Articolo

Le vitamine per i neonati

Vediamo quali sono le vitamine per i neonati e perché vengono consigliate

Le vitamine per i neonati

Generalmente ai neonati viene consigliata la supplementazione di vitamina D e vitamina K.

Talvolta a queste vitamine si associano altri integratori, ma deve essere sempre il pediatra a valutare, caso per caso.

 

Vitamina D e neonati

La vitamina D è molto importante per l’assorbimento intestinale di calcio e fosforo e per la loro deposizione a livello delle ossa. Un apporto insufficiente di vitamina D nel neonato può essere causa di rachitismo, una patologia dell’apparato scheletrico ad esordio infantile, caratterizzata da un difetto di mineralizzazione delle ossa.

La vitamina D può essere assunta con il cibo, ma viene soprattutto sintetizzata dall’organismo esponendosi alla luce solare.

Le linee guida nazionali e internazionali consigliano la supplementazione di vitamina D nei neonati sin dai primi giorni di vita, sia in quelli allattati al seno, sia in quelli nutriti con latte formulato.

Solitamente si consiglia di continuare a somministrare integratori di questa vitamina per tutto il primo anno di vita. La supplementazione di vitamina D ai neonati viene consigliata sempre, ma soprattutto nei periodi dell’anno meno soleggiati o in quei Paesi in cui la luce del sole è meno presente.

 

Vitamina D, come assumerne tutte le proprietà

 

Vitamina K nei neonati

La vitamina K è fondamentale per la produzione, nel fegato, di fattori importanti per la coagulazione del sangue. La carenza di questa vitamina può quindi causare un aumento del tempo di coagulazione ed emorragie.

La vitamina K viene normalmente introdotta con la dieta ed è prodotta dalla flora batterica intestinale. I neonati, però, hanno un intestino sterile, dunque la flora batterica intestinale non si è ancora formata.

La supplementazione di vitamina K è consigliata per prevenire la cosiddetta malattia emorragica del neonato. A scopo profilattico si somministra 1 mg di vitamina K, tramite iniezione intramuscolo, a tutti i neonati, subito dopo la nascita. In casi particolari, la dose può essere raddoppiata o ripetuta.

Il latte materno è carente di vitamina K; di conseguenza, ai neonati allattati al seno viene generalmente consigliato di continuare la profilassi assumendo, per via orale, un integratore di vitamina K per alcune settimane, dopo la nascita.

 

Altri integratori per il neonato

A partire dai quattro/sei mesi viene consigliata spesso anche la fluoroprofilassi, cioè la somministrazione di integratori contenenti fluoro. In realtà, si tratta di una questione controversa; non tutti, infatti concordano sull’utilità di integratori per la profilassi dentale in quanto l’eccesso di fluoro può essere dannoso tanto quanto la carenza di questo elemento.

Gli integratori di fluoro, secondo chi ne sostiene l’uso, sono utili a partire dai 4/6 mesi, fino ai tre anni, perché l’acqua offerta al neonato può non contenerne a sufficienza.

I detrattori della fluoroprofilassi pongono invece l’accento sul rischio di fluorosi e di altri danni che possono derivare dall’eccesso di fluoro. Se la mamma allatta al seno può decidere di assumere lei integratori a base di fluoro, che poi, attraverso il latte, passerà al bambino.

Gli integratori per neonati possono contenere anche zinco, luteina e/o ferro. La somministrazione di particolari integratori ai neonati va concordata sempre con il pediatra, che potrà decidere di intervenire con una supplementazione laddove possa esserci il rischio o l’evidenza di una situazione carenziale. Non è consigliabile offrire integratori ai neonati di propria iniziativa.

 

Scopri di più sull'alimentazione adatta i neonati

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio