotto superiori.

> Agendo in questo modo le pitture a calce non occludono il muro e lo lasciano traspirare, contrastando la formazione di umidità e di muffe.

A tal proposito sono indicate proprio per quei locali poco aerati, per muri vecchi ed umidi, che necessitano di essere sanati.
 

> Sono pitture che possono essere facilmente personalizzate, con pigmenti, e polveri materiche che danno rilievo al colore.

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio